Rockefeller Center

Cosa vedere a New York in 10 giorni con l’itinerario di Carlo

Home >> Gli itinerari di New York di Carlo >> Cosa vedere a New York in 10 giorni con l’itinerario di Carlo

Wow! Se avete la possibilità di stare 10 giorni a New York è l’ideale!

Questo tempo vi permetterà di scoprire bene Manhattan dove si concentrano la maggior parte delle attrazioni, ma anche gli altri distretti di New York come Brooklyn, il Queens, il Bronx e anche Staten Island, spesso molto dimenticato ma che invece anche lui ha molto da offrire.

Inoltre 10 giorni vi permetteranno di visitare i musei e magari fare anche uno o due giorni fuori New York visitando una delle bellissime destinazioni che si trovano non lontano dalla Grande Mela, come ad es. le Cascate del Niagara, la capitale Washington D.C., la Philadelphia di Rocky e della Dichiarazione di Indipendenza o ancora la bellissima Boston dei padri Pellegrini.

Come risparmiare

10 giorni a New York ti permetteranno di vedere tante cose, però tutte le attrazioni e i tour hanno un costo che non è economico.

Il mio consiglio è quindi di fare un pass che vi consentirà di risparmiare tanti soldi sui biglietti delle varie attrazioni.

Il pass che vi consiglio io per questo itinerario è il Sightseeing Day Pass da 7 o 10 giorni.

Io ho cercato di racchiudere quasi tutte le attività nei primi 7 giorni, però la differenza di costo tra i due pass è di appena $40, per cui il mio consiglio è di fare il Sightseeing Pass da 10 giorni così da avere il pass per tutto il vostro viaggio.

  • Nel pass sono inclusi anche pasti ai ristoranti;
  • sono inclusi ingressi a intrattenimento come il Bowling a Times Square, ingresso a Comedy Club e tanto altro ancora.

Giorno 1: tour introduttivo con Big Bus, 5th Avenue, Rockefeller Center, Top of the Rock

  • Biglietti necessari per il 1° giorno: tour per bus turistico con Big Bus tour; tour del Rockefeller Center; Top of the Rock

Il primo giorno a New York, per via del fuso orario, sicuramente vi sveglierete presto, con tanto entusiasmo e tanta voglia di esplorare la città.

Il mio consiglio è quello di fare un tour esplorativo con i tour di Big Bus tour (inclusi nel pass) che prevedono due itinerari:

  • Downtown Loop;
  • Uptown Loop.

Potete decidere se scendere e dopo risalire, alle fermate che preferite oppure fare gli itinerari completi i quali durano 40 minuti per il Downtown e 75 minuti per l’Uptown.

Entrambi partono da Times Square.

Con questi due tour avrete una visione d’insieme delle principali attrazioni di Manhattan, sia della zona sud sia della zona nord.

Terminata la visita con i bus dalla 42nd Street vi spostate verso est fino ad incontrare il bellissimo Bryant Park.

Bryant Park

Central Park è senza dubbio il polmone della città, però Bryant Park si trova proprio in pieno centro di Manhattan. E anche se non sembra è un parco molto grande ed è perfetto per rilassarsi e magari mangiare qualcosa.

Se sarete a New York durante il periodo natalizio, allora Bryant Park ancora di più si trasforma in un’attrazione imperdibile, in quanto ospita la pista di pattinaggio sul ghiaccio e il Bryant Park Winter Village.

5th Avenue

Fifth Avenue, New York
Fifth Avenue e I classici taxi di New York

Dopo il parco una passeggiata sulla 5th Avenue vi mostrerà una parte della New York da film, con tutte le grandi boutique che affollano i viali della strada più famosa di Manhattan.

Tutti i negozi delle grandi marche hanno una sede in questa Avenue, più alcuni marchi che qui in Europa non ci sono.

Sicuramente vi servirà anche un po’ di tempo per lo shopping.

Percorrete la 5th Avenue fino ad incontrare il Rockefeller Center.

Rockefeller Center e Top of the Rock

Il Rockefeller Center è un’altra delle zone più famose di New York. Durante il periodo natalizio infatti ospita il famoso albero di Natale, il Rockefeller Christmas Tree e la pista di pattinaggio, reso famoso in tanti film.

Se avete comprato il pass come consigliato avrete incluso un bellissimo tour del Rockefeller Center, un complesso che include tanta arte, negozi e il famoso Top of the Rock con il suo bellissimo osservatorio.

E una delle ultime tappe della giornata sarà proprio in cima al Top of the Rock uno degli osservatori più belli di New York.

Top of the Rock Info e biglietti

Dopo aver terminato la visita al Top of the Rock potete visitare nelle vicinanze la Cattedrale di San Patrizio, ad appena 5 minuti a piedi.

Giorno 2: Statua della Libertà, Charging Bull, Wall Street, 9/11 Memorial, One World Trade Center

  • Biglietti necessari per il 2° giorno: Statua della Libertà, 9/11 Museum e One World Trade Center

Statua della Libertà e Ellis Island

Se avete avuto modo di leggere anche gli altri miei itinerari, a me piace sempre iniziare il viaggio visitando la Statua della Libertà e Ellis Island.

Sarà perché tanti anni fa, prima di andare a New York la prima volta, era un sogno ricorrente che facevo quello di visitare Lady Liberty.

Per me entrambi sono due luoghi magici, due luoghi di speranza. La Statua della Libertà infatti era la prima cosa che gli immigrati che arrivavano a New York vedevano, prima di arrivare a Ellis Island per il processo di immigrazione.

La Statua della Libertà si può visitare dall’esterno, entrare dentro fino al piedistallo o anche fino alla Corona.

Trovate tutte le info sui biglietti nella mia guida dedicata alla Statua della Libertà.

Statua della Libertà Info e biglietti

Dopo aver visitato la Statua della Libertà, vi ricordo che qualche anno fa ha aperto anche un nuovo museo su Liberty Island, è il momento di visitare Ellis Island e il suo museo dell’immigrazione.

Terminata anche questa visita è il momento di tornare a Battery Park.

A Battery Park potete visitare Castle Clinton. Attualmente ospita le biglietterie per la Statua della Libertà, però fu costruito come forte per la guerra contro la Gran Bretagna.

Charging Bull

Charging Bull, New York
Charging Bull, New York

Non lontano da Battery Park, più precisamente a Bowling Green, c’è il Charging Bull, il toro che carica. Si tratta di una delle attrazioni più fotografate dai turisti che vanno a New York e infatti non è semplice farsi una foto perché è sempre pieno di gente che tocca il povero toro.

Wall Street

La prossima tappa del secondo giorno a New York sarà la zona di Wall Street. Oltre che fare delle foto all’esterno della New York Stock Exchange (la borsa di New York), vi suggerisco di entrare nella Federal Hall (gratis) e potete fare anche un tour della Federal Reserve (gratis ma si prenota in anticipo), dove vi mostreranno anche i lingotti d’oro (purtroppo non danno omaggi!).

9/11 Memorial e Museo

Una delle cose che assolutamente non si possono perdere è la visita di queste due attrazioni, per non dimenticare la tragedia dell’11 settembre.

Il mio consiglio è di visitare prima di tutto il Museo dell’11 settembre e poi la piazza del memoriale con le vasche. Quando sono illuminate sono ancora più emozionanti.

9/11 Museum Info e biglietti

Osservatorio One World Trade Center

Ingresso One World Observatory
Ingresso del One World Observatory

È stata una giornata piena di impegni, ma d’altronde appena sta iniziando il vostro viaggio a New York.

La concluderete in bellezza visitando l’osservatorio del One World Trade Center, conosciuto anche come Freedom Tower, per godere di una bellissima vista al tramonto o con la città illuminata.

One World Trade Center Info e biglietti

Giorno 3: MoMA, Times Square, Broadway, Empire State Building, Flatiron Building

  • Biglietti necessari per il 3° giorno: MoMA, Empire State Building

ll secondo giorno avete visitato tantissime cose e anche oggi la giornata sarà abbastanza piena.

Il terzo giorno a New York prevede un itinerario più concentrato nella zona centrale di Manhattan, conosciuta come Midtown Manhattan.

Iniziate questo terzo giorno a New York visitando uno dei musei più belli, il museo di Arte moderna, meglio conosciuto come il MoMA. Ha anche un bellissimo negozio per comprare qualche souvenir originale.

I biglietti sono inclusi nei pass.

MoMA Info e biglietti

Dopo aver visitato il MoMA (53rd Street tra la 6th e la 7th Avenue), sarà la volta di visitare Times Square: è impossibile non passare per questa zona, essendo l’epicentro di Manhattan. Qui si festeggia il Capodanno con la famosa sfera che scende dal palazzo e in questa zona sono concentrati tutti i teatri che offrono gli spettacoli di Broadway.

Broadway e Macy’s

Camminare sulla Broadway significa camminare su una delle strade più iconiche di tutta New York.

Percorretela verso sud. All’altezza della 34th Street sarete nella zona conosciuta come Herald Square, dove ci sono i grandi magazzini Macy’s, tra i più belli di New York e quelli che organizzano la bellissima sfilata del Ringraziamento.

Empire State Building

Lobby Empire State Building
Lobby Empire State Building

Sapete qual è il soprannome dello stato di New York? The Empire State.

L’Empire State Building è uno dei simboli di New York e se è la vostra prima volta a New York, non potete non visitare questa bellissima attrazione.

L’osservatorio dell’86° piano regala bellissime viste su Manhattan e sugli altri distretti di New York.

I biglietti sono inclusi nel pass.

Empire State Building Info e biglietti

Flatiron Building

Flat Iron Building, New York
Il Flat Iron Building è uno dei primi grattacieli di New York e anche uno dei più belli

Dopo aver ammirato il panorama dall’osservatorio dell’Empire State Building, riprenderete la Broadway sempre in direzione sud per arrivare e ammirare un’altra bellissima attrazione di New York: il Flatiron Building, il famoso grattacielo a forma di ferro da stiro.

Nelle immediate vicinanze di questa icona di New York c’è il Madison Square Park e se sarà già ora di cena potete gustare un ottimo hamburger da Shake Shack.

Giorno 4: Museo di Storia Naturale e Central Park

  • Biglietti necessari per il 4° giorno: Museo di storia naturale; giro in bici a Central Park; zoo di Central Park

Il quarto giorno a New York, dopo i primi vissuti a ritmi altissimi, sarà dedicato ad un ritmo un po’ più tranquillo, ma non per questo sarà meno emozionante.

Visitare Central Park è una delle cose più belle che farete a New York e sicuramente sarà uno dei ricordi più piacevoli della vacanza.

È importante scegliere un giorno climaticamente giusto per poter usufruire appieno delle bellezze del parco.

Museo di storia naturale

Tyrannosaurus Rex presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York City
Tyrannosaurus Rex presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York City

Prima di visitare il parco però la mattina sarà dedicata a visitare il Museo di Storia Naturale.

Famosissimo per ospitare un T-Rex e per essere la sede di ambientazione dei film con Ben Stiller “Una notte al museo” è una delle attrazioni da non perdere.

I biglietti sono inclusi nel pass.

È possibile anche mangiare dentro il museo di storia naturale.

Central Park

Central Park romantico
Fare un picnic a Central Park è uno dei piani più romantici a New York

Dopo aver terminato la visita al Museo è l’ora finalmente di visitare Central Park.

Il museo si affaccia proprio sul parco, per cui il mio consiglio è di entrare dalla 81st Street e Central Park West, dove dopo poco incontrerete Shakespeare Garden, Delacorte Theater, Belvedere Castle e il lago The Central Park Turtle Pond.

Dopo aver visitato queste attrazioni vi suggerisco di scendere fino alla 72nd Street per visitare Strawberry Fields e potete anche uscire un momento dal parco per vedere il Dakota Building, il palazzo dove è stato ucciso John Lennon.

Dopodiché potete continuare ad andare verso sud a Central Park. Una delle cose da non perdersi è la Statua di Balto, un cane eroico dell’Alaska, il bellissimo e romantico Bow Bridge.

Se sarete a New York nel periodo invernale da non perdere anche una pattinata al Wollman Rink.

Se viaggiate con bambini da non perdere lo Zoo di Central Park, anche questo incluso nel Sightseeing Pass.

Potete uscire dal parco all’angolo dove c’è la Fifth Avenue e ammirare il bellissimo Apple Store Fifth Avenue, l’unico Apple Store al mondo aperto tutti i giorni 24/7.

Giorno 5: SoHo, Village, High Line, The Edge e crociera di notte

Biglietti necessari per il 4° giorno: the Edge, crociera notturna

Questo è senza dubbio uno dei miei giorni preferiti.

Le zono di SoHo e Village, sono delle zone piene di fascino, come altri quartieri di Manhattan non riescono a trasmettere.

I grattacieli possono essere belli, però questi quartieri hanno quella storicità che niente può sostituire.

Little Italy e Chinatown

Little Italy a New York
Little Italy a New York

La giornata inizia in quella che un tempo era una zona abitata da tanti italiani e adesso come potete vedere è rimasto ben poco, però è sempre interessante andare a visitare quei pochi negozietti che sanno ancora di italiano.

Le vie principali sono Grand Street e Mulberry Street, dove si trova la Most Precious Blood Church, la chiesa dalla quale parte la sfilata di San Gennaro ogni anno a settembre.

Da non perdere Di Palo’s (200 Grand Street) gestito attualmente da Lou (Luigi) di Palo, il quale si vanta che la sua famiglia è l’ultima vera gente di Little Italy; Ferrara(195 Grand Street), storico forno che prepara dolci e fornisce i cannoli per la gara durante la Festa di San Gennaro.

Tutto il resto è stato “colonizzato” dai cinesi.

La prossima tappa della giornata in questa zona di Manhattan sarà SoHo.

SoHo

Soho, New York
Soho, New York

SoHo (acronimo di South of Houston Street) è soprannominato Cast Iron District, quartiere della ghisa.

Le vie più belle del quartiere sono: la Broadway (con tanti negozi), Broome Street (all’angolo tra queste due vie c’è l’Haughwout Building, uno dei primi edifici in ghisa), Greene Street (dove troverete due ottimi esempi dell’architettura in ghisa); il tratto della West Broadway tra Spring e Prince Street, un tempo era la zona principale delle gallerie d’arte.

Terminata la visita a questo quartiere proseguite la visita arrivando al Greenwich Village.

Greenwich Village

Greenwich Village
Greenwich Village

ll Village è una delle zone più belle di New York, probabilmente la mia preferita. Ha un’aria molto più rilassata rispetto alle altre zone di New York, con strade alberate e ritmi molto meno frenetici della zona di Midtown Manhattan.

L’epicentro di questo quartiere è senza dubbio la New York University, una delle più grandi di tutti gli USA.

Un luogo iconico del Village è senza dubbio Washington Square Park con l’arco di Trionfo dedicato a George Washington. Nel parco troverete anche una statua dedicata al nostro Garibaldi.

La zona del Village conserva una storia italiana molto più importante di quella di Little Italy.

Ad es. in Mc Dougal Street c’è il Caffè Reggio, dove il fondatore Domenico Parisi aveva importato la macchina per fare il cappuccino. Da non dimenticare la Chiesa Our Lady of Pompei.

Se siete amanti delle serie televisive a stelle e strisce, tra le cose da non perdere in questo quartiere ci sono la casa dove è ambientato Friends (all’angolo tra Bedford Street e Grove Street) e la casa di Carrie Bradshaw di Sex and the City (Bleecker Street, 64).

Il quartiere è l’epicentro della comunità gay di New York.

Terminata la visita al Greenwich Village, continuate per il vicino Meatpacking District.

Meatpacking District

Per arrivare potete percorrere la 14th Street. Prima di salire sulla High Line fate una visita al vicinissimo Chelsea Market, un’ex fabbrica di biscotti che ora ospita tanti ristoranti e negozi.

High Line

High Line, New York
La High Line è una delle attrazioni da non perdere a New York

La High Line è un bellissimo parco sopraelevato, ricavato dall’ex ferrovia che portava le carni e altre merci in questa zona di Manhattan.

Potete salire sulla High Line da Gansevoort Street (c’è anche l’ingresso con l’ascensore).

Percorrendo tutta la High Line godrete di una vista bellissima sul fiume Hudson, sull’Empire State Building e sul New Jersey.

Hudson Yards e The Edge

Il parco termina all’altezza di Hudson Yards, il nuovo complesso che ospita due attrazioni importanti come the Vessel (attualmente chiuso) e l’osservatorio The Edge.

La terrazza esterna dell'osservatorio Edge
La terrazza esterna dell’osservatorio Edge

L’attrazione più importante del complesso di Hudson Yards è l’osservatorio The Edge, incluso nel pass. Come potete vedere dalla foto ha una bellissima terrazza esterna che regala una vista spettacolare.

Trovandosi a ridosso del fiume Hudson nella zona ovest di Manhattan, offre una prospettiva differente rispetto agli altri osservatori.

Crociera notturna

Un’altra esperienza da fare durante il vostro viaggio a New York è senza dubbio una crociera notturna.

La partenza è alle 19 e non è lontana da Hudson Yards.

Anche la crociera è inclusa nel pass.

Giorno 6: Brooklyn e Ponte di Brooklyn

  • Biglietti necessari per il 6° giorno: Brooklyn Botanic Garden

Dopo 5 giorni trascorsi interamente a Manhattan è arrivato il momento un po’ di uscire da quest’isola, per passare ad un’altra (solo il Bronx si trova sulla terraferma): Brooklyn.

La prima tappa del quinto giorno sarà il Brooklyn Botanic Garden.

Brooklyn Botanic Garden

La fioritura di ciliegi al Brooklyn Botanic Garden
La fioritura di ciliegi al Brooklyn Botanic Garden

Il tempo di visita è di circa 3 ore, quindi terminerete la visita intorno all’ora di pranzo. Nelle vicinanze del Giardino Botanico ci sono diverse opzioni per mangiare.

L’ingresso al Brooklyn Botanic Garden è incluso nel pass.

Brooklyn Heights

La bellissima vista su Manhattan da Brooklyn Heights
La bellissima vista su Manhattan da Brooklyn Heights

Per spostarvi nella zona di Brooklyn Heights a piedi occorre quasi un’ora, altrimenti potete prendere la metro 2 o 3 direzione Manhattan e scendere alla stazione Clark Street.

Dalla stazione di Clark Street andate sulla destra dove incontrate subito l’Hotel St. George. Ora non è più un albergo ma è un dormitorio del college, all’inizio del 20° secolo è stato l’hotel più grande di New York e inoltre vantava anche la piscina interna più grande con acqua salata. In questo hotel inoltre sono state girate alcune scene del Padrino.

Da Clark Street andate in direzione del fiume e girate a destra su Hicks Street. Continuate a scendere fino ad incontrare Orange Street, che prenderete girando a destra.

Da Orange Street, tornate indietro su Hicks Street e continuate a scendere fino ad incontrare Middagh Street che prendete girando a sinistra e quindi di nuovo a sinistra su Willow Street.

Dumbo

Continuando verso sud sulla Promenade arrivate al quartiere di DumboProseguite verso Washington Street, da dove prenderete il ponte di Brooklyn.

Ma prima di salire le scale che vi condurranno al ponte, voltatevi per vedere l’Empire State Building incastonato nell’arco del Manhattan Bridge.

È una famosa immagine del film di Sergio Leone C’era una volta in America. Nelle vicinanze c’è anche Empire Stores, dove ci sono tanti punti dove mangiare.

Per tornare a Manhattan percorrete il Ponte di Brooklyn a piedi, con la splendida vista dello skyline Manhattan di fronte a voi.

Arrivati a Manhattan vi ritroverete in Centre Street.

Giorno 7: Museum Mile, Roosevelt Island, Grand Central Terminal e Summit One Vanderbilt

  • Biglietti necessari per il 7° giorno: Metropolitan Museum, Guggenheim Museum, Summit One Vanderbilt

Durante un viaggio di 10 giorni a New York, uno dei vantaggi è di poter visitare diversi musei. New York infatti è uno dei poli culturali più importanti al mondo.

Durante la vostra vacanza avete già visitato diversi musei come il museo della Statua della Libertà, il 9/11 Museum, il MoMA e il Museo di Storia Naturale e oggi è il momento di visitare un altro museo.

Per farlo la destinazione di oggi è l’Upper East Side, più precisamente la 5th Avenue.

C’è un pezzo di questa strada che è stato soprannominato Museum Mile (il miglio dei musei) proprio grazie alla sua alta concentrazione di musei presenti in questa zona.

Tra i tanti presenti i più importanti sono senza dubbio il Metropolitan Museum e il Guggenheim Museum. Il primo si concentra nell’arte contemporanea, mentre il secondo sull’arte moderna.

Il mio consiglio ricade senza dubbio per la visita al primo: è uno dei musei più importanti al mondo a livello del Louvre di Parigi o del British Museum di Londra.

È un museo molto grande e una visita ha bisogno di essere pianificata, così da organizzarsi sulle zone più importanti da vedere.

Nella guida dedicata al Metropolitan troverete tutti i consigli.

Metropolitan Museum Info e biglietti

Terminata la visita al Metropolitan Museum (il quale si trova sulla 5th Avenue all’altezza della 82nd Street) vi consiglio di fare una passeggiata su Park Avenue per andare in direzione della funivia di Roosevelt Island.

Park Avenue è una delle vie più belle di New York, una delle poche Avenue dove potrete vedere il traffico veicolare procedere in entrambe le direzioni.

È una delle vie più esclusive di tutta New York.

Percorretela fino alla alla 60th Street che prenderete girando a sinistra e camminerete fino a che incontrate la funivia per andare a Roosevelt Island.

Roosevelt Island

Roosevelt Island è una bella isoletta che giace tra Manhattan e il Queens.

Il motivo principale per cui vi consiglio di andarci è per prendere la funivia che la collega a Manhattan. Soprattutto al ritorno in direzione Manhattan vi regalerà delle viste fantastiche, al prezzo di un normale biglietto, lo stesso che utilizzate per la metro.

Per le cose da vedere a Roosevelt Island vi lascio al mio approfondimento dove troverete tutte le indicazioni e i dettagli sull’isola.

Roosevelt Island Cosa vedere

Di ritorno dalla funivia di Roosevelt Island, con già la fotocamera o lo smartphone pieni di bellissime foto, lasciate un po’ di spazio nella memoria, perché manca ancora la fantastica esperienza che vi lascerà la visita all’osservatorio Summit One Vanderbilt.

Grand Central Terminal e Summit One Vanderbilt

La bellissima vista dall'osservatorio One Vanderbilt Summit
La bellissima vista dall’osservatorio One Vanderbilt Summit

La Grand Central Terminal è molto di più di una stazione, è una vera e propria attrazione.

Sono tantissime le cose da vedere al suo interno. Tra le principali vi cito l’orologio nel Main Concourse; la costellazione al contrario che si trova nel soffitto dell’atrio principale; la Vanderbilt Hall, l’appartamento appartenuto alla famiglia Vanderbilt.

C’è il Grand Central Market dove comprare prelibatezze; la galleria dei sussurri e da poco ha aperto il bellissimo osservatorio Summit One Vanderbilt, secondo me il più bello di New York.

Questo osservatorio non è incluso in nessun pass, per cui è necessario acquistare i biglietti separatamente.

Giorno 8: gita fuori New York alle Cascate del Niagara

Cascate del Niagara da New York
Cascate del Niagara da New York

È trascorsa una settimana intera da quando è iniziata la vostra vacanza a New York ed è arrivata l’ora di dedicare una giornata fuori New York.

Il mio consiglio senza dubbio è di fare una visita alle Cascate del Niagara.

Esistono tutto l’anno dei tour di un giorno che permettono di visitare le attrazioni più importanti, delle Cascate più famose del mondo.

Cascate del Niagara da NYC Info e tour

Alternative: Washington DC, Philadelphia, Boston, American Dream Mall

Ci sono tante altre alternative alle Cascate del Niagara se magari il vostro budget non vi consente di andare.

La soluzione più economica è trascorrere una giornata all’American Dream Mall, un centro commerciale ad appena 15 minuti da Manhattan che offre parco acquatico, parco divertimenti e tanto altro ancora.

Ci sono poi le classiche alternative come la visita alla capitale Washington DC, la visita a Philadelphia e alla comunità Amish o ancora la visita alla bellissima Boston.

Tour fuori New York Info e biglietti

Giorno 9: Harlem, Messa Gospel, Upper West Side e Columbia University

Questa giornata vi consiglio di farla durante una domenica, così oltre a visitare Harlem potrete anche assistere a una Funzione Gospel, un’esperienza unica che solo a New York potrete fare.

Harlem e Messa Gospel

Cosa vedere a Harlem
Apollo Theater a Harlem, una delle attrazioni principali

Harlem è un quartiere nel nord di Manhattan, famoso per essere la patria della comunità black di New York.

La parte centrale, chiamata Central Harlem, si trova sulla 125th Street in corrispondenza dell’Apollo Theater, famoso per aver ospitato artisti del calibro di Ella Fitzgerald, Louis Armstrong, Michael Jackson, Jay-Z e tanti altri ancora.

Come scritto una delle cose assolutamente da fare è assistere a una funzione Gospel e fare un brunch o un pranzo a base di soul food, un cibo tipico delle comunità afro provenienti dagli stati sud degli USA.

Terminata la visita di questa zona vi consiglio di dirigervi verso l’Upper West Side. Da visitare assolutamente c’è la Columbia University, dove è possibile visitare il campus e respirare l’aria di una delle università più esclusive del mondo.

Terminate la giornata passeggiando per questa bellissima zona. Potete farlo percorrendo la Broadway in direzione sud. Se la seguite vi riporterà fino a Midtown Manhattan.

Giorno 10: visita al Bronx e al Queens

Anche un viaggio lungo volge al suo termine, però il lato positivo è che già potrete programmare il prossimo.

Però c’è ancora l’ultimo giorno da sfruttare.

Per la mattina vi consiglio un tour che vi porterà alla scoperta delle zone più belle del Bronx, del Queens e di Brooklyn.

Così magari nel vostro secondo viaggio a New York, potrete approfondire queste zone e visitare quelle che non siete riusciti a fare in questo viaggio, come ad es. Staten Island e altre attrazioni di Manhattan che non siete riusciti a includere nel vostro itinerario di 10 giorni a New York.

    Banner New York con Carlo

4 Commenti

  1. Tutto bellissimo. Ma nessun tour organizzato comprende una guida in Italiano,per chi come me purtroppo non parla inglese.

    1. Ciao Eleonora,
      questo è un itinerario che ho elaborato io, per aiutare alle persone a pianificare cosa vedere a New York in 10 giorni, non è un programma di un viaggio organizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *