Assicurazione sanitaria per gli USA

839 commenti / di Carlo Galici / aggiornato: 23 Ottobre 2019

Assicurazione viaggio a New York

Come ben saprete negli Stati Uniti non c’è un sistema sanitario in stile europeo. Per aver accesso alle migliori cure mediche, bisogna essere coperti da un’assicurazione che garantisca dei buoni massimali, dal momento che anche un piccolo infortunio potrebbe costare migliaia di dollari.

Fare l’assicurazione per un viaggio negli Stati Uniti non è obbligatorio, però per le ragioni su spiegate è decisamente raccomandato, dal momento che un non nulla, potrebbe rovinare la vostra vacanza negli USA.

Esistono tante compagnie assicurative: qui ho riportato le migliori, scegliendo solamente quelle che prevedono il pagamento diretto delle spese mediche agli ospedali.

Le polizze qui sotto sono ottime nella maggior parte dei casi, però non prevedono il pagamento delle spese mediche derivanti da condizioni preesistenti. Questo significa che se in viaggio capita un evento, che è conseguenza di una malattia già esistente al momento della stipula del viaggio, tale evento non è coperto.

Se aveste dei dubbi sulla polizza da stipulare leggete le mie risposte alle domande più frequenti.

Costi sanità negli USATutte le info

Confronto assicurazioni viaggio: quale scegliere

Il prezzo si riferisce a persona, 8 giorni 7 notti negli USA, per un adulto di 30 anni. Con alcune compagnie varia il prezzo in base anche alla fascia d’età.

Allianz
(Travel Care)
€67,50
massimale spese mediche: illimitato
anticipo di fondi: no
responsabilità civile: no
bagaglio: facoltativo (€7)
infortuni in viaggio: nd
ritardo nel viaggio/mancata partenza: no
assistenza in italiano
plus: una tra le compagnie più affidabili.
codice sconto: 10%, incluso nel link
TravelEasy
(Protezione top)
€63
massimale spese mediche: 5 milioni
anticipo di fondi: si
responsabilità civile: no
bagaglio: €2.000
infortuni in viaggio: €25.000
ritardo nel viaggio/mancata partenza: no
assistenza in italiano
plus: l'unica ad avere anche la polizza annullamento inclusa nel prezzo.
codice sconto: 10%, incluso nel link
Columbus
(completa)
€50,47
massimale spese mediche: illimitato
anticipo di fondi: si
responsabilità civile: €250.000
bagaglio: €1.500
infortuni in viaggio: €10.000
ritardo nel viaggio/mancata partenza: no
assistenza in italiano
plus: con un piccolo sovrapprezzo è disponibile anche l'annullamento viaggio
codice sconto: 10%, incluso nel link
Coverwise
(tutto incluso)
€35,20
massimale spese mediche: 20 milioni
anticipo di fondi: si
responsabilità civile: €25.000
bagaglio: €1.500
infortuni in viaggio: €50.000
ritardo nel viaggio/mancata partenza: no
assistenza in italiano
 
codice sconto: 10% (incluso nel link)

Le assicurazioni mediche per viaggiare negli USA rappresentano da sempre un tema caldo nel sito, con tantissime domande fatte nel corso degli anni: ho raccolto le dieci più frequenti (in realtà sono diventate undici), cercando di fornire una risposta quanto più dettagliata possibile.

Quale polizza consigli?

Una di quelle che ho elencato nella tabella di comparazione. Tutte soddisfano i miei requisiti ideali: massimali elevati e nessuna strana condizione. Inoltre sono tutte gestite da compagnie solide con un centro operativo in grado di assisterti a dovere in caso di bisogno.

Per viaggiare negli Stati Uniti l’assicurazione è obbligatoria?

No, però serve. Il Sistema Sanitario Nazionale italiano non copre alcuna spesa dovuta a ricoveri negli Stati Uniti, nemmeno per il pronto soccorso.

Se non sei assicurato e per una sfortunata ipotesi vai in ospedale, anche per un semplice passaggio in pronto soccorso riceverai un conto stellare. Quindi sì, l’assicurazione serve.

È importante il pagamento diretto?

Sì. In sostanza la compagnia assicurativa paga direttamente le fatture dell’ospedale, altrimenti bisogna prima anticipare di tasca propria e poi chiedere il rimborso.

È la prima cosa da verificare quando si cerca un’assicurazione da viaggio: dev’essere previsto il pagamento diretto, e le assicurazioni che cito prevedono sempre questo tipo di pagamento.

Se parto in viaggio per un anno devo fare la polizza annuale?

No. Se intendete fare un viaggio di lungo periodo negli Stati Uniti non puoi coprirti con una polizza annuale, dovete fare una polizza di lungo periodo. La polizza annuale serve per chi viaggia più volte durante il periodo di un anno, però ogni viaggio può essere della durata massima di 30 giorni.

A cosa serve la polizza di annullamento?

Dato che la maggior parte delle volte si vola in classe economica, non è quasi mai previsto il cambio delle date o l’annullamento del biglietto. Anche i pacchetti tutto incluso spesso non includono la possibilità di modifiche o annullamento, nemmeno per gravi motivi.

