lunedì , 5 dicembre 2016
In primo piano
Home > Diari di viaggio New York > This is New York folks – diario di viaggio New York

This is New York folks – diario di viaggio New York

New York è una città fantastica.
E’ letteralmente un set a cielo aperto. Non tanto, o non solo, per il fatto che nelle piazze più conosciute si incontrano spesso set allestiti per le riprese di un qualche film, ma anche perché tutto ciò che si vede nei film, è qui, è reale.

Atterraggio all’ aeroporto JFK. Fila gigantesca per entrare negli States. Controllo passaporti, registrazione delle impronte digitali e foto segnaletica. Mai visto niente di simile, se non al cinema. Taxi: esattamente i taxi che si vedono nei film, con il conducente separato dai passeggeri e la sua foto che ti guarda da dietro il suo sedile, con tanto di nome e cognome. Tuttavia si tratta per lo più di asiatici o africani, che ai nostri occhi si assomigliano tantissimo tra loro e hanno nomi impronunciabili. Per cui, anche se dovesse rapinarti, non riusciresti mai a dare indicazioni sufficientemente chiare sulla sua identità. I taxi di New York, tutti rigorosamente gialli, sono un’istituzione. La maggior parte sono affittati quotidianamente da extracomunitari che cercano di guadagnarsi il pane, per cui pagano 180 dollari per la macchina e cercano di catturare quanti più clienti possibili per ammortizzare la loro spesa e avere un guadagno… per questo sono a migliaia e sempre disponibili. In taxi superiamo un bus giallo con sopra scritto School. Proprio identico a quegli autobus enormi e gialli che si vedono nei film carichi di bimbi che vanno a scuola.

Le casette tutte ordinate, che sembrano di legno colorato. Le “detached” o “semi-detached houses”. Tutte con recinti bassissimi che un qualunque ladro da due soldi scavalcherebbe sicuro di poter sfondare la porta di casa con un soffio… ma qui non succede. Allora ti convinci: sei tu su un immenso set cinematografico.

Poi le cose che mi hanno davvero lasciata a bocca aperta, come una bambina rapita dal paesaggio: prima di tutto le scale! Le scale antincendio esterne ai palazzi. Quelle che in “Pretty Woman” Richard Gere abbassa con il manico di un ombrello per salire da Julia Roberts… no, dico: le scale più insicure del mondo, che dall’esterno collegano tutti gli appartamenti di uno stesso palazzo… quelle che se hai un maniaco al piano di sotto può salirti a casa ed entrare dalla finestra direttamente in camera da letto… beh… quelle scale sono vere!!! Non sono scale di vecchi e vecchissimi palazzi, usati come ambientazioni cinematografiche perché facevano tanto “folklore americano”… o magari un’invenzione di qualche sceneggiatore… NO. Sono scale vere, che esistono e funzionano tutt’ oggi e si trovano sul 90% degli edifici di New York! Sbalorditivo. Non riuscivo a capacitarmi… ne avrò fotografate a centinaia… Poi le bandiere. Bandiere americane in ogni dove. Negli edifici pubblici, chiaramente, ma anche in angoli insospettabili.

Le donne. Donne eleganti, in tailleur impeccabili, con le scarpe da ginnastica.

E meraviglia: i tetti. I tetti di New York sono fa.vo.lo.si. Ci costruiscono i campi da tennis, ci mettono i giochi per i bambini, li colorano con murales che sono veri e propri dipinti. Insomma, li vivono! E questo lo trovo fantastico…

New York, inoltre, è musica. E’ una colonna sonora di varia umanità. Gruppi agli angoli delle strade fanno musica da sballo e vendono i loro CD; hammer giganteschi e super fuoristrada sfrecciano guidati da uomini di colore con catenoni al collo e cappellini, ululando la loro musica hip hop, rap, soul che fa vibrare sportelli e ruote; Stime Square non tace mai, con spezzoni di programmi tv, news e pubblicità sparate dagli immensi pannelli LCD che rivestono interi grattacieli.

A New York chiunque è di New York. Puoi assomigliare a un italiano, a un russo, a un indiano, a un cinese, a un argentino, a uno svedese… potresti vestire abiti da sera in pieno giorno, incarnare il prototipo del turista perfetto, indossare calzoncini corti d’inverno… ma che importa? Perché mai non dovresti essere di New York? Quando vai in un negozio… un qualsiasi negozio, in una qualsiasi parte della città, nel cui negozio ci siano promozioni di qualunque genere, ebbene, solo lì, per mandarti a casa qualche dépliant, ti chiederanno di dove sei… dando chiaramente per scontato che tu viva in città!

Così accade che passeggiando a Little Italy, ti possa imbattere in una processione italiana, di uomini e donne che indossano la fascia tricolore accompagnando una Statua di Gesù ricoperta di biglietti da un dollaro e gonfaloni della “Confraternita di San Rocco, fondata dai Potentini – Lucania”, con chierichetti cinesi che seguono la Tony Son’s Festival Band mentre suona “Jamme Jamme, Jamme Jamme Jàààà”!

New York è Broadway, è teatro. Teatro 24 ore al giorno, tutti i giorni della settimana con repliche su repliche, su repliche che propongono da anni gli stessi spettacoli, sugli stessi palcoscenici, ormai diventati luoghi di culto. E quindi non potevamo mancare uno show degli Stomp al teatro Orfeo, la visione di The Producers al St. James Theater e una foto al famosissimo Apollo Theater di Harlem. E la prossima volta: David Letterman Show, Mamma Mia e The Colour Purple, prodotto dalla più nota conduttrice di colore americana, Oprah Winfrey, ci vedranno in prima fila.

New York è shopping a ogni ora e per ogni taglia… 2 valigie ricolme di abiti… e non aggiungo altro!

Chiaramente le ultime novità tecnologiche si trovano qui: l’Apple Store è una meraviglia. Un cubo di vetro trasparente con al centro la classica “mela” bianca, davanti a Central Park. Si entra nel cubo e le scale portano sotto terra, dove si sviluppa il negozio.

New York è viva. Sempre. Qualunque siano i tuoi gusti, sia che tu preferisca vivere di giorno o di notte, qualunque sia la tua etnia/cultura/religione in città troverai sempre da fare, da pregare, da mangiare, da ascoltare, da vedere. E la sua subway è un variopinto spaccato di umanità: immancabili gli impiegati con la tazzona di caffè presa da Starbucks e immancabili quelli come noi che si trovano sui treni locali che improvvisamente, a seguito di annuncio metallico del conducente, diventano espressi e saltano le fermate a cui dovevano fare scalo…
Manhattan, Central Park, Harlem, Bronx, Brooklyn, Broadway, Greenwich Village, Soho, Liberty Island, China Town, Little Italy, Queens, Staten Island… e Jersey City –New Jersey- giusto di là dall’Hudson River.

This is New York, folks!



  

  

  

  




Un commento

  1. trovi tutti i dettagli su questo mio viaggio e su altre destinazioni sul mio sito http://www.lamorachevola.com.
    Morena Menegatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X