venerdì , 9 dicembre 2016
In primo piano
Home > Cosa vedere a New York > St. Patrick’s Cathedral – New York
Sant Patrick's Cathedral New York

St. Patrick’s Cathedral – New York

New York City, USA, la Grande Mela, città a stelle e strisce per antonomasia, groviglio incantato e incantevole di un ultramodernismo esasperato che permea la propria architettura di ancestrale futurismo. E’ proprio in questa linda e riverberante convulsione di centri commerciali, skyscrapers, negozi, musei, palazzoni e altissime colonne di vetro, cemento e acciaio che s’incastona come gemma preziosa e luccicante la rappresentativa Cattedrale di St. Patrick (la St. Patrick’s Cathedral, come la chiamano i newyorkesi nella propria lingua madre), dedicata al patrono d’Irlanda. In totale dissonanza rispetto allo sfondo urbano contemporaneo, questa imponente chiesa ubicata a Manhattan, più precisamente sulla 5th Avenue tra la 50th e la 51st street, s’antepone anche spazialmente al fastoso Rockefeller Center, prepotentemente stagliato dinanzi a lei, là dove s’incrociano la Fifth Avenue e la 50th street.

Cenni storici

La più grande cattedrale gotica decorata dell’area nord-americana è stata edificata a partire dal 1858 contestualmente alla nomina della diocesi di New York ad “Arcidiocesi” sancita dall’allora Papa Pio IX. Sì, “a partire”, poiché la chiesa – complice un lungo ed estenuante intervallo scandito dal furoreggiare della drammatica guerra civile del 1965 – venne terminata soltanto nel 1906 ma successivamente alla consacrazione ufficiale nel 1879. Certo uno strano iter, che ha però contribuito ad alimentare il mito e l’aneddotica legati a un edificio religioso assurto a simbolo di una metropoli frenetica ma affatto incurante del credo collettivo in un territorio dichiaratamente cattolico. La cattedrale, voluta dall’arcivescovo John Joseph Hughes, è oggi il principale punto di riferimento per oltre 2 milioni di fedeli cristiani (ne può accogliere fino a 2.200 alla volta), i quali decidono di raccogliersi in preghiera specialmente in occasione delle principali festività religiose, includendo con esse anche la festa di San Patrizio.

L’edificio

Trovarsi al cospetto della Cattedrale – ideata da James Renwick Jr. su ispirazione del Duomo di Colonia – implica l’incontrollabile impeto dell’emozione personale, intrattenibile se si osserva la summa di questa meraviglia regale ed elegante, che fa immediatamente sfoggio delle sue incredibili torri campanarie a guglia alte 100 metri e inscritte in una struttura larga 85 e lunga 120, con pianta a forma di croce latina. Tali numeri fomentano le piene caratteristiche della bellezza costruttiva, o meglio l’estetica tipica dello stile neogotico che s’impone tanto all’esterno quanto internamente. Le tre navate (con quella centrale separata dalle laterali tramite arcate ogivali) ospitano numerose sculture in marmo bianco infondendo una sostanziosa illuminazione in grado di valorizzare senza remora alcuna tutte le cappelle presenti, compresa la Lady Chapel (in onore della Vergine Maria), il suggestivo apogeo di sua maestà Cattedrale.

Il soffitto con volta a crociera incombe su cotanta beltà come a legittimare l’unicum. Ulteriore sacralità viene iniettata con grazia dalla Rose Window, cioè il rosone vetrato dal diametro di 8 metri, la cui trasparenza va a sommarsi con quella delle grandi vetrate policrome. Le sculture possono definirsi magniloquenti, tanto che una Pietà (scolpita da William O. Partridge) triplica le proprie dimensioni rispetto alla classica di Michelangelo Buonarroti collocata nella Basilica di San Pietro a Roma, magniloquenza trasudante anche dall’altare di Mother Elizabeth Seton, opera realizzata su disegno dell’italiano Paolo Medici. Da considerare inoltre l’altare di Louis Tiffany, il baldacchino bronzeo e il dittico spettacolare di organi, sui quali primeggia il più grande, dotato di 7.000 canne.

Galleria foto

Qualche curiosità

Ogni anno la Cattedrale di St. Patrick è visitata da una sensazionale media di 5 milioni di visitatori, tra i quali hanno figurato ben tre pontefici, ovverosia Papa Giovanni Paolo II nel 1978, Papa Benedetto XVI – che vi ha celebrato nel 2008 una messa votiva, la prima di un Vescovo di Roma, nell’ambito di un viaggio apostolico negli Stati Uniti, con relativa visita alla sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite – e Papa Francesco, accolto da migliaia di fedeli nel 2015. Sempre qui hanno avuto luogo le nozze di coppie famose come Liza Minelli e David Gest, e funerali come quelli di Joe DiMaggio e Andy Warhol. Nel 2011, invece, s’impose una ben più triste circostanza, vale a dire la messa per le vittime del tragico attentato terroristico delle Twin Towers l’11 settembre 2001, momento estremamente toccante.

Orari

La chiesa è accessibile tutti i giorni dalle ore 6.30 alle ore 20.30.

Dove

460 Madison Avenue

Come arrivare

Il mezzo più facile da prendere e il più rapido è la Metropolitana, con le linee E e M che fermano a Fifth Avenue/53rd Street, mentre le linee B, D e F arrivano alla fermata 47-50th Street – Rockefeller Center. In autobus la fermata è la Eden Quay e vi giungono le linee 49, 49A, 49B, 50, 54A, 56A, 65, 65B 77 e 77A. Nelle immediate vicinanze sono ubicati il già menzionato Rockefeller Center (distante appena 181 metri), il celebre MoMa (271 m), la Quinta Strada (571 m), il Grand Central Terminal (657 m) e infine Times Square (780 m).



  

  

  

  




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X