Visto che andare negli Stati Uniti costa, si rischia di perdere parecchi soldi in caso di problemi. Con la polizza annullamento si può ottenere il rimborso del viaggio in caso di cancellazione per motivi seri: ad esempio a causa di un infortunio poco prima della partenza.

A volte l’annullamento è già incluso nella polizza viaggio, altre volte no. Controllate nella tabella di comparazione.

Posso assicurarmi DOPO essere partito?

Si, ma non con una compagnia italiana.

Esiste però World Nomads (polizza consigliata anche da Lonely Planet), che permette di assicurarsi anche dopo la partenza. L’unico vero scoglio è che l’assistenza eventualmente sarà in lingua inglese: non è un dettaglio. Una volta sottoscritta l’assicurazione entra in vigore dopo 48 ore.

Cosa e quali sono le condizioni mediche preesistenti?

In sostanza una condizione preesistente è una condizione cronica che abbia richiesto cure o ricoveri fino a due anni prima il momento in cui ci si vuole assicurare.

Può essere una malattia cronica, un infortunio oppure una condizione clinica.

Esempi pratici di condizioni preesistenti: se siete asmatici, o siete stati operati ad un legamento oppure avete un bypass. Le compagnie si limitano a fare esempi molto generali: in alcuni casi si capisce subito se si possiede una condizione preesistente, in altri no. È necessario scrivere direttamente alle compagnie per avere chiarimenti dettagliati.

C’è un’età massima oltre la quale non posso assicurarmi?

Sì. Ogni compagnia stabilisce un limite massimo, fra i 65 e i 75 anni. L’unica eccezione è costituita dalla Allianz, che copre anche viaggiatori con più di 76 anni di età.

Nel caso volessi assicurarmi anche nel caso di ricovero dovuto ad una condizione preesistente cosa devo fare?

Al momento in Italia solo la Allianz, con la polizza Globy Rosso, copre i ricoveri dovuti alle condizioni preesistenti, ovviamente è più costosa. Sfortunatamente si può acquistare solo in agenzia viaggi.

Come posso assicurarmi se vivo all’estero?

Se siete residenti all’estero dovete assicurarti con una compagnia del paese in cui vivete o in alternativa con World Nomads.

Posso assicurarmi anche se non parto o non torno direttamente in Italia?

Se avete la residenza italiana, sì, a patto però di poter dimostrare che il tuo viaggio è iniziato in Italia. Es. se partite da Nizza conservate il biglietto del treno se utilizzerete questo mezzo, oppure i biglietti del pedaggio autostradale se andrete con la vostra auto.

Se invece avete ancora la residenza in Italia ma vivete all’estero allora non è possibile. L’unica compagnia che conosco che copre questo tipo di situazioni è sempre World Nomads.

Ci sono cose che non vi sono chiare? Scrivete la vostra domanda nei commenti! Se è tutto chiaro, scegliete quale assicurazione fa al caso vostro.

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (31 voti, media: 4,65 su 5)
Loading...
    
Banner New York con Carlo

839 commenti su “Assicurazione sanitaria per gli USA”

  1. Buongiorno Carlo,
    riguardo le malattie preesistenti, mi aspettavo di trovare anche qualche citazione sulle donne in stato di gravidanza sui siti delle assicurazioni ma ho trovato poco…
    Io e mia moglie partiamo il 22 Dicembre e stiamo 7 giorni a NY e 5 a Parigi e lei sarà verso la metà/ fine del 5° mese di gravidanza…sai dirci se le assicurazioni qui sopra coprono in caso di problemi in questa situazione?

  2. CIAO CARLO,
    complimenti per la guida molto utile e precisa, avrei bisogno di delucidazioni e consigli in merito alla polizza medico bagaglio da sottoscrivere, siamo tre adulti e soggiorneremo a new york 8 notti e sinceramente non riesco a decidere quale sottoscrivere perché tra loro c’è una sostanziale differenza di prezzo ad esempio quella di viaggi sicuri argento offre tantissime garanzie ad un prezzo molto basso rispetto alle altre assicurazioni e la cosa mi sembra un po strana. potresti quindi suggerirmi la soluzione più sicura ed adeguata al mio viaggio. grazie

    1. Ciao Ida,
      Viaggi Sicuri è un intermediario e vende una delle migliori polizze in assoluto (ERGO), infatti io suggerisco quella. Non ha nemmeno sottomassimali per le spese mediche.

  3. ciao, una domanda…quando scrivi per il pagamento diretto che tutte le compagnie lo anticipano cosa intendi? perche’ io vedo la voce anticipo fondi la maggior parte ha scritto NO
    forse ho capito male io?
    Io stavo valutando columbus o globy rossa che dici ? le valutavo perche’ avevano il massimale spese mediche illimitate

    1. Ciao Daniela,
      l’anticipo fondi si riferisce all’anticipo di soldi nel caso ad es. si smarriscano le carte di credito, ecc… non ha a che fare con l’assistenza sanitaria.

  4. Buongiorno Carlo ottima la guida;-)
    Vorrei chiederti consiglio io e mio marito vorremmo partire per New York aprile 2020 per una settimana, siamo italiani ma residenti in Svizzera e partiremmo dall’Italia.
    Che assicurazione dovremmo fare? In Italia o in Svizzera?
    Grazie mille per i preziosi consigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *