sabato , 10 dicembre 2016
In primo piano
Home > Diari di viaggio New York > Due bionde a New York – diario di viaggio New York

Due bionde a New York – diario di viaggio New York

Il 17 settembre 2008 io (Sara) e la mia inseparabile compagna di viaggio, Anna, siamo partite da Pisa con il volo non stop della Delta Airlines alla volta della mitica NEW YORK City!!! Volo tranquillo con la gentile hostess Tiziana e risate per la compilazione del modulo per l’immigration. Arrivo al JFK in perfetto orario, senza fila alcuna coda per i controlli alla dogana, poche domande da parte del funzionario dell’immigration, quindi anche chi non sa una parola di inglese può stare tranquillo. Un immancabile taxi giallo con guida spericolata ci ha portato all’appartamento: WooGoo Apartements nell’Upper West Side, davanti alla fermata della metro e a poca distanza da Columbus Circle e da Central Park. Sistemazione ottima a parte un piccolo ospite la penultima sera: un topolino newyorkese… come farselo mancare!!!!
Per tutti quelli che pensano che il jet lag non li colpirà… si ricrederanno!!! 18 settembre: è il mio compleanno!!!! Sveglia alle 5 causa fuso, colazione e via per Times Square… l’impatto è bellissimo e delirante.
Io e Anna siamo impazzite per i mille negozi e abbiamo cominciato a dar fondo alla carta di credito. Da segnalare il negozio degli M&M’s e il Bubba Gump per i fans di Forrest Gump. Poi gambe in spalla alla volta di Bryant Park (l’ideale per una pausa insieme agli impiegati), la biblioteca pubblica e la Grand Central Station.

E poi Lei… la Fifth Avenue!!!! Negozi, negozi e negozi ma soprattutto Abercrombie & Fitch: il paradiso per tutte le ragazze che si vogliono rifare gli occhi con i modelli bellissimi. Immancabile visita da Tiffany e da Fao Schwarz con suonata del piano gigante emulando Tom Hanks.
Bilancio della prima sera: piedi fusi ma felicissime.

19 settembre: facciamo la Metrocard che è utilissima e la metro semplice da prendere basta buttarsi… decidiamo di fare la conoscenza di Miss Liberty prendendo il traghetto da Battery Park e acquistando il New York Pass che permette sconti nelle maggiori attrazioni… sarà stata fortuna ma noi non abbiamo mai trovato fila da nessuna parte!!!
Dopo giro nella zona finanziaria con toro, Wall Street e la borsa, siamo al centro del mondo!!! Momento triste con visita al WTC dove ormai i cantieri lavorano a pieno regime ma colpisce ancora per l’immenso spazio vuoto lasciato dalle torri. Non ancora stanche ci dirigiamo verso l’Empire State Building per una veduta della città dall’alto al tramonto… qualcosa di indimenticabile!! Cena messicana e Times Square in notturna.

20 settembre: visita al Museo di storia naturale e giro a Central Park; sole, verde e barchette, che relax. Decidiamo poi di andare al Guggenheim: per chi non ama l’arte moderna, evitatelo, merita solo la struttura. Deluse ci consoliamo con un binomio incredibile: Macy’s e Victoria Secret’s. Finale di giornata al Rockefeller Center.

21 settembre: è domenica e io devo assolutamente vedere una messa gospel quindi andiamo ad Harlem e precisamente nella Canaan Baptiste Church dove lo spettacolo è incredibile, proprio come si vede nei films… emozione a non finire! Per la sede una seconda possibilità si concede anche all’arte moderna visita al MoMa… qualcosa piaciuto qualcosa meno…

22 settembre: shopping per Soho, Nolita, Little Italy, Chinatown… tutti quartieri da vedere a piedi angolo dopo angolo. da non perdere Economy Candy il negozio di caramelle rimasto agli anni 50, stupendo!

23 settembre: prendiamo la metro e ci dirigiamo a Coney Island a gustarci l’Atlantico e gli hot dog di Nathan… bello bello bello.

24 settembre: saluto con shopping finale a Times Square e con la tristezza nel cuore ritorno in Italia.
Non abbiamo svelato tutto perché New York va scoperta da soli: le persone gentilissime, i colori, gli odori, i rumori, la città che ti entra nelle vene, l’impressione di sentirsi a casa anche in una delle metropoli più grandi del mondo; ogni angolo una sorpresa e qualcosa che ti fa sgranare gli occhi esclamando: "ma allora esiste veramente e non solo nei films".
Andateci assolutamente, innamoratevi della città e aspettate con trepidazione il momento in cui la rivedrete come stiamo facendo noi!
Enjoy New York!!!!!!!!!
Alla prossima, Sara & Anna


  

  




Un commento

  1. mi è piaciuto tanto il racconto…..stringato ma pieno di notizie,nn vedo l’ora di andarci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X