lunedì , 5 dicembre 2016
In primo piano
Home > Cosa vedere a New York > Greenwich Village, New York
Visitare il Greenwich Village di New York
Il famoso Washington Square Arch nel parco

Greenwich Village, New York

Se hai voglia di qualcosa di diverso e sei stufo di quelle strade perfettamente allineate e numerate, allora il Greenwich Village è il posto giusto. Questo quartiere a sud della 14th street, presenta infatti strade con una struttura irregolare e non a griglia e denominate con nomi e non con numeri. Nel Village i grattacieli lasciano il posto a edifici più a misura d’uomo, così che anche il sole può raggiungere le strade. Le strade super affollate sono solo un ricordo, qui la calma, consente ritmi molto più rilassanti.

Il Greenwich Village è stato la patria di molti artisti, scrittori e musicisti. Bob Dylan, fa riferimento a questo quartiere in tante sue canzoni; molti scrittori beat come Allen Ginsberg, Jack Kerouac e William Burroghs abitavano in questo quartiere di Manhattan.

Nel Village ha sede la prestigiosissima New York University. Per gli amanti dei locali notturni Bleecker Street è l’indirizzo giusto. Nelle vicinanze si trova il locale Cafe Wha? dove artisti come Bob Dylan, jimi Hendrix, Bruce Springsteen e Bill Cosby hanno iniziato la loro carriera.

Lo storico Washington Square Park è il centro di questo quartiere. Nel Village si tiene l’evento più grande degli Stati Uniti dedicato ad Halloween, con la Halloween Parade. Iniziò quasi per caso nel 1973, quando il burattinaio Ralph Lee organizzò una passeggiata casa per casa per i suoi bambini e i suoi amici. L’anno successivo gli fu chiesto dal Theatre for the New City, di organizzare una manifestazione in larga scala, che prese molte più strade del Village. Al giorno d’oggi partecipano circa 35.000 persone e l’evento è seguito sia dai media locali che da quelli nazionali, con circa 2 milioni di persone che seguono l’evento. Per partecipare è sufficiente essere vestiti a maschera!

Video-passeggiata del West Village

Cose da vedere nel Greenwich Village: itinerario completo

Come arrivare

Iniziamo il nostro itinerario alla scoperta del West Village partendo da Washington Square Park. Raggiungiamo Washington Square Park con la metro A, C, E, B, D, F, M alla stazione West 4th St Station, oppure con la metro N, R alla stazione 8th Street – New York University.

Washington Square Arch

Il Washington Square Arch
Il Washington Square Arch

Nel parco troviamo il famoso arco, il quale è stato costruito prendendo come esempio, l’Arco di Trionfo di Parigi, per commemorare il centenario della proclamazione di George Washington come presidente, nel 1892.

Curiosità su Washington Square Park

Tutti fate una passeggiata in questo bellissimo parco del Village, ma quanti sanno la storia che sta dietro?

Il parco dal 1797 al 1826, prima che diventasse uno spazio pubblico è stato un cimitero per il luogo di sepoltura di indigenti e persone “sconosciute”.

Al centro della piazza, dove attualmente si trova la fontana, c’era il patibolo. Ci furono esecuzioni fino al 1820 e i corpi venivano poi sepolti insieme agli altri, contribuendo a riempire la fossa comune di oltre 20.000 corpi.

Un’altra curiosità è che dalla zona nord del parco inizia la Fifth Avenue e continua verso nord.

La fontana al centro del parco risale al 1960.

Terminata la visita scendiamo da Washington Square West, la quale terminato il parco diventa MacDougal Street.

Macdougal Street

Il famoso Caffè Reggio a New York
Il famoso Caffè Reggio, il quale ha portato il cappuccino a New York.
Dagli anni ’20 agli anni ’70, è stato il cuore pulsante della vita culturale del Village.

Sulla destra (al 119 di MacDougal Street) troviamo il Caffe Reggio, il cui fondatore Domenico Parisi, ha introdotto il cappuccino negli Stati Uniti agli inizi degli anni ’30. All’interno del locale c’è ancora la macchina da caffè originale, risalente al 1902, che Domenico Parisi comprò per aprire il caffé. In questo locale sono state girate alcune scene del Padrino II. E’ un ottimo posto in cui consumare un vero cappuccino.

Di fronte al Caffè Reggio, al numero 130 c’è la casa dove abitò Louisa May Alcott, dove scrisse gran parte del famoso romanzo, Piccole Donne.

Proseguendo la passeggiata su MacDougal Street, troviamo un ottimo posto in cui mangiare uno dei migliori hamburger di New York, il Minetta Tavern, al numero 113. I prezzi non sono molto economici, però la qualità è super. In questa taverna erano ospiti fissi Hemingway, Ezra Pound e tanti altri.

Se invece avete voglia di cucina indiana vi consiglio Thelewala al 112.

Al numero 93, all’angolo con Bleecker Street c’era la sede del San Remo Cafe, il quale attraeva molti bohémien come Allen Ginsberg, Jack Kerouac, Jackson Pollock, Gore Vidal e tanti altri.

Continuiamo a scendere lungo Macdougal Street e quindi giriamo a dx su Bleecker Street.

Bleecker Street

La via è rinomata per la sua vita notturna, grazie ai tantissimi nightclub che propongo musica e commedie dal vivo.

Nella strada affianco alla Chiesa Our Lady Of Pompei, fino agli anni ’70 c’era un mercato italiano e ancora oggi si trovano degli shop italiani come Faicco’s e Rocco’s.

Chiesa Our Lady of Pompei

Alla sinistra di Bleecker Street troviamo la Chiesa Our Lady of Pompei. Dovete sapere che questo quartiere un tempo era abitato dagli italiani e infatti c’è ancora qualche negozio a testimoniarlo.

La Chiesa aiutava i nuovi arrivati dall’Italia a inserirsi in questo nuovo mondo.

Quando parlo d’aiuto, non intendo solo supporto spirituale, ma sosteneva concretamente gli immigrati italiani, a sbrigare le pratiche burocratiche riguardanti l’immigrazione e a trovare un lavoro.

Ancora oggi in questa Chiesa è possibile seguire la Messa in italiano (oltreché in inglese, portoghese e tagalog, il filippino).


Continuiamo su Bleecker Street e giriamo a sx in Morton Street e quindi a dx su Bedford Street.

Al 75 (sulla sinistra) di Bedford Street c’è la casa più stretta di New York. C’è anche una targa a testimoniarlo e può vantare tra i suoi proprietari anche l’attore Cary Grant. E’ larga solo tre metri, ma vale oltre $4 milioni di dollari.

La casa in legno si trova in Bedford Street, nel West Village
La casa in legno si trova in Bedford Street, nel West Village

Al 90 (sulla destra) di Bedford Street c’è la Wooden House, la casa in legno, una particolarità per il quartiere e per la città. Questa casa risale al 1799 e può vantare di essere la più antica del Village, costruita prima ancora dell’esistenza di molte vie del quartiere.

Palazzo di Friends nel Village
Palazzo di Friends nel Village



Procedendo con la passeggiata, all’angolo tra Bedford Street e Grove Street troviamo il palazzo in cui immaginariamente vivevano i protagonisti della serie Friends, anche se in realtà il telefilm è stato girato interamente negli studios a Los Angeles.


Al 102 (sulla dx) c’è la casa in stile Chalet dove ha vissuto anche Walt Disney.


Terminata Bleecker Street giriamo a destra su Christopher Street.

Christopher Street

Christopher Street, New York
Christopher Street, New York
Christopher Street è il centro della comunità gay newyorchese. La zona è famosa per uno degli episodi più violenti dei Draft Riots (nel 1863 dall’11 al 16 luglio, ci furono i disordini di New York a seguito della legge sulla coscrizione approvata dal Congresso, ma soprattutto dal malcontento sociale anche per via della guerra civile in corso), in cui vennero linciati diversi membri della comunità afroamericana. Inoltre nel giugno del 1969 altri scontri scoppiarono nella comunità gay.

Giriamo a sinistra su Bleecker Street e a destra su Perry Street.

Al 64, sulla destra, c’è la casa di Carrie. Infatti nonostante in Sex and the City la casa si trovi nell’Upper East Side, in realtà è qui nel Village.


Torniamo indietro e proseguiamo su Bleecker Street, quindi al parco leggermente a sinistra e quindi a dx per continuare su Hudson Street e quindi sulla 9th Avenue dove all’altezza della 14th Street c’è il Chelsea Market.

Il Chelsea Market possiamo definirlo come un grande loft culinario, ricavato dall’ex fabbrica Nabisco, National Biscuits Company, la quale qui inventò e produsse i biscotti Oreo.

E’ interessante fare un giro al Chelsea Market anche se non si ha fame, è bello da vedere esteticamente. Poi vedrete che qualcosa la comprerete perché i profumi sono irresistibili.

Al Chelsea Market ha la propria sede anche il canale NY1
.

Visitato il Chelsea Market scendiamo sulla 9th Avenue, fino ad incontrare Gansevoort Street e giriamo sulla destra. Da lì prendiamo la High Line.






Come arrivarci:

Metro linee N, R stazione 8th street-NYU. Linee A, B, C, D, F, M stazione W 4th Street.

Tour in italiano del Greenwich Village TOUR IN ITALIANO DEL GREENWICH VILLAGE
Scopri il Village, SoHo e tutta la zona di Lower Manhattan grazie al tour in italiano, Downtown Manhattan.
Prenota subito e paga a New York
 

Hotel a New York HOTEL NEL GREENWICH VILLAGE
uno dei quartieri più belli di Manhattan, zona molto tranquilla e vivibile durante il giorno, la sera prende vita grazie ai suoi numerosi ristoranti. Ubicazione perfetta.
I migliori hotel nel Greenwich Village
 

Mappa



  

  

  

  




5 commenti

  1. CIAO, HO UNA DOMANDA IL PALAZZO DELLA SERIE TELEVISIVA FRIENDS è IN QUESTO QUARTIERE? PER CASO SAI LA LOCAZIONE PRECISA DEL PALAZZO.

    GRAZIE MILLE PER LA DISPONIBILITà

  2. Vorrei avere qualche suggerimento per ristoranti buoni e non italiani nel village a new york. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X