Gulliver's Gate a New York

Gulliver’s gate a Times Square

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 8 febbraio 2018

Prezzi dei biglietti: €30 | Acquistali ora

Cos’è il Gulliver’s Gate

Già il nome – Gulliver’s Gate – dovrebbe essere sufficiente per fare capire di che cosa si tratta: un mondo in miniatura.

La nuova attrazione di New York, situata nei pressi di Times Square, prende spunto dall’Italia in miniatura di Rimini, ma estende il proprio orizzonte a tutto il pianeta.

“La porta di Gulliver”, prendendo spunto dal celebre personaggio di Jonathan Swift, è situata tra la Settima e l’Ottava Avenue, sulla 44esima strada: una riproduzione in piccolo formato di alcuni dei luoghi più conosciuti al mondo.

Insomma, un pianeta liofilizzato, o concentrato, in una location trafficata e affollata: un mix metaforicamente esplosivo, che non a caso ha già catturato l’attenzione di tantissimi turisti, a un paio di isolati da Times Square.

Gulliver’s Gate si sviluppa su una superficie di più di 4.500 metri quadri ed è caratterizzato dalla presenza di numerosi plastici, che propongono scenari dell’America Latina, del continente asiatico, di quello europeo, del Medio Oriente e della Russia, oltre che – ovviamente – degli Stati Uniti.

Per il momento mancano ancora l’Oceania e l’Africa, ma almeno per quel che riguarda il Continente Nero manca poco alla sua inclusione in questo mondo in miniatura.

Grand Central Terminal al Gulliver's Gate
Grand Central Terminal al Gulliver’s Gate

Cosa vedere

Che cosa si può vedere, dunque, al Gulliver’s Gate? Per quanto concerne il Vecchio Continente, in tutto sono 36 i monumenti che sono stati riprodotti, per un totale di 24 nazioni rappresentate. L’Italia fa la parte del leone, visto che sono davvero tante le location immortalate: due grandi classici come la Torre di Pisa e il Colosseo di Roma; sempre dalla Capitale è tratto anche il colonnato di San Pietro.

Per gli Usa, a essere immortalati e riprodotti sono la capitale Washington D.C. e il New England, oltre ad alcuni dei monumenti simbolo di New York: l’High Line, Times Square, il One World Trade Center e il ponte di Brooklyn, il tutto in scala 1:87.

Proprio lo skyline della Grande Mela viene inquadrato e proposto con grande attenzione: i designer, però, hanno voluto concentrarsi su una fruizione “dal basso”, come se la New York in miniatura venisse osservata dalla strada, e proprio per questo motivo edifici come il Chrysler Building, l’Empire State Building o il One World Trade Center sono privi di ornamenti dal quinto piano in su.

Gli occhi dei visitatori, insomma, sono concentrati sulla strada, dove i modelli sono decisamente e straordinariamente intricati. E non mancano gli Easter eggs, vale a dire delle piccole sorprese divertenti da scoprire: dal Ponte di Brooklyn, per esempio, compare un piccolo Spider Man, mentre nel tunnel della metropolitana si può notare un graffitaro. Senza dimenticare i piccioni sui tetti.

A differenza dell’Italia in miniatura di Rimini, l’esposizione della Grande Mela si estende su una superficie minore e ha il vantaggio di essere collocata in una struttura al coperto: insomma, la si può visitare senza problemi né inconvenienti anche nella stagione invernale o quando piove.

La mano della Costa General Display, che vanta più di 30 anni di esperienza nei settori dei modelli, dei parchi a tema, delle miniature, degli arredi e delle attrazioni, si può notare proprio nei 180 metri quadri della superficie dell’Europa. Il lavoro di assemblamento negli Stati Uniti è durato circa quattro mesi, dal dicembre dello scorso anno al marzo di quest’anno.

Ma attenzione, chi si aspetta che Gulliver sia stato fedele e preciso nella collocazione geografica metta da parte le proprie attese: il plastico del nostro Paese, per esempio, confina con quello della Spagna e con quello della Grecia. La Francia è un po’ più in là.

In effetti, gli organizzatori di Gulliver’s Gate lo mettono in evidenza da subito e a chiare lettere: “don’t rely on an everyday map” e “we made our own rules about geography here”. Insomma, meglio non fidarsi delle mappe tradizionali, perché le regole e le conoscenze geografiche sono state stravolte. E anche questo è parte del divertimento di un tour.

Video del Gulliver’s Gate

Informazioni pratiche

Come visitare Gulliver’s Gate?

Orari

È aperto dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 20

Biglietti

– Adulti (13+): $36 (scontato acquistato online)
– Bambini (fino ai 12 anni $27): $27
– Senior (65+): $27

Visitare il Gullivers’ Gate con i pass turistici

I biglietti per questa attrazione sono inclusi nei seguenti pass, i quali consentono di risparmiare rispetto all’acquisto dei singoli tickets.

Acquista i biglietti

Come arrivare

La stazione dei treni più vicini è 42nd Street Times Square / Broadway 7th Avenue.

Altre informazioni utili

I visitatori ricevono in dotazione una chiave, attraverso la quale hanno la possibilità di azionare i vari monumenti presenti nel plastico.

A proposito di consigli e dettagli logistici, i bambini sono benvenuti, ma non è possibile entrare con borse, zaini, bagagli, bastoni da selfie e ombrelli; devono restare fuori anche cibi e bevande. Non ci sono problemi, invece, per ciò che riguarda le foto: anzi, gli organizzatori raccomandano di taggare le immagini pubblicate sui social network con l’hashtag #gulliversgate.

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
     
Banner New York con Carlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.