sabato , 10 dicembre 2016
In primo piano
Home > Diari di viaggio New York > NYC è… – diario di viaggio

NYC è… – diario di viaggio

Su questa città si è detto molto, è una città fantastica, la si ama o la si odia, senza mezze misure… Vi racconto brevemente della nostra avventura. Abbiamo volato con Delta circa 600 euro a testa, si trovano voli anche più economici, ma noi ci siam trovati bene, siamo atterrati a JFK e abbiamo preso il Go Airlink prenotato in rete per circa 18 euro a testa (A/R), che ci attendeva, in circa 40 minuti eravamo all’hotel Cosmopolitan. E’ situato a Tribeca, a 5 minuti a piedi dal World Trade Center e il Ponte di Brooklyn, è esattamente sopra la fermata di Chambers, comoda per arrivare ovunque! E’ un hotel economico (cosa non facile in questa città) pulitissimo, personale ispanico gentilissimo e molto disponibile ma discreto, la pulizia era impeccabile. Solo un paio di pecche: eravamo in un mini loft con il letto nel soppalco che era alto 1.50 m e la sera era un forno (c’era un ventilatore e un condizionatore ma non arrivava nulla nel soppalco) e la via era piuttosto rumorosa, c’era molta vita notturna, quindi dormire è stato piuttosto difficile, ma dopotutto NYC never sleeps… ED E’ VERO! La metropolitana è in funzione tutto il giorno, è sicura e conveniente se si fa la Metrocard ad uno sportello automatico, molti hanno anche la lingua italiana tra le opzioni! (noi con 25 $ abbiamo viaggiato per una settimana illimitatamente). Pensavo di avere problemi con l’Uptown e Downtown, in realtà è molto facile, non abbiamo mai sbagliato neanche con treni locali ed espressi… Mi son sentita subito a casa… Mi sembrava di conoscere NYC da sempre anche grazie a tutti i film e telefilm… Mi avevano detto che non c’erano molti wc pubblici, in realtà ci sono in ogni negozio che abbiamo visitato, oltre che a Central Park, quindi nessun problema! La vita è piuttosto cara, anche nei supermercati, quindi abbiamo speso più in cibo che in vestiario, ma va bene così… Consiglio Jack99 un giga store di 3 piani dove si vende un mare di roba quasi tutto a 99 cent o poco più… Si spazia dagli alimentari ai libri, a materiale elettrico, cartoleria… Fateci un giro, non rimarrete delusi! Le porzioni sono piuttosto grandi, quando abbiamo preso l’hamburger c’erano sempre una montagna di frenchfries.. Non saranno salutari ma che bontà! :) I dolci poi si sciolgono in bocca sono una delizia… Naturalmente sosta obbligata da Magnolia Bakery, anche solo per guardare i commessi! :P Siamo stati sull’Empire non abbiamo fatto neanche molta fila, tutto scorrevole compresi i controlli stile aeroporto, a testa costa 20 $ (+ 8 per la piantina, +8 per l’audioguida) fino all’86^ piano,
+18 per il 102^, noi ci siamo fermati all’86^, ma anche se c’era un po’ di foschia la visione è stata favolosa… da commuoversi! Mio marito si è scatenato in foto e riprese! Abbiamo fatto il viaggio in traghetto per Ellis & Liberty
Island
, sempre molti controlli stile aeroporto. Io avrei evitato 12 $ a testa (+8 per accedere alla statua), ma alla fine ne è valsa la pena… Miss Liberty è bellissima! anche se mi sarei accontentata del solo traghetto per Staten
Island che è gratuito e passa abbastanza vicino alla statua. C’è ogni mezz’ora e in circa 25 minuti ti porta dall’altra parte, poi al volo si prende quello per il ritorno! Abbiamo fatto una bella passeggiata sul ponte di Brooklyn, schivando i corridori tutti forniti di iPod o iPhone al braccio… qui corrono tutti, sembra non lavori nessuno!!! :) Il World Trade Center è commovente, da far venire i brividi, avevo le lacrime agli occhi! Lì vicino c’è il 21th Century un giga outlet dove vendono di tutto… andate all’apertura (qui alle 7.45 i negozi aprono!) altrimenti preparatevi a gomitate e file alle casse… si fanno davvero affari! Prendetevi un’intera giornata per Central Park va visitato in
lungo e in largo, noi siamo arrivati fino ad harlem, l’erba è di un verde che non si può spiegare… E’ bellissimo! La zona dei teatri è animatissima sia di giorno che di notte, moltissimi turisti! Ci son un sacco di negozi di souvenir,
fast food e naturalmente teatri, noi non siamo andati a nessuno spettacolo, non ci interessava ma chi ci è stato sostiene sia fantastico! Le parti più deludenti sono state Chinatown e Little Italy, la prima molto sporca, trasandata, abbandonata, la 2^ è una piccola via con bar e ristoranti dal nome italiano e dal personale ispanico o cinese… A voi le conclusioni… Mangiare fuori è di certo quasi più conveniente rispetto ai supermercati… Ma forse è l’occhio italiano a farmi parlare così… :) si vede che non sembravo una turista, mi chiedevano
informazioni su luoghi e metropolitane… questa cosa mi è piaciuta un sacco! Non abbiamo visto nessuno con mascherine o preoccupazioni vari e non ci siamo ammalati neanche noi… Si fanno degli ottimi affari, ma non su tutto, molte cose costano come in Italia, quindi ho preferito non sovraccaricarmi il bagaglio (cosa che poi è accaduta comunque! :)) In aeroporto sono piuttosto precisi, e mi han perquisito da cima a fondo, ma sempre con gentilezza…

Un consiglio, noi abbiamo preferito pagare tutto con carta di credito o bancomat (carta di debito o ATM in America), abbiamo usato pochi contanti e piuttosto che cambiare euro/dollari abbiamo preferito prelevare (con commissione di 2 $). Ricordate le mance sono obbligatorie, in genere il 10-15% e ricordate sempre il nome del commesso che vi aiuta nei negozi, i loro guadagni sono solo su commissioni… :) Andate a NYC senza problemi, non ne rimarrete delusi… NYC va vissuta, respirata, amata, capita, goduta fino in fondo! :)

diario di: smilesmile

  

  




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X