Meatpacking District, New York

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 27 Settembre 2019

Meatpacking District, New York

Il Meatpacking District è un piccolo quartiere che deve il suo nome agli stabilimenti di lavorazione della carne che, fino a non molti anni fa, si trovavano qui. Meatpacking = confezionamento delle carni!

Soprannominato “la macelleria di New York“, oggi, il Meatpacking District è diventato un quartiere tra i più trendy della città, con ristoranti alla moda (molto costosi), club esclusivi e una vivace vita notturna alla quale prendono parte anche numerosi personaggi dello star system.

Il bello è che, nonostante l’assalto dell’alta società, questo zona conserva ancora gran parte dell’autenticità del passato, anche grazie alla sopravvivenza di alcuni venditori di carne all’ingrosso (cinque, per la precisione).

Dove si trova e come arrivare

Il quartiere si trova a sud-ovest del distretto di Manhattan. Confina a nord con Chelsea, a sud e ad est con il Greenwich Village e ad ovest con il fiume Hudson.

Per arrivare, si può prendere la metro: linee A, C, E stazione fino alla stazione 14th Street, oppure linea L fino alla 8th Avenue.

Cosa vedere

Il Meatpacking District è piccolo, ma attraente. Ecco cosa dovreste assolutamente vedere.

Gansevoort Street, la strada che porta all’High Line

Gansevoort Street è la strada principale del quartiere: non potrete dire di essere stati nel Meatpacking District senza averla percorsa, ed è lei che vi porterà all’High Line, il famoso parco urbano lineare di New York!

Una volta lì passava il treno, e infatti ancora oggi si possono vedere i binari. Vale la pena fare una bella passeggiata.

High LineVai all’approfondimento

Whitney Museum of American Art

Questo importante museo si trova all’indirizzo 99 Gansevoort Street in un edificio progettato dall’architetto Renzo Piano.

Ospita la più importante collezione al mondo di arte americana moderna e contemporanea. Troverete esposte opere di artisti come Edward Hopper, Robert Rauschenberg e Alexander Calder.

Whitney MuseumVai all’approfondimento

Ground Zero Museum Workshop

Un piccolo museo da non perdere. Gary Marlon Suson, suo fondatore, è stato il fotografo ufficiale a Ground Zero per i vigili del fuoco FDNY, e ha trascorso circa sette mesi sul luogo dell’attacco.

Il commovente Ground Zero Museum Workshop custodisce ricordi delle persone che persero la vita, oggetti, trasmette testimonianze tramite fotografie e fa emergere il lato umano della vicenda.

Questo è il suo sito ufficiale. Il museo è aperto mercoledì, giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 15.00.

Da non confondere con i famosi 9/11 Museum e 9/11 Memorial, che si trovano nella zona del Word Trade Center.

Oltre a vedere le attrazioni che vi abbiamo suggerito, per vivere al 100% il quartiere vi suggeriamo di fare un tour guidato, e una o più soste nei suoi ristoranti e club!

Tour nel Meatpacking District

Con un tour in italiano, accompagnati da una guida esperta, il Meatpacking District non avrà più segreti.

Foto guida di New York Frank de Falco
esperienze in italiano di New York

Tour di Downtown Manhattan

Curiosità e storia di Lower Manhattan: dal Meatpacking District alla High Line, passando per il Financial District, il Village, SoHo e molto altro ancora.

Ristoranti e ore piccole nel Meatpacking District

Nel Meatpacking District si mangia bene (spendendo tendenzialmente molto) e ci si diverte!

Qualche coordinata:

Gansevoort Market

Nell’ottobre del 2014 ha aperto questo appetitoso “gastro mercato”, che accoglie tante realtà gastronomiche diverse sotto un unico tetto, in stile food court. Inizialmente aveva sede al 52 di Gansevoort Street, ma nel 2016 si è trasferito nell’attuale sede all’indirizzo 353 West 14th Street.

Oggi si trova quindi abbastanza vicino ad un altro splendido mercato gastronomico – più grande – il Chelsea Market.

L’ambiente nel Gansevoort Market è rilassato e cool, e l’argomento ci sembra così ghiotto da richiedere un approfondimento. 🙂

Gansevoort MarketVai all’approfondimento

Se siete in dubbio su quale mercato visitare – Gansevoort Market o Chelsesa Market – allora potreste andare in tutti e due!

Bubby’s

Un ristorante tipicamente americano, in cui potete fare anche un bel brunch. 73 Gansevoort Street.

Serafina

Immancabile ristorante italiano dove si mangia bene (pasta, piazza, toast… ) e il servizio è accogliente. 7 9th Avenue.

STK Steakhouse

Si trova all’indirizzo 26 Little W 12th Street ed è il regno delle bistecche. Certo non sono economiche, ma il loro gusto vi consolerà!

The Standard Grill

Qui potete gustare altre ottime bistecche, hamburger, ma anche pesce e pietanze vegetariane e senza glutine in un’ambiente raffinato e decisamente trendy.

Il ristorante fa parte dello Standard Hotel, si trova all’848 di Washington Street e d’estate apre anche la sua bellissima terrazza.

Dos Caminos

Un gradevole ristopub in stile messicano, al 675 di Hudson Street. Le porzioni sono generose e il personale molto gentile.

Bagatelle

Un ristorante francese: aspettatevi di mangiare bene ma di spendere tanto! 1 Little W 12th Street

E per la sera…

Le Bain

Se volete fare un indimenticabile aperitivo su un rooftop per ammirare i grattacieli di New York, questo è il posto giusto. Fa parte dello Standard Hotel e il panorama che vedrete è quasi a 360°!

Il locale è fashion, con selezione all’ingresso e clientela internazionale. Oltre alla terrazza c’è anche una sala discoteca. The Standard, High Line, 848 Washington Street.

Plunge Rooftop Bar + Lounge

In questo locale – che fa parte dell’Hotel Gansevoort Meatpacking – troverete altri cocktail e appetizer da gustare dominando New York dall’alto.

Vi attendono spettacolari vedute dell’Hudson e buona musica. Indirizzo: 18 9th Avenue.

Dormire nel Meatpacking District

Quartiere tranquillo di giorno, lontano dalle grandi folle di Midotwn Manhattan, e movimentato di notte grazie alla presenza di locali, ristoranti e club.

Vi piace l’idea di dormire qui? Allora date un’occhiata all’elenco degli hotel.

Shopping

Eh sì: a New York c’è sempre voglia di fare shopping, e anche dall’ex “Macelleria di New York” potete far ritorno con sacchetti pieni di acquisti (che non saranno bistecche).

Tra i negozi del quartiere, segnaliamo:

  • The Shop at The Standard. La boutique dello Standard Hotel. 444 W 13th Street
  • Madewell, per l’abbigliamento. 69 Gansevoort Street
  • Tiziano Zorzan, altro negozio di abbigliamento. 829 Washington Street
  • Helmut Lang, negozio del noto stilista. 821 Washington Steet
  • Stephen F Flagship store, ancora abbigliamento. 36 Little W 12th Street
  • Tory Burch, abbigliamento femminile, scarpe e accessori lussuosi creati dall’omonima stilista. 38-40 Little W 12th Street
  • Vince, abbigliamento femminile. 833 Washington Street
  • SEPHORA, se siete a corto di cosmetici. 21-27 9th Avenue
  • Kiehl’s Since 1851, per altri cosmetici. 400 W 14th Street
  • Doyle & Doyle, una gioielleria. 412 W 13th Street
  • Anna Inspiring Jewellery, un’altra gioielleria. 825 Washington Street
  • lululemon, per l’abbigliamento sportivo. 408 W 14th Street
  • Samsung 837, uno showroom tecnologico che organizza eventi nei quali moda, tecnologia, sport e arte si fondono in modo originale. Offrono anche esperienze gratuite di realtà aumentata. 837 Washington Street

Galleria foto del Meatpacking District

Cenni storici

Oggi la zona è sinonimo di moda, vita notturna e bella gente, ma non è sempre stato così.

La zona era originariamente residenziale: intorno al 1820 le persone si rifugiarono in case popolari nel Meatpacking District per sfuggire alle epidemie.

I mercati sorsero verso gli anni 1840. Alla fine dell’Ottocento, New York decise intitolò due acri del lato ovest di Lower Manhattan al generale Peter Gansevoort.

In quel periodo, il quartiere diventò sempre più un mercato per i prodotti, e in seguito divenne un centro per la refrigerazione della carne, e infine un quartiere commerciale, noto come Gansevoort Market.

Nel 1900, questo mercato comprendeva oltre 250 macelli e impianti di confezionamento delle carni e da allora il quartiere prese il nome di Meatpacking District.

La città di New York,, per mantenere l’immediata disponibilità di carne fresca e di posti di lavoro, sovvenzionò l’industria fino all’inizio del Ventesimo secolo.

Negli anni Sessanta – e fino agli anni Ottanta – l’area divenne degradata. In questa zona industriale dilagavano lo spaccio di droga e la prostituzione.

Fu negli anni Novanta, quando negozi di tendenza e club si stabilirono qui, che il quartiere assunse una nuova linfa. Le sue strade acciottolate divennero rapidamente trendy, e lo sono ancora oggi.

Mappa: cosa vedere nelle vicinanze


Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
    
Banner New York con Carlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *