Passaporto per gli USA e info sull'Esta

Il viaggio a New York e negli USA è un sogno per tanti. Se è anche il tuo e vuoi sapere di quali documenti hai bisogno per andare a New York, sei nella guida giusta.

Se hai la cittadinanza italiana allora ti dico subito che la procedura è molto semplice, in quanto NON hai bisogno del visto, ma dovrai solamente fare l’ESTA, un’autorizzazione elettronica che ti consente di imbarcarti in un volo per gli USA.

Qui sotto troverai tutte le informazioni precise e sempre aggiornate.

Programma viaggio senza visto

per maggiori informazioni: poliziadistato.it | usembassy.gov

Dal 2009 per viaggiare negli Stati Uniti è obbligatorio compilare on-line il modulo per l’autorizzazione al viaggio elettronica, il cosiddetto ESTA (Electronic System for Travel Authorization), da un minimo di 3 giorni prima della partenza (anche se le autorità consigliano di farlo il prima possibile).

Al termine della procedura il sistema ti dirà se hai l’autorizzazione a imbarcarti in un volo per gli Stati Uniti.

Per compilare il modulo, vai sul sito ufficiale: ESTA. Per maggiori informazioni visita la pagina dell’ambasciata americana dedicata all’ESTA: Us Embassy.

L’autorizzazione sarà valida per un periodo di due anni, quindi in caso di più viaggi in questo lasso di tempo non è necessario richiedere più autorizzazioni, ma semplicemente aggiornare i dati.

L’ESTA USA nel 2023 ha un costo di $21.00. È possibile pagare con carte di credito e prepagate (anche postepay e altre prepagate).

Il passaporto per gli USA



Per recarsi negli Stati Uniti d’America senza necessità di visto usufruendo del programma “Visa Waiver Program – Viaggio senza Visto”, è valido unicamente il passaporto elettronico, l’unico tipo di passaporto che ormai viene rilasciato da tanti anni.

Se non sei ancora in possesso del passaporto ti consiglio di prendere quanto prima l’appuntamento con la questura della tua città, in quanto l’attesa potrebbe essere lunga, anche di diversi mesi.

Validità del passaporto di 6 mesi

Siccome su internet circolano tante informazioni non corrette o confuse riguardo alla validità del passaporto di almeno 6 mesi per viaggiare negli USA, qui faro chiarezza al riguardo.

È vero che esiste la regola generale che gli USA richiedano una validità minima del passaporto di almeno 6 mesi, oltre il periodo del viaggio, però questa non si applica per l’Italia (e per tanti altri Paesi).

Infatti se sei in possesso di un passaporto italiano non è necessario che sia valido 6 mesi, ma è sufficiente che la validità del passaporto copra tutto il viaggio.

Per intenderci: se il tuo volo di ritorno dagli USA parte il 13 dicembre, il passaporto dovrà essere valido (almeno) fino al 14 dicembre.

E se non credi alle informazioni di Carlo questa è la pagina ufficiale della dogana americana (in inglese) dove potrai verificare in prima persona l’accuratezza delle informazioni che riporto 🙂

Requisiti per viaggiare senza visto

Ricordo che per usufruire del programma “Visa Waiver Program” (Viaggio senza visto) è necessario:

  • viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
  • rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
  • possedere un biglietto di ritorno;
  • non aver viaggiato in Corea del Nord, Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria, o Yemen dopo il 1 marzo 2011;
  • non aver viaggiato a Cuba dopo il 12 gennaio 2021.

In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere il visto. Ricordo che la mancata partenza dagli U.S.A. entro i 90 giorni, potrà compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma.

I minori potranno beneficiare del Visa Waiver Program solo se dotati di passaporto individuale, non essendo sufficiente la loro iscrizione sul passaporto dei genitori.

Nel caso in cui il minore sia iscritto nel passaporto di uno dei genitori, bisognerà richiedere il visto, qualunque sia il periodo di soggiorno negli U.S.A, oppure ed è quello che consiglio, conviene fare il passaporto individuale anche al minore.


L’Esta: dove si fa e come funziona

L’Electronic System for Travel Authorization” (ESTA USA) ha sostituito la compilazione del modulo cartaceo I-94W (tale modulo veniva distribuito dal personale di bordo dell’aereo insieme al modulo per la dogana prima di atterrare sul suolo americano) e consente alle autorità degli Stati Uniti di effettuare il controllo sulle persone che hanno intenzione di entrare in territorio statunitense prima del loro imbarco su nave o aereo.

Le risposte dall’Esta

La nuova procedura è diventata obbligatoria a partire dal 12 gennaio 2009 e le risposte che verranno fornite dal sistema “ESTA” potranno essere di tre tipi:

1)“Authorization Approved

Nel caso di concessione dell’autorizzazione. L’autorizzazione sarà valida per due anni o fino a quando il tuo passaporto non scadrà e ti consentirà la possibilità di effettuare più viaggi negli Stati Uniti senza che per ognuno di essi sia necessaria una nuova registrazione on – line ed una conseguente nuova autorizzazione;

2)“Travel not Authorized”

Nel caso di diniego dell’autorizzazione. In tal caso occorrerà rivolgersi al Consolato o all’Ambasciata per richiedere il visto di tipo B2 se si viaggia per turismo o B1 se invece si va per affari;

3) “Authorization Pending”

Nel caso in cui siano necessarie ulteriori informazioni ai fini del rilascio dell’autorizzazione (solitamente lo stato viene aggiornato dopo pochi minuti).

Un’autorizzazione “ESTA” (come già avviene attualmente in base al Visa Waiver Program) non garantirà un’automatica ammissione in territorio americano che sarà lasciata alla discrezionalità delle competenti autorità doganali e di frontiera.

Al fine di facilitare il processo di valutazione dei dati forniti con la registrazione, ti consiglio di compilare il modulo ESTA ancor prima di acquistare il volo e comunque non meno di 72 ore prima della partenza.



Se sei in procinto di partire questo è il link del sito ufficiale in cui compilare il modulo.

Quando non serve l’ESTA

L’esta va richiesta solo nel caso si viaggi senza visto e si arrivi negli Stati Uniti a bordo di un aereo o di una nave. Nel caso l’arrivo negli Stati Uniti avvenga via terra, non si dovrà compilare l’Esta, ma all’arrivo alla frontiera ti verrà fatto compilare il modulo I94W.

Se possiedi un visto non hai bisogno di compilare l’Esta.

ESTA USA Vai all’approfondimento

Controlli all’immigrazione all’arrivo negli USA

Una volta negli USA e finalmente sei giù dall’aereo, la prima pratica da espletare è quella all’immigrazione.

Si fa la fila e quando arriva il proprio turno l’ufficiale della CBP (Custom e Border Protection) ti chiederà il passaporto. Inoltre se il tuo passaporto non è dotato dei dati biometrici, ti verranno prese le impronte digitali e ti scatterà una fotografia.

L’ufficiale inoltre ti può fare qualche domanda, del genere quanti giorni ti fermerai a New York, se è la prima volta negli USA (anche se lo sanno benissimo controllando la presenza di eventuali timbri precedenti) e lo scopo del viaggio.

Attualmente solo all’aeroporto Newark è presente il cosiddetto APC (Automated Passport Control, controllo automatico del passaporto). Prima era disponibile anche al JFK, però dall’anno scorso non appare più nella lista dove l’APC è disponibile.

Il chiosco per il controllo automatico è utilizzabile, oltreché dai cittadini americani e canadesi, anche dagli italiani in possesso dell’Esta che hanno già effettuato almeno un viaggio negli USA dopo il 2008.

Utilizzare i chioschi senza dubbio snellisce di gran lunga le procedure dell’immigrazione.

Se è la prima volta che arrivi negli USA e quindi sei passato per forza dal controllo col personale, ti verrà timbrato il modulo doganale che consegnerai all’ufficiale della dogana. Il chiosco invece ti rilascerà una ricevuta.

Lo step successivo è il ritiro dei bagagli e quindi la dogana.

Passeranno la valigia in uno scanner e se non hai niente da dichiarare, consegnerai il modulo o la ricevuta all’ufficiale della dogana e avrai finalmente completato le pratiche burocratiche.

Controlli all’arrivo negli USA Vai all’approfondimento

A questo punto in base al mezzo di trasporto che hai scelto per arrivare a Manhattan o al tuo alloggio, sarà sufficiente seguire le ottime indicazioni presenti.

Ad es. se hai scelto il trasferimento con la navetta condivisa, segui le indicazioni “Ground Transportation Desk” e lì consegnerai il foglio con la tua prenotazione.

Lotteria Green Card: se sogni di vivere negli USA

Ogni anno si tiene una lotteria che regala circa 50.000 Green Card a cittadini di Paesi che non hanno un alto tasso di immigrazione per gli USA.

Questa lotteria era stata istituita proprio con questa finalità: far immigrare negli USA cittadini di quante più nazioni possibili e da qui il nome in inglese, Diversity Visa Lottery.

Con la Green Card, se non sapessi cos’è, puoi vivere negli Stati Uniti a tempo indeterminato e anche lavorare ovviamente.

La partecipazione alla lotteria è gratis e qui trovi la guida completa su come partecipare.

Lotteria Green Card Vai all’approfondimento

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
 

Non dimenticare l'assicurazione viaggio!

Sei in partenza per New York?

Non dimenticare la cosa più importante, l'assicurazione viaggio! Carlo ti consiglia Coverwise fornita da AXA, che ti copre fino a 20 milioni per le spese mediche.

Codice sconto del 10% solo per gli amici di ViaggiNewYork.it

Fai subito un preventivo


Le attività preferite dai visitatori di Viaggi New York.it



2.258 Commenti

  1. Buongiorno Carlo,
    hai informazioni riguardo all’ESTA per chi è stato a Cuba?
    Ho sentito dire che potrebbero esserci problemi per chi è stato a Cuba, anche se nell’ESTA non c’è nessuna domanda che ne faccia menzione. Mi sai aiutare?

    1. Ciao Giuseppe,
      da informazioni ufficiali risulta che chi è stato a Cuba dopo il 12 gennaio 2021, ha bisogno del visto e non può viaggiare solo con ESTA.



  2. Ciao Carlo,

    Grazie mille in anticipo perché i tuoi consigli mi stanno dando un sacco di spunti per l’organizzazione del mio itinerario.
    Sarò a New York dall’9 dicembre al 18.
    Ti volevo chiedere se è ancora necessario fare il tampone nelle 24h antecedenti alla partenza ? Inoltre l’attestato di vaccinazione da portare con se è il green pass ?

  3. Ciao Carlo, grazie per tutte le indicazioni. Molto preziose! Nei primi di dicembre sarò a New York per la prima volta, a parte l’Esta che faremo in questi giorni, sul passaporto, bisogna mettere qualche timbro o bollo? O si farà tutto una volta arrivati là? Grazie! S.

    1. Ciao Silvia,
      una volta arrivati a New York, l’ufficiale dell’immigrazione timbrerà il passaporto dove ci sarà scritto “admitted NYC” e la data.



  4. Ciao Carlo . Grazie per il tuo servizio, il sito è davvero organizzato bene.
    Per quanto riguarda il il Green pass o certificato vaccinale, c’ è un punto sul quale vorrei chiarirmi prima della partenza per New York che sarà il prossimo 27 ottobre. Mi è chiaro che ad oggi, come tu stesso hai confermato, per entrare negli USA bisogna essere completamente vaccinati. Per completamente vaccinati si intende almeno due dosi o una del vaccino Jhonson. Io ho fatto due dosi di vaccino Pfizer , la seconda con data 18-01-2022 , ma nel mio Green pass c’ è scritto che la certificazione è valida 9 mesi dalla data dell’ ultima somministrazione , salvo modifiche normative. Quindi in teoria il mio Green pass scadrà il 18 ottobre 2022. Il punto che non mi è ancora del tutto chiaro è questo : il mio Green pass, sul quale sono dichiarate 2 dosi di vaccino , sarà sufficiente a farmi entrare negli USA il prossimo 27 ottobre anche se tecnicamente risulterà scaduto ? O forse la scadenza dei Green pass non sussiste più xchè nel frattempo sono cambiate le normative?
    Spero tanto che tu riesca a chiarirmi questo punto
    intanto grazie
    Anna

    1. Ciao Anna,
      la cosa migliore è avere il certificato vaccinale in forma stampata invece che il Green Pass sul cellulare, che è una cosa europea.

  5. Buongiorno,
    Complimenti per il sito e per la chiarezza delle informazioni.
    Attualmente per entrare negli Stati uniti per chi ha il green pass è comunque necessario esibire l’esito del tampone negativo?
    Grazie mille. Elena

  6. Ciao Carlo,

    mia moglie aveva fatto l’ESTA a maggio di quest’anno perchè è andata negli Stati Uniti per lavoro. Essendo valido per 2 anni è sufficiente quello o dobbiamo rifarlo perchè c’è qualche differenza fra quello “business” e quello per turismo? E ancora: io sono un lavoratotre autonomo, cosa devo indicare alla voce relativa al mio datore di lavoro?
    Grazie

    1. Ciao Giuseppe,
      per quanto riguarda l’Esta per tua moglie è sempre valido quello, non ci sono differenze perché è semplicemente un permesso per entrare negli USA.

      Per quanto riguarda il tuo caso, scrivi il tuo nome come datore di lavoro e scrivi self-employed come lavoro.

  7. Ciao Carlo
    oggi la questura mi ha dato l’ok per i passaporti che però mi ha detto che saranno pronti per il 29 Luglio. io ho il volo per il 01 Agosto come posso fare per l’esta ?

    1. Ciao Luigi,
      normalmente in un paio di ore l’Esta viene rilasciato, per cui il mio consiglio è appena ritirate il passaporto fate subito l’Esta e vedrai che entro un paio di ore avrete l’autorizzazione.

  8. Ciao Carlo, complimenti per il sito…. utilissimo e fatto molto bene!
    Un quesito riguardo i tamponi: per rientrare in Italia ad oggi bisogna avere un tampone antigenico negativo (forse cambierà, ma ad oggi è cosi’).
    Si trovano facilmente a Manhattan farmacie e/o casette per effettuare i tamponi con risposta immediata?
    E soprattutto… quanto costano?
    Grazie, ciao E.

  9. Buonasera, il 1 di Maggio dovrei partire per New York e il green pass mi scade poco prima, é cambiato qualcosa o c’è sempre bisogno di essere coperti dal vaccino per andare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *