sabato , 10 dicembre 2016
In primo piano
Home > Cultura e Società > Little Italy a New York nuova Chinatown

Little Italy a New York nuova Chinatown

Little Italy New YorkLittle Italy, viene ribattezzata dal New York Times “Littler Italy”, l’Italia più piccola: infatti ormai di italiano nel quartiere di Manhattan vi è rimasto ben poco a favore della sempre più crescente comunità cinese. Le strade rimaste a maggioranza italo-americana ormai sono solo due: Grand Street e Mulberry Street, le altre sono state occupate da Chinatown a nord e da SoHo a ovest. Neanche la mafia abita più qui: il Ravenite Club che un tempo apparteneva alla famiglia Gambino è diventato un negozio di scapre, e se nel 2005 si aggirava ancora per le strade Vincent Gigante, il capo della famiglia Genovese, ormai non si vedono più mafiosi.


Nel 1950 i 10.000 abitanti italo-americani di Little Italy rappresentavano il 50% degli abitanti del quartiere, mentre adesso i suoi 8.600 abitanti sono appena il 5%! Inoltre degli abitanti non ce n’è nemmeno uno nato in Italia, mentre del 50% degli abitanti nati all’estero, il 90% è nato in Asia!


Una cosa che invece non è cambiata è il costo alto degli affitti: $4500 al mese per un bilocale. Ormai gli italo-americani abitano in altre zone di New York come Arthur Avenue nel Bronx e soprattutto a Staten Island che non a caso ha come soprannomi Staten Italy or Italian Island.

  

  




Leggi anche

I migliori comics ambientati a New York

New York è una di quelle città dove si puo’ trovare e incontrare di tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X