Queens Museum

Queens Museum

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 23 settembre 2017

Prezzi dei biglietti: $8 | Acquistali ora

Il Queens Museum è un museo d’arte ed un centro educativo ubicato all’interno del Flushing Meadows Corona Park, nel quartiere del Queens a New York City. Il museo è ospitato nel New York City Building, un edificio che venne costruito nel 1939 in occasione della New York City Pavillon e ristrutturato nel 2013. Il Queens Museum è stato fondato nel 1972. Il museo ha come obiettivo quello di proporre al pubblico delle collezioni, sia fisse che temporanee, delle migliori opere d’arte visive al mondo, rendendole accessibili ad una vasta gamma di pubblico. Inoltre il museo propone alle persone che vivono nell’area metropolitana di New York, ed in particolare per gli abitanti del quartiere del Queens, una serie di programmi educativi e culturali.

Mostre Permanenti

Panorama of the City of New York

Panorama of the City of New York, Queens Museum
Il panorama di Lower Manhattan, Queens Museum

Al Queens Museum è possibile ammirare opere e mostre permanenti, molte delle quali sono dedicate alla vita urbana contemporanea, per un totale di oltre 10.000 opere.

Il fiore all’occhiello del museo è senza dubbio l’esposizione permanente Panorama of the City of New York, un’opera che venne concepita dalla mente geniale di Robert Moses che la commissionò in occasione della New York World’s Fair del 1964, con l’obiettivo di celebrare l’infrastruttura urbana della Grande Mela.

Il “Panorama” fu una delle attrazioni di maggior successo della Fiera del 1964 e fece registrare una media di 1400 visitatori al giorno.

La costruzione del Panorama of the City of New York venne affidata allo studio Raymond Lester & Associates, uno dei più importanti di New York. I lavori iniziarono nel 1961 e vennero portati avanti da un team di oltre 100 persone che impiegò circa 3 anni per ultimare il maestoso modello architettonico pensato da Robert Moses.

Per pianificare la costruzione del modello i tecnici dello studio Lester utilizzarono fotografie aeree, mappe della città ed i documenti di progetto dei maggiori edifici newyorkesi, perché il Panorama doveva essere estremamente preciso visto che l’opera doveva essere il “più grande modello al mondo costruito in scala“. L’accordo siglato da Robert Moses con lo studio Raymond Lester & Associates prevedeva infatti che il margine di errore tra la realtà ed il modello doveva essere inferiore all’1% e che il modello sarebbe stato costruito in scala 1:1200.

Panorama of the city of New York
Panorama of the city of New York

Dopo la chiusura della Fiera del 1964 l’opera è stata costantemente aggiornata fino al 1969, quando facevano parte del plastico un totale di 895.000 edifici della città, ai quali si aggiungono circa 100 ponti per una copertura totale di 320 miglia quadrate di New York City. Il Panorama è una vera e propria metropoli in miniatura, ed è dotato di un ciclo di illuminazione continuo che va dall’alba fino al tramonto. Inoltre, grazie ad un programma automatico di 3.172 luci colorate, all’interno del modello architettonico vengono evidenziati gli edifici pubblici della Grande Mela, come le stazioni della polizia e dei pompieri, le scuole, gli ospedali, i tribunali e le biblioteche.

Il modello fu aggiornato nel 1992, quando lo studio Raymond Lester & Associates venne assunto ancora una volta per fare un up-date dell’opera nel corso della quale vennero modificati i modelli di oltre 60.000 strutture della città. Il Panorama of the City of New York è anche un luogo della memoria, perché ancora oggi fanno parte dell’opera le torri gemelle originali del World Trade Center. Per finanziare l’aggiornamento continuo del Panorama, il museo ha lanciato nel 2009 un programma denominato Adopt-a-Building, con il quale i cittadini possono “acquistare” un edificio per soli 50$.

Le altre mostre permanenti

Neustadt Collection of Tiffany Glass

Tra le altre collezioni permanenti del Queens Museum troviamo anche la Neustadt Collection of Tiffany Glass, una collezione indipendente dedicata a promuovere una migliore comprensione e l’apprezzamento delle opere d’arte di Louis C. Tiffany, che comprende una serie di straordinarie lampade floreali con disegno geometrico.

The Watershed Model

Il The Watershed Model invece è un modello plastico che riprende il sistema di approvvigionamento di acqua, gas ed elettricità della città di New York, ideato per far comprendere alle persone la grandezza e la complessità di una metropoli come New York City. L’opera fa parte delle collezioni permanenti del Queens Museum dal 2008.

World’s Fair Visible Storage

E’ molto interessante anche la mostra World’s Fair Visible Storage, una collezione di oltre 10.000 bagagli molto apprezzata da studiosi e appassionati che possono visionare gli oggetti raccolti a partire dal 1939 e che ancora oggi godono di un ottimo grado di conservazione.

Dove si trova

Il museo si trova all’interno del Flushing Meadows Corona Park, il secondo parco più grande di New York, nel quartiere del Queens. Nelle vicinanze del museo passa la Linea 7 della metropolitana di New York. Si può raggiungere il Queens Museum in pochi minuti sia dalla fermata “Mets – Willets Point Station” che dalla fermata “103 St – Corona Plaza”.

Orari

Il Queens Museum può essere visitato dal mercoledì alla domenica tra le ore 11 e le ore 17 (le gallerie chiudono alle 16:45) e resta chiuso in 3 occasioni: il Giorno del Ringraziamento (4 luglio), a Natale ed a Capodanno.

Prezzi biglietti

L’ingresso ha un costo di 8$ per gli adulti e di 4$ per gli anziani, mentre i minori di 18 anni possono usufruire dell’ingresso gratuito. I biglietti sono inclusi nel New York Pass.

Mappa: cosa vedere nelle vicinanze


 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
     
Banner New York con Carlo