domenica , 4 dicembre 2016
In primo piano
Home > Itinerari > Passeggiando per Central Park
Central Park, New York

Passeggiando per Central Park

Camminare lungo le strade di Manhattan con i taxi che sfrecciano tra una corsia e l’altra e i pedoni che, camminando di buon passo per le interminabili street, quasi vi calpestano i piedi è un’esperienza incredibilmente affascinante. Dopotutto siete a New York.

L’aspetto ancora più sorprendente di questa città dalle mille sfaccettature è la presenza di un parco – e che parco – dove potersi riposare, in un ambiente del tutto tranquillo, dove poter staccare la spina quasi come se fossimo in un’altra realtà.

Central Park è un mondo a parte, è la meta preferita degli stessi newyorchesi, è il luogo ideale dove perdersi e considerando che si estende su un’area di 3,4 km2, non è proprio così difficile che ciò avvenga.

Questa è la carta d’identità di Central Park: sono numeri da capogiro.

E’ lungo 4 km, largo 800 mt, ha ben 9000 panchine, ci sono 7 laghi, si possono praticare oltre 20 sport, vivono al suo interno 270 specie di migratori e 50.000 pesci, 35 milioni sono i visitatori di cui 10 milioni i turisti; la strada che circonda il parco è lunga 9,7 km e, specialmente nel fine settimana, è affollata di persone che corrono a piedi e sfrecciano sui piattini.

Insomma a questo punto stiamo tutti immaginando nella nostra mente le classiche scene da film che ci auguriamo di vedere se dovessimo andare nella Grande Mela.

Ritrovare la strada, se ci si perde in Central Park, risulta essere molto semplice. Ogni lampione, presente nel parco, porta sulla base un codice. Le prime due cifre si riferiscono alla strada più vicina. Le ultime due, invece, indicano il lato est (se il numero è pari) oppure ovest (se è dispari). Vediamo ora le principali attrazioni da visitare.

Il Great Lawn è un immenso prato che ospita numerosi eventi durante la stagione estiva. Se non ci sono eventi in programma, come in questa stagione, basta attraversare l’86esima strada per raggiungere il Jacqueline Kennedy Onassis Reservoir, un lago circondato da una pista da jogging di ben 5km dedicato alla vedova di Kennedy, che amava proprio questo tipo di sport. E’ perfetto anche per fare una passeggiata, aspettando il tramonto, ammirando i grattacieli che si illuminano di luci.

Una delle aree più belle del Reservoir, dal punto di vista estetico, è The Ramble, un vero e proprio bosco di circa 15 ettari, attraversato da sentieri tortuosi e ruscelli ed è la zona collinare da cui è possibile ammirare la splendida flora e fauna.

Usciti dal labirinto s’incontrano le linee di pietra di Belvedere Castle, maniero vittoriano che ospita la stazione meteorologica della città. Da non perdere, nella zona est, lo zoo, un bioparco diviso per regioni climatiche (zona tropicale, temperata e polare) con oltre 100 specie di animali.

Altro gioiello è lo Shakespeare Garden: a maggio, quando le rose sono tutte fiorite, i visitatori sono attratti dal profumo delizioso ed intenso che emanano.

Nell’estremità meridionale, da non perdere, soprattutto se avete dei bimbi piccoli, il Carousel, la bellissima giostra di cavalli antichi.

Come non citare poi Strawberry Fields, uno dei punti più visitati del parco, nelle vicinanze di dove è stato ucciso John Lennon. Si trova all’altezza della W 72nd.

Potete decidere di visitare Central Park a piedi, oppure noleggiando una bicicletta o ancora se siete in coppia e dovete far colpo optate per una soluzione decisamente più romantica e di grande effetto: carrozza con cavalli. Successo assicurato. Il tour dura 45 minuti, si può salire fino ad un massimo di 4 persone, si può prenotare on line: mazzo di rose compreso!

Must dell’inverno newyorchese: passeggiate sino alla grande pista di pattinaggio di Wollman Rink per poi noleggiare un paio di pattini e così da divertirsi un po’ su questa splendida pista. O l’avete già fatto, ai piedi del meraviglioso albero al Rockefeller Center?



  

  

  

  




Leggi anche

Alla scoperta del Fall Foliage

Alla scoperta del Fall Foliage da New York

Torna anche quest’anno il treno “Autumn Express” della Amtrak, la compagnia di treni americana. Il …

8 commenti

  1. Non ci sono ancora stata . Spero di andarci molto presto , ci andrò con la mia migliore amica Federica .
    I love New York

  2. ciao….mi consigliate un itinerario per girare CP? da dove conviene entrare e che giro fare?
    ci sono già stata 3 anni fa ma ho trovato solo una mattinata di sole (su 10 gg!) per poter girare e ci siamo accontentati di una toccata e fuga :(

  3. ciao gerry,
    ho letto che tua moglie non vuole tornare a new york come mai???? io dovrei andare a marzo ma sentire una voce fuori dal coro dopo tante lusinghe mi preoccupa

  4. Città meravigliosa. non vedo l ora che arrivi aprile per ritornarci Quest anno faremo il giro in carrozza….. Una città che ti resta nel cuore…

    • Ho chiesto a mia moglie se avesse avuto piacere di passare un altro mese a New York, come abbiamo fatto nell’aprile scorso. Sapete cosa mi ha risposto? Oh no, un altro a New York proprio no.

  5. MARIA SAMMARCO

    CI TORNEREI SUBITO….STUPENDA….ATMOSFERA CHE NON SENTI IN UN’ALTRA CITTA’…NON SO COSA SIA MA NE RIMANI INCANTATA!!!

  6. Bell’articolo è come esserci stata, mi piacerebbe così tanto andarci!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X