sabato , 10 dicembre 2016
In primo piano
Home > Diari di viaggio New York > Sex and the City e non solo… – diario di viaggio New York

Sex and the City e non solo… – diario di viaggio New York

Periodo: 6 – 25 Ottobre 2008

Ciao turisti!
Degli States se ne parla così tanto che non vorrei dilungarmi troppo sugli itinerari (che alla fine sono tutti molto simili) quanto piuttosto vorrei darvi qualche informazione pratica e raccontarvi cose da non perdere!

Itinerario:

Roma – San Francisco sono circa 16 ore di volo con scalo a NY. Siamo rimasti a “Frisco” per 3 giorni.

San Francisco – Las Vegas tour in macchina di 4 giorni sulla costa californiana fino a santa barbara e poi verso la Death Valley.
Las Vegas: 2 giorni di pura follia
Las Vegas – Los Cabos (Mexico) in aereo sono circa 2 ore di volo…. 7 giorni di total relax
Los Cabos – New York: in aereo sono circa 4 ore di volo. Siamo rimasti a NY 6 giorni.

Partiamo dall’inizio….

San Francisco: è come la vedi nei film! Il sali scendi di strade è fantastico…e se vai veloce è proprio vero che la macchina salta alla fine della salita!!!
Abbiamo attraversato il Golden Gate in bici fino a Sausalito dove ho mangiato un mexicano migliore di quello che ho mangiato in Messico. E la nebbia non c’era!
Da non perdere il Pier 39 e dovete mangiare il granchio gigante!…devo dire la verità a me non fa impazzire ma mio marito era in libidine totale. E chi di voi non ha visto “Grosso Guaio a Chinatown?” Bé, attraversate quella porta e rivivrete il film!
Prezzi medi, cibo molto vario, clima perfetto direi 25°. Noi abbiamo alloggiato al Clift Hotel, davvero bello.

Tour fino a Las Vegas: abbiamo affittato una Chevrolet Malibù a Frisco, e andiamo a scoprire la Death valley. Prime tappe Monterey e Carmel (ne parlano molto ma non sono niente di che…molto americanata sembra il Truman Show!). Ore e ore di macchina sulla costa. Una vista magnifica a picco sull’oceano, diciamo che il tanto nominato Big Sur in realtà ci siamo passati e nemmeno ce ne siamo accorti…fate voi! Dormiamo a San Louis Obispo al mitico Madonna Inn; ragazzi se ci capitate…dovete andarci!!!! Non ve lo posso raccontare…andatelo a vedere!!! http://www.madonnainn.com/ il motel + assurdo che io abbia mai visto! 130 $ a camera
Ripartiamo verso l’interno e dormiamo a Ridgecrest, il paese più vicino alla Death Valley in un motel su strada…anche perché il posto è solo una strada con motel e Mc Donald’s. Ripartiamo per la Death valley scegliendo la strada più lunga ma almeno super strada. E’ tutto così immenso che ti si ingrandiscono gli occhi per vedere tutto!
Le strade sono lunghissime, vuote e desolate, mai una pompa di benzina, mai un ristorante, ore di strade vuote; è un immenso spettacolo. E ci avviciniamo alla valle della morte.
E la gente si chiede perché la chiamano così? Perché quando arrivi e vedi quei paesaggi spettrali, ti giri intorno e non vedi nessuno…non senti nessuno, ci sono solo montagne gialle, rosse che sembrano fatte di cioccolato e poi vai al Dante’s Peak e vedi la valle. Lì lo capisci. Io non lo credevo ma quell’ immagine ce l’ho impressa nella mente. E fa paura.
Se vi capita, fatevi la strada degli artisti… se mio marito legge che lo sto scrivendo mi uccide dato che quando mi ci ha portato abbiamo litigato per quanto mi ha fatto paura!!! Al buio, alle spalle la valle in penombra, strada a senso unico che non si sa dove sbuca… incubo!!
Dormiamo al Furnace’ Creek, abbiamo prenotato la mattina che siamo arrivati senza problema. Circa 120$ a stanza. Poi passeggiata a cavallo in mezzo alle dune, bellissimo.

Partiamo per Las Vegas, circa 3 ore dalla Death Valley.

Las Vegas: non vale la pena raccontarlo, ma almeno una volta bisogna andarci. Abbiamo alloggiato al Luxor e girato per alberghi e casinò, a vedere i veri disperati ai tavoli anche alle 7 di mattina; due notti sono più che sufficienti. Non ci tornerei. Non comprate nulla a Las Vegas, andate all’outlet a 2 km, abbiamo svaligiato Tommy Hilfiger e Nike.

Los Cabos: è ormai la metà dei vip americani: Jessica Alba, Jennifer Aniston; volevamo andarci, è oceano quindi il mare non te lo godi proprio. Però è Messico, con il calore del popolo e quel cibo paradisiaco!!! Ottimo per pesca d’altura (mio marito ha fatto escursione e ha pescato un Dorado di 15 kg!). Bei locali la sera a Cabo san Lucas. Noi abbiamo alloggiato 3 giorni al Dreams e 3 giorni al Me Cabo. Il primo all inclusive, il secondo solo pensione; costano tanto, troppo circa 350$ a notte. Sono felice di esserci stata ma non ci tornerei.

New York: che dire della Grande Mela? Spettacolare? No, non basta, è una città di un fascino pazzesco, quando sei lì ti viene voglia di comandare il mondo.
Abbiamo dormito al SOHO Grand Hotel, carino ma troppo costoso per quello che ti dà. Stanze molto piccole. Vi consiglio molto la zona, secondo me la più bella di New York. Andate nei locali la sera nel Meatpacking
…e incontrerete Carry, Samantha, Miranda e Charlotte!!
Bello anche il MOMA, ma sinceramente mi aspettavo molto di più.
Sulla Fifth c’è una splendida terrazza al 16° piano dell’Hotel Peninsula per aperitivi con vista sui grattacieli.
Non vi perdete una cena a base di gamberi a Times Square da Bubba Gamp!

Dato che ero in viaggio di nozze non mi sono soffermata molto su alberghi e prenotazioni varie perché, a parte il tour on the road, il resto abbiamo prenotato tutto da Roma e non abbiamo scelto low cost ma qualcosa di un po’ più lussuoso (per una volta almeno si può fare!). Abbiamo speso (escluso shopping) circa 10.000 euro in due. Comunque, a parte NY, si trovano sistemazioni anche economiche.

Qualche consiglio:
– NON E’ VERO che a New York si risparmia. Hanno adeguato i prezzi al cambio, quindi costa tutto tanto, soprattutto per mangiare. Una bistecca e insalata in un normalissimo ristorante circa 60$ a persona.
– Lo shopping è conveniente per la Nike (risparmi circa il 20%) ma il vero risparmio lo hai se vai negli outlet. Ce ne è uno a un’ora da NY , organizzano i pullman… danno info in quasi tutti gli alberghi. Ho trovato un outlet a Wall Street (Century 21) dove ho comprato i Diesel a 50 euro al paio. Dicono che si risparmia molto anche sulla Apple (c’è un centro grandissimo nel Meatpacking)
– Per chi è amante dell’arte, pittura, disegno ecc c’è tra SoHo e Chinatown il più grande outlet di belle arti…
– Pranzate nei delicatessen dove troverete le insalate multi gusto! Io mi sono riempita di bolle a forza di hamburger!

Buona America a tutti!
Claudia e Christian

  

  




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X