Controlli negli aeroporti di New York

Controlli arrivo all’aeroporto di New York

55 commenti / di Carlo Galici / aggiornato: 14 Febbraio 2018

Uno degli aspetti che più preoccupano i viaggiatori che devono partire per New York o per qualsiasi altro aeroporto degli USA sono i controlli all’immigrazione, ancora di più da quando si è insidiato Trump.

Infatti tra le domande che ricevo più spesso sono:

– come sono i controlli di sicurezza negli aeroporti di New York?

– quali domande mi verranno fatte al controllo immigrazione?

– non parlo inglese ci saranno problemi?

In questo articolo cercherò di dissipare tutti questi dubbi e di tranquillizzarvi, anche perché vi accorgerete voi stessi che è molto più semplice di quanto non sembri.

Pre cleareance in Italia

In un futuro che dovrebbe essere abbastanza vicino, sarà possibile fare il pre clearance dagli aeroporti di partenza a Malpensa e Fiumicino (qui la notizia).

Concretamente questo significherà che le domande che ora vengono fatte a New York, verranno fatte appunto in Italia e quindi arrivati negli USA non sarà necessario fare la fila all’immigrazione, la quale a volte è anche piuttosto lunga.

Inoltre con il pre clearance in Italia, nel caso dobbiate solo fare scalo negli USA, non sarà necessario ritirare i bagagli ma vi verranno recapitati direttamente alla vostra destinazione finale.

Documenti necessari

Ricordate che per viaggiare negli USA, se siete cittadini italiani o di un altro dei Paesi aderenti, non sarà necessario avere il visto. Sarà però necessario compilare la domanda ESTA.

Controlli automatizzati

Nel caso siete già entrati negli USA con l’Esta, nel vostro prossimo viaggio potrete utilizzare un chiosco automatico all’immigrazione; in questo modo eviterete la fila.

Sarà sufficiente rispondere a tutte le domande che vi appariranno sul display, ritirare il ticket che vi dà la macchina e consegnarlo alla dogana. Dopodiché potrete ritirare il vostro bagaglio.

Ora vediamo tutto l’iter burocratico.

Domande all’aeroporto di partenza

I controlli di sicurezza iniziano all’aeroporto di partenza prima di prendere il vostro volo per New York, nel caso non facciate il check-in online.

– Avete preparato voi stessi la vostra valigia?

– Hai mai perso di vista, anche per un solo momento, la tua valigia?

– Quali apparati elettronici hai con te?

In aereo: modulo della dogana

Quando finalmente mancheranno poche ore prima di atterrare a New York, in aereo verrà distribuito il modulo della dogana (se partite dall’Italia è disponibile anche in italiano).

In questo modulo dovrai scrivere i tuoi dati (nominativo, data di nascita, ecc…), l’indirizzo e il nome del tuo hotel negli USA, i dati del passaporto e poi devi selezionare se porti con te frutta, carne, ecc…

Se sei già entrato negli USA con l’Esta, il modulo della dogana lo compilerai direttamente al chiosco automatico.

Controllo all’immigrazione in aeroporto

Una volta scesi dall’aereo prima di poter partire all’esplorazione di New York, è necessario fare i controlli all’immigrazione.

Ci sono due file: una per i cittadini americani e possessori di Green Card e una per i visitatori.

Se non siete mai entrati negli USA con l’Esta, naturalmente dovrete mettervi nella fila dei visitatori.

Se invece avete diritto di utilizzare il chiosco (Automated Passport Control o APC) mettetevi nella fila speciale. Gli APC sono presenti agli aeroporti JFK e Newark, il La Guardia non ne è provvisto.

I controlli di sicurezza

Ora sta arrivando il momento più temuto, anche se come vi ho accennato all’inizio è molto più semplice di quanto si pensi e nella maggior parte delle volte si risolve in due minuti.

Quando sarà il vostro turno avvicinatevi al banco. Solitamente è possibile andare insieme ai vostri compagni di viaggio.

Consegnate i vostri passaporti all’ufficiale dell’immigrazione. Le domande che vi possono essere poste sono principalmente le seguenti:

– è la prima volta che venite a New York?

– qual è il motivo del vostro viaggio?

– dove alloggerete? Se non è un hotel con chi starai?

– che lavoro fate?

– cosa fa la persona con la quale alloggerai?

– quanto ti fermerai a New York?

Anche se non parli inglese, gli ufficiali faranno in modo di farsi capire.

Tutte le volte che sono entrato io negli USA sono stato sempre fortunato a trovare personale molto gentile, alcuni parlavano anche italiano.

Lo scopo di tutte queste domande è evitare che entriate negli Stati Uniti per cercare un lavoro illegalmente, quindi se non vi contraddite con quanto scritto nell’ESTA non ci saranno problemi.

Terminate le domande (molte volte non vi verranno neppure poste) vi scatteranno una fotografia della retina e prenderanno le vostre impronte digitali (con uno scanner elettronico e non con l’inchiostro).

Quanto tempo occorre per passare i controlli?

Tutto dipende da quanti aerei arrivano insieme al vostro e anche da quale terminal dell’aeroporto JFK vi trovate.

Nella mia esperienza quando ho viaggiato con American Airlines e quindi sono atterrato al terminal 8, non ho mai fatto più di 10-15 minuti di fila, probabilmente anche perché la maggior parte delle persone nell’aereo erano americani, per cui non affollavano gli stessi sportelli in cui andavo io.

Altre volte che ho viaggiato con Alitalia e quindi si arrivava al terminal 1 mi sono capitate anche 2 ore di fila, in quanto è un terminal utilizzato da molte compagnie europee, per cui se insieme al vostro arrivano altri aerei, dovrete avere molta pazienza.

Tenete conto di questo fattore, soprattutto se fate solamente scalo a New York e quindi avete un altro volo da prendere.

Controlli alla dogana

La dogana è il passo successivo dopo aver finito all’immigrazione. Se sul modulo avete dichiarato di non portare con voi nessun oggetto e avete con voi meno di $10.000 dovete solo consegnarlo e andare a ritirare il bagaglio.

Portare alimentari a New York

Se avete con voi qualsiasi tipo di cibo avete l’obbligo di dichiararlo sul modulo.

Infatti nel caso non possiate portarlo con voi vi verrà semplicemente confiscato e buttato via. Se invece non lo dichiarate e venite scoperti, oltre alla confisca verrete anche multati.

Solitamente i controlli alla dogana sono molto veloci e per esperienza non prendono più di 5-10 minuti, se non ci sono problemi.

Medicinali

Per la maggior parte dei medicinali non ci sono problemi. Se sono medicine con prescrizione, portate con voi anche la prescrizione medica. Se non vi servono durante il volo lasciatele nella valigia imbarcata.

Fare scalo a New York

Se fate solamente scalo a New York, i suggerimenti che ho scritto in questo articolo sono validi anche per voi. Vi servirà sempre l’Esta e dovete fare gli stessi controlli. Se vedete che c’è molta fila e rischiate di perdere il volo successivo, fate presente al personale questo fatto qui e faranno il possibile per farvi passare prima.

Trasferimento in città

Ora che avete finito con le pratiche burocratiche siete pronti a godervi New York.

Per tutte le informazioni su come arrivare a New York vi rimando alle singole pagine degli aeroporti:

Buon viaggio!

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (27 voti, media: 4,26 su 5)
Loading...
 
 
 
Banner New York con Carlo

55 commenti su “Controlli arrivo all’aeroporto di New York”

  1. Ciao, io e la mia ragazza abbiamo in programma una vacanza a New York di 9 notti. Abbiamo già acquistato biglietti aerei andata e ritorno, hotel, alcuni biglietti per teatro, attrazioni ecc.. Abbiamo passaporto e autorizzazione ESTA accettata. La mia ragazza ha un lavoro, io invece sono disoccupato, posso avere problemi ai controlli? grazie

  2. Buongiorno,
    mi servirebbe una informazione, ho preso un volo American Airlines da San Francisco a Roma Fiumicino con scalo a Dallas. Il problema è che lo scalo a Dallas è di sole due ore. Vorrei sapere se una volta effettuati i controlli a San Francisco dovrò poi di nuovo effettuare i controlli a Dallas (sia immigrazione che ritiro bagagli imbarcati, ed in tal caso perderei sicuramente il volo), oppure mi aspetta un semplice transfer senza nuovi controlli, considerato anche che il volo Dallas-Roma sarà operato da American Airlines?
    Specifico ulteriormente che sono già stato a NY con L’ESTA, però sei anni fa, vale comunque per i controlli ai Desk automatici di cui parlavi?
    Grazie per la risposta e complimenti per il sito.

    1. Ciao Marco,
      per un volo in partenza dagli Stati Uniti non devi effettuare nuovamente i controlli nell’aeroporto di scalo e tanto meno l’immigrazione (questa a dire il vero si fa solamente all’arrivo, al ritorno c’è un semplice controllo passaporti).

      1. Ah è vero, l’immigrazione non.si fa di nuovo, sono passati diversi anni e la memoria non mi aiuta 😂.
        Quindi l’unico problema potrebbe essere il tempo per un eventuale ritiro bagaglio e reimbarco del bagaglio se dovessi cambiare il terminal? Ti specifico, se può aggiungere qualcosa, anche che i volo American Airlines sono in code share da Finnair che è la compagnia attraverso cui ho prenotato.
        Grazie ancora Marco

  3. Buondì io parto lunedì per ny,ho comperato l’olio extravergine da portare ma vorrei portare anche salame,speck e altri prodotti tipici della mia zona,ma nn in grande quantità,ho letto che bisogna dichiarare tutto,vuol dire che nn É vietato portarli? O meglio se li compro in aeroporto a Malpensa? Graziee

  4. salve io e la mia ragazza il 22 ottobre partiremo per cancun con scalo al jfk…arriviamo al jkf alle 14:15 e ripartiamo alle 16:30… quindi abbiamo solo 2 ore e 15 minuti di scalo!!! la compagnia è la delta operato da alitalia! da quello che hai scritto sopra allora mi tocca stare a casa perkè il volo sicuramente lo perdo? grazue

      1. ok allora devo dare per scontato che lo perdo! ma una volta perso come mi devo comportare? poi perdo il check in in albergo e perdo anche il transfert che mi deve portare in albergo un casinooo! e a chi mi devo rivolgere? la moa agenzia di viaggio poi mo ha riferito che non e’ detto che devo riprendere il bagaglio a jfk… epoi certi amici mi hanno parlato di un pass che velocizza… ps sul mio volo c saranno altre persone che hanno anche loro la mia stessa connessione!!! k ansia

        1. Il bagaglio purtroppo è obbligatorio ritirarlo quando si fa scalo in un aeroporto americano provenienti dall’estero, per ragioni di sicurezza. Qui potresti risparmiare tempo portando solo bagaglio a mano, così da non dover imbarcarlo nuovamente.

          Non c’è nessun pass. Un modo per fare prima i controlli è passando attraverso i totem automatici. Lo puoi fare se sei già entrato in precedenza negli USA con l’Esta.

          In caso perdessi il volo vai ai banchi Delta per farti riproteggere e ovviamente informa l’agenzia di viaggio visto che hanno prenotato loro, in modo da sistemare il trasferimento e l’hotel.

          Comunque protesti farcela: cerca di essere tra i primi a scendere dall’aereo, significa avere 200 persone in meno in fila.

          1. un mio amico mi ha detto che con i connection flight sono piu rapidi… perche’ non vogliono rogne con le compagnie aeree per non pagare le sanzioni…carlo mi potresti fare un bel regalo… mi puoi dire cronologicamente dato che te conosci alla lettera il jfk quello che mi tocca fare? allora scendo prima il piu in fretta possibile dall’aereo poi…sappi che dal terminal 1 devo andare al 4 per prendere la coincidenza per cancun… ps io con me mi porto il drone… mica mi fanno problemi?

            1. Purtroppo non ha molto senso che i connection flight sono più rapidi, ci sono due file: una per i cittadini americani e per chi è già entrato negli USA con l’Esta in passato e una per tutti gli altri.

              Tu fai presente al personale che gestisce la fila che hai un volo dal terminal 4 dopo due ore.

              1. passi l’immigrazione;
              2. ritiri il bagaglio;
              3. lasci il modulo della dogana;
              4. segui le indicazioni per l’Aitrain;
              5. prendi l’Airtrain per Jamaica o Howard Beach, in quanto dal terminal 1 c’è una fermata per i terminal 2 e 3 e poi sei al terminal 4. Non prendere l’airtrain linea gialla perché gira in senso opposto e dal terminal 1 andresti all’8.

              1. a ok allora tutto tranne che la linea gialla!!! ed il bagaglio da stiva quando lo riconsegno e dove? prima o dopo l’air traine…
                io co n me porto il drone mavic pro mica lo devo dichiarare?

  5. Ciao Carlo,
    Io ho purtroppo alcune perplessità riguardo le tempistiche scalo. È la prima volta che vado negli USA, dovrò andare a San Diego e l’unico volo comodo per me è Alitalia-Delta con solo 2 h di scalo. Come devo muovermi una volta in aeroporto? Cioè prima faccio i controlli passaporto e poi ritiro la valigia che deve comunque essere imbarcata in un altro volo, la valigia non arriverà direttamente a San Diego, vero?
    Spero di essere stata chiara
    Grazie mille in anticipo

    1. Ciao Antonia,
      l’iter è quello da te detto: controlli immigrazione (questo è il punto più lento), ritiro bagagli, cambio terminal, check-in e controlli. Purtroppo in 2 ore dovendo anche cambiare terminal non ce la fai.

        1. Con quello risparmi un pochino di tempo, ma solitamente, soprattutto se arrivi col volo intorno alle 14, il problema maggiore sono i controlli all’immigrazione che mediamente richiedono tra i 40 e i 60 minuti. Quando hai finito quelli il bagaglio lo trovi già scaricato.

          1. Antonia Gurgone

            Grazie mille,
            io in realtà arriverei alle 17:30 a NY. ma se i controlli sono cmq lunghi è inutile imbarcare il bagaglio!

          2. Grazie mille,
            Ti chiederò un’ultima cosa in modo da placare la mia ansia 😂: al mio arrivo al jfk posso chiedere direttamente alle hostess di terra di passare in fretta che ho la coincidenza?
            Grazie, i tuoi consigli sono davvero utili

            1. Puoi provare a dirlo agli addetti, dipende molto da chi trovi. Se sei già entrata negli USA in precedenza con l’Esta, puoi utilizzare i token automatici; velocizzerebbero la procedura.

              1. grazie mille carlo esaustivissimo… allora dopo la dogana prendo l’airtrain e al 4 richeck in col bagaglio anche se dovrà essere veloce la procedura perkè il bagaglio gia’ è contrassegnato a roma con lultima etichetta di destinazione… ps carlo ma ci sono dei negozi che vendono elettronica dentro il jfk… giusto per comprare qualche iphone XD al ritorno ti diro’ ho 5 ore di scalo.. te pensi che sia troppo poco per un selfie alla fifty avenue e ritornare?

  6. Ciao Andrea,
    una domanda: ho intenzione di rimanere negli Stati Uniti meno di 90 giorni, e sono già in possesso dell’esta. Volevo iniziare a comprare il biglietto di andata prima che si alzino troppo i prezzi e in un secondo tempo quello di ritorno (ma prima di partire per gli USA in ogni caso). Ci sono problemi se compro i biglietti separatamente?
    Grazie mille

  7. ciao Carlo, prima di tutto vorrei farti i complimenti per tutto il sito ci stai aiutando davvero tanto nel decidere come muoverci per la prima volta a NY. avrei delle domande:
    – noi staremo un tot di 14 giorni negli USA, 2 a Philadelphia da amici e 10 in un B&b a NY tramite Air B&b, nel modulo da compilare in aereo (o alla domanda alla dogana) dove chiede dove staremo cosa mi conviene rispondere?
    -porterò con me pasta, sale,caffè biscotti etc, devo dichiarare tutto?
    grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *