Come organizzare un viaggio a New York
Home >> Informazioni pratiche >> Guida di New York 2024: come organizzare un viaggio dalla A alla Z

Guida di New York 2024: come organizzare un viaggio dalla A alla Z

New York City, “The Big Apple” (La Grande Mela) è una città meravigliosa da visitare almeno una volta nella vita – ammesso che basti ? – e da amare per sempre.

→ Hai la curiosità e non hai ancora inserito New York nella lista dei luoghi da vedere

aspirante o prossimo visitatore della “Città che non dorme mai”

esperto dei viaggi nella Grande Mela

Quale che sia il tuo caso questa Guida di New York fa per te!

Infatti, ti svelerà informazioni e segreti sulla città, sarà uno strumento utile per organizzare un viaggio a New York, ti darà consigli dalla A alla Z e, anche se non è il tuo primo viaggio a New York, potrà farti rivivere qualche emozione newyorkese.

Ai curiosi, in particolare, auguro un rapido passaggio allo status di veterani della Grande Mela e, a tutti, buona lettura!

Dove si trova New York?

Trovandoti di fronte a una cartina geografica sapresti indicare senza esitazioni il punto esatto dove si trova la città di New York?

New York City si trova negli Stati Uniti d’America, in posizione piuttosto settentrionale, sulla costa est (quindi a destra!) nello Stato di New York.


Banner sconto assicurazione USA del 15% fino al 30/06

Per trovare New York a colpo d’occhio in un planisfero, considera che si trova praticamente alla stessa latitudine di Napoli, anche se le due città distano tra loro più di 7.000 chilometri!

Quindi – indicazione “for dummies” ma pratica – se individui Napoli nella mappa e procedi verso ovest (sinistra), fino ad incontrare gli Stati Uniti, troverai facilmente il punto in cui c’è New York.

Curiosamente, la capitale dello Stato di New York non è la città di New York ma Albany.

La Grande Mela, però è la città più popolosa dello Stato, con 8,5 milioni di abitanti circa. La piccola Albany ne conta “solo” 100 mila.

In questa pagina puoi trovare altre informazioni sulla geografia della città di New York.

Come è fatta la città: i distretti di New York

New York si sviluppa su una superficie composta quasi completamente da isole e comprende cinque distretti (boroughs):

Ogni distretto comprende numerosi quartieri, e a volte si tende a far confusione tra distretti e quartieri.

Per rendere l’idea, TriBeCa e Little Italy sono due dei numerosi quartieri di Manhattan, Brooklyn Heights è uno dei quartieri di Brooklyn, e così via.

Se i distretti di New York ti hanno incuriosito e vuoi saperne di più, fai click sul pulsante di approfondimento.

Troverai tante informazioni anche sui distretti meno battuti dal turismo, ma non per questo meno interessanti.

I 5 distretti di New York Vai all’approfondimento


Carlo Galici New York

Acquista subito il mio ebook "New York con Carlo", per pianificare al meglio il tuo viaggio a New York.

Troverai un itinerario super dettagliato per 5, 7 o 10 giorni. Da €2,99.

Acquista subito!

Quanto costa andare a New York?

Gli USA non sono esattamente dietro l’angolo, New York è una città importante, commerciale e costantemente presa d’assalto dai turisti.

Queste premesse possono far pensare che un viaggio nella Grande Mela sia sempre abbastanza costoso.

Ma è proprio così, e il sogno di andare a New York deve rimanere a scalpitare nel cassetto? Dipende!

Mediamente, il volo più l’hotel a New York possono costare tra gli 850 e i 1100 € a persona (con alloggio in camera doppia, per 7 notti), ai quali occorre aggiungere le altre voci di costo (assicurazione viaggio, cibo, spostamenti, visita alle attrazioni, shopping, ecc.).

Le variabili in gioco sono numerose, quindi il prezzo può variare e per ottenere il prezzo migliore bisogna giocare bene!

In particolare, per quanto riguarda il volo e l’hotel incidono:

  • Il periodo del viaggio (c’è grande differenza tra l’alta stagione e la bassa stagione)
  • Il tipo di alloggio scelto e relativa zona
  • Il momento in cui si prenotano i voli e l’hotel

Nei paragrafi dedicati ai voli e a dove dormire troverai utili suggerimenti per risparmiare.

Idem per il paragrafo dedicato ai pass per le attrazioni, che sono validi strumenti per spendere di meno e vedere di più!

Quanto costa andare a NY Vai all’approfondimento

Banner New York con Carlo 2024

Quale periodo scegliere per la vacanza

Iniziamo da una bella notizia (che diventa ottima per chi non può decidere liberamente il momento in cui andare in vacanza): tutte le stagioni e tutti i mesi dell’anno a New York hanno qualcosa di magico da offrire ai visitatori.

In altre parole, per visitare la Grande Mela ogni periodo è quello giusto.

Se puoi scegliere quando “morderla” (!), valuta in base a fattori quali:

  • il clima che troverai: decidi anche in base al tuo grado di sopportazione del caldo e del freddo
  • l’aspetto della città in quella stagione: preferisci una New York fiorita e colorata o, magari, innevata?
  • gli eventi del periodo. A partire da questa pagina puoi passare al setaccio gli eventi di New York mese per mese

Per aiutarti a decidere, ecco un breve riepilogo dei pro e dei contro di una vacanza newyorkese nelle diverse stagioni:

Primavera?

Pro

  • Clima amichevole: le temperature iniziano a risalire dopo il freddo inverno
  • Le persone e la natura si risvegliano: si passeggia, si corre, si va in bicicletta e gli alberi sono ricchi di foglie e fiori in bocciolo o già sbocciati
  • Ci sono eventi interessanti: festival dedicati ai fiori, cinematografici, a Pasqua la caccia alle uova, e parate come Patrick’s Day Parade in occasione della Festa di San Patrizio, e la Easter Parade a Pasqua

Contro

  • Il clima è instabile, con possibili piogge: è sempre utile avere con sé un ombrello e/o un impermeabile
  • Durante il periodo di Pasqua i prezzi tendono ad aumentare.
Primavera a New YorkTutte le info

Estate ☀️

Pro

  • Ci sono tantissimi eventi: per esempio, Central Park Summer Stage, Shakespeare in the Park, Summer Movies Series nel museo Intrepid, i fuochi d’artificio per la Festa dell’Indipendenza del 4 luglio, tanto divertimento in occasione del Labor Day (simile al nostro 1° maggio) all’inizio di settembre;
  • Gli hotel non hanno prezzi da “alta stagione”
  • Si può anche andare in spiaggia e in piscina

Contro

  • Il clima è sul “torrido andante” (!) e c’è una forte umidità nell’aria. Qualche volta potrebbe anche piovere
  • I voli sono più costosi rispetto al resto dell’anno
Estate a New YorkTutte le info

Autunno

Pro

  • Il clima migliora rispetto all’estate, e non si “soffoca” più
  • I parchi diventano bellissimi, perché le foglie si tingono di colori caldi e rossastri: è il periodo del foliage
  • Tanti gli eventi: dall’Oktoberfest al Queens Country Fair, senza dimenticare la famosa Maratona di New York. In autunno, poi, vengono inaugurate tante mostre e non mancano le parate, come la Columbus Day Parade in occasione del Columbus Day o quella per Halloween, altra ricorrenza molto sentita e che tinge di arancione la città! Se non dovesse bastarti, ricorda che ci sono anche la Festa del Ringraziamento, l’attesissimo Black Friday e, dulcis in fundo, l’illuminazione dell’albero di Natale del Rockefeller Center

Contro

  • Il clima è comunque instabile e da metà novembre diventa molto più freddo

Inverno ❄️

Pro

Contro

  • Fa freddo! Venti gelati, temperature intorno allo zero… Bisogna coprirsi bene e vestirsi “a cipolla”! Sciarpa, guanti e berretto non sono un optional, anche per chi di solito non li usa
  • I prezzi dei voli e degli hotel sono più alti durante il Capodanno.
Inverno a New YorkTutte le info

Se ti occorrono maggiori informazioni sugli eventi e sul clima di un mese specifico (il mese del tuo prossimo viaggio a New York :-)?!), clicca sul pulsante di approfondimento.

Quando andare NY Vai all’approfondimento

Cosa serve per andare a New York: i documenti necessari

Per i vacanzieri “classici”, che viaggiano a fini turistici e per un periodo di tempo relativamente breve, generalmente non occorre il visto.

Servono questi documenti:

  • passaporto
  • autorizzazione ESTA

Quali sono gli altri requisiti? Per poter viaggiare senza visto (“Visa Waiver Program”) occorre:

  • viaggiare solo ed esclusivamente per affari e/o per turismo;
  • rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
  • avere un biglietto di ritorno.

Attenzione: se anche uno dei requisiti indicati non è soddisfatto, allora è obbligatorio richiedere il visto.

L’ESTA va compilato online dal sito ufficiale (diffidate dai siti che propongono di assistervi nella compilazione della domanda), e ha un costo di $21.00.

I tempi di emissione sono rapidi (salvo intoppi): il riscontro positivo generalmente arriva pochi minuti dopo l’invio della domanda, e l’attesa massima è di 72 ore.

Tuttavia è consigliabile inoltrare la richiesta per l’ESTA appena decidi di fare una vacanza a New York. Fatto, fatto, e non ci pensi più!

Per ulteriori informazioni sulla documentazione necessaria per andare in vacanza nella Grande Mela, clicca sull’apposito pulsante.

Documenti per andare a NY Vai all’approfondimento

Fuso orario e ora legale ⌚️

New York City è 6 ore indietro rispetto all’ora italiana.

Per esempio, da noi sono le 12? A New York sono le 6 del mattino.

In Italia sono le 19? A New York sono le 13 (ora di pranzo! Chissà quante persone staranno addentando un hamburger).

Per un breve periodo, però, la differenza di orario si riduce, passando a -5 ore rispetto all’ora italiana.

Questo avviene per alcune settimane a marzo e a novembre, dato che negli USA l’ora legale entra in vigore la seconda domenica di marzo, e non l’ultima come da noi in Italia e termina la prima domenica di novembre.

Temi gli effetti del Jet lag? Eh, quelli sono da mettere in conto, ma seguendo questi consigli li supererai al meglio.

Assicurazione per il viaggio

L’assicurazione sanitaria per un viaggio negli USA non è obbligatoria, ma vivamente raccomandata.

Infatti, il sistema sanitario americano è ben diverso da quello europeo, e come probabilmente saprai già accedere alle migliori cure mediche negli States è costosissimo.

Qualche esempio: in assenza di assicurazione sono richiesti dai 70 ai 100 dollari per una semplice prescrizione medica, e circa 2000 dollari per il ricovero di un giorno.

Rinunciare all’assicurazione sarebbe quindi una decisione a dir poco sprovveduta, considerando che, nonostante i debiti scongiuri, “tutto può succedere”, e che viaggiare tranquilli è tutta un’altra cosa.

Tra l’altro, i prezzi per l’assicurazione non sono assolutamente proibitivi.

Identikit di una buona polizza per il tuo viaggio a New York:

  • Deve fornire protezione sanitaria 24 ore su 24 per malattie e infortuni
  • La compagnia deve provvedere al pagamento diretto di tutte le spese: mediche, ospedaliere e chirurgiche
  • La compagnia deve provvedere al rimborso delle spese farmaceutiche, dei costi sostenuti per il trasporto verso centri medici e di soccorso, e al rimborso delle eventuali cure riabilitative e fisioterapiche
  • Deve possedere un massimale molto alto o, meglio ancora, illimitato

Per stare ancora più tranquilli, alla copertura sanitaria è opportuno aggiungere altre coperture, con una polizza globale che protegga anche da eventi quali

  • Furto del bagaglio
  • Ritardo dei voli
  • Prolungamento del soggiorno
  • Annullamento del viaggio

Insomma, stipulare l’assicurazione prima di un viaggio a New York è praticamente indispensabile! Nell’approfondimento confrontiamo diverse assicurazioni di viaggio e vi aiutiamo a scegliere.

Assicurazione sanitaria per gli USA Vai all’approfondimento

Gli aeroporti di New York

Tre aeroporti servono l’area metropolitana di New York:

  • Il John F. Kennedy International Airport, noto come JFK, che si trova nel distretto del Queens, a sud, quasi al confine con Brooklyn
  • Il Newark Liberty International Airport, presso la città di Newark nel New Jersey, uno Stato confinante con quello di New York (li separa il fiume Hudson)
  • Il LaGuardia Airport, situato nel Queens e utilizzato soltanto per i voli interni e per voli da e verso il Canada. Quindi, partendo dall’Italia non atterrerai mai in questo aeroporto, che eventualmente utilizzerai per spostarti in aereo verso destinazioni degli USA o del Canada

Quale preferire?

  • Se alloggerai a Manhattan fatti guidare dal prezzo del volo, scegli cioè – tra il biglietto per il JFK e quello per il Newark – quello che costa meno. A parità di prezzo, però, the winner is… il JFK, perché è l’aeroporto con i collegamenti migliori.
  • Se alloggerai nel Queens o a Brooklyn, opta per il JFK per questioni di prossimità geografica
  • Se alloggerai nel New Jersey, ovviamente è preferibile l’aeroporto di Newark, che si trova proprio lì

I 3 aeroporti di New York Vai all’approfondimento

Voli per New York ✈️

Quanto costano, e come risparmiare?

Rispondiamo subito alla “mamma di tutte le domande”: quanto si spende per i voli?

In bassa stagione minimo €400, in alta stagione minimo €600-650. Si può fare? 🙂

Attenzione, però; ho detto “minimo”.

Per rimanere sulle cifre indicate, segui questi consigli:

  • Non affidarti ai Last Minute per l’acquisto dei voli: probabilmente avrai approfittato di interessanti pacchetti Last Minute per raggiungere altre destinazioni nel corso della tua vita, ma per New York questa tecnica non funziona. Il Last Minute serve sostanzialmente a smaltire gli invenduti. Hai mai sentito parlare di invenduti per New York?
  • Prenota i voli con congruo anticipo (dai 3 ai 5 mesi prima della partenza)
  • Non prenotare i voli appena vengono messi in vendita (circa 11 mesi prima della partenza), perché in questo caso saranno sicuramente a prezzo pieno
  • Valuta l’acquisto di un pacchetto volo + hotel per ottenere un discreto risparmio. Tieni spesso d’occhio questa pagina!

Se vuoi sapere TUTTO sui voli per New York (voli low cost, compagnie aeree che gestiscono la tratta, come trovare un volo economico, ecc.), leggi il mio approfondimento.

Voli per New York Vai all’approfondimento

Quanto durano?

I voli diretti dall’Italia da città come Roma, Milano, Venezia, all’andata durano tre le 8 e 9 ore, e al ritorno tra le 7 ore e 1/2 e le 8 ore.

I tempi si dilatano in caso di voli con scalo (che, di contro, possono costare circa il 20% in meno rispetto a quelli diretti).

Se opterai per i voli non diretti, ti raccomando di prestare particolare attenzione alla durata dello scalo.

No agli estenuanti scali di durata “infinita” (si fa per dire!) che sono degli antipatici “mangia tempo” – tempo prezioso della tua vacanza – e no soprattutto agli scali troppo brevi, che ti espongono al rischio di perdere il secondo volo, in caso di ritardo del primo.

Calcola come durata minima dello scalo 1 ora e 30 minuti, e (importante!) acquista un biglietto unico e non biglietti separati, per avere la garanzia di riprotezione nel caso in cui il ritardo del primo volo ti facesse perdere il secondo.

Per altre informazioni sulle ore di volo, consigli su cosa fare per trascorrere le lunghe ore e curiosità quali “perché il volo di ritorno dura meno?” (spoiler: il colpevole è il vento), ti consiglio questa lettura.

Trasferimento dagli aeroporti

Una volta sul suolo americano, ritirati i bagagli ed espletate tutte le formalità, bisognerà arrivare in hotel, accompagnati da una certa emozione e usando un mezzo di trasporto valido!

Ecco come fare.

Dal JFK (John F. Kennedy International Airport)

Come detto, l‘aeroporto JFK, nel Queens, è quello collegato meglio degli altri tramite mezzi di trasporto pubblici e privati, soprattutto se la destinazione finale è il centro di Manhattan.

Si può contare su

  • Metro (raggiungibile tramite il treno automatico Airtrain)
  • Taxi
  • Autobus;
  • Navette condivise (shuttle)
  • Limousine
  • Uber (il servizio alternativo ai taxi)

Quale scegliere? Dipende dalle preferenze, dalla rapidità con cui intendi arrivare a destinazione, e da quanto vuoi spendere.

Scopri tutte le possibilità (inclusi i collegamenti verso Brooklyn, il Queens e gli altri aeroporti) nell’approfondimento.

Trasferimento dall’aeroporto JFK Vai all’approfondimento

Da Newark (Newark Liberty International Airport)

Per gli spostamenti da questo aeroporto del New Jersey puoi scegliere tra

  • Mezzi Pubblici: Airtrain Newark + treno
  • Navette condivise (soluzione consigliata per il buon rapporto qualità prezzo)
  • Taxi
  • Limousine o auto private
  • Uber

È il tuo aeroporto? Allora leggi di più.

Trasferimento dall’aeroporto Newark Vai all’approfondimento

Da LaGuardia (LaGuardia Airport)

Questo aeroporto del Queens, dedicato ai voli interni e a quelli da e verso il Canada, è collegato con

  • Navette condivise
  • NYC Express Bus e autobus pubblici
  • Taxi

Trasferimento dal LaGuardia Vai all’approfondimento

Mezzi di trasporto: come spostarsi a New York

Per procedere con l’esplorazione della Grande Mela avrai a disposizione svariati mezzi di trasporto: li elenco subito, non c’è tempo da perdere!

A piedi

Certo. 🙂

Ci sono zone di New York che si apprezzano soltanto con una bella passeggiata. In particolare, alcuni quartieri di Manhattan come SoHo, il Greenwich Village, Little Italy e Chinatown.

A proposito, per sapere come orientarti a New York, tra Street ed Avenue leggi qui! Non è difficile.

In metro

Con le sue 472 stazioni che servono 27 linee, la grande metropolitana (Subway) di New York può portarti a spasso per tutti i distretti della città, ad eccezione di Staten Island.

Un suo difetto? Il solito, comune alle metropolitane sotterranee di tutto il mondo! Il treno passa sotto terra, quindi mentre viaggi non potrai ammirare la città.

Veniamo ai pregi. La metro di New York è rapida ed efficiente (in particolare, le linee principali – rossa e verde – hanno un’ottima frequenza) quindi ti aiuterà ad ottimizzare i tempi della vacanza, soprattutto quando devi affrontare tragitti lunghi.

Per usare la Subway senza intoppi, però, bisogna familiarizzare con tutte le sue caratteristiche e conoscerne il funzionamento. In particolare è utile sapere che

  • Alcune stazioni sono aperte 24 ore su 24, mentre altre sono “part-time
  • Ci sono linee locali e linee express, da saper distinguere
  • Occorre conoscere la direzione del treno da prendere
  • Scegliere se fare o meno l’abbonamento o semplicemente avvicinare la tua carta di credito al tornello.

Ti ho spaventato/a?

Niente paura: leggi l’articolo di approfondimento sulla metro che fugherà ogni dubbio e ti farà diventare esperto/a di questo mezzo di trasporto in poche semplici mosse.

La metropolitana di NY Vai all’approfondimento

In bus

Anche il trasporto pubblico in autobus a New York è efficiente e assicura la copertura di tutti i distretti.

Il suo principale pregio è che offre l’opportunità di spostarsi e ammirare contemporaneamente la città. L’autobus quindi è ottimo per i tragitti brevi o, al massimo, medi.

Per i tragitti lunghi invece, è facile imbottigliarsi nel traffico su un autobus. In una simile situazione, c’è sempre il piano B, cioè scendere e prendere la metro.

Ci sono comunque degli altri vantaggi del bus, rispetto alla metro, da considerare:

  • L’autobus ti farà viaggiare con maggiore tranquillità, se soffri di claustrofobia e nelle ore notturne
  • Per prenderlo non devi fare scale

Per sapere tutto sugli autobus di New York, leggi l’approfondimento.

Gli autobus pubblici di New York Vai all’approfondimento

E non dimenticare che nella Grande Mela ci sono anche i bus turistici hop-on hop-off (sali e scendi), utili per ammirare la città e per raggiungere con semplicità le migliori attrazioni.

In taxi

Ce ne sono davvero tanti a New York!

In vacanza probabilmente utilizzerai anche questo mezzo, e non solo per la sua innegabile comodità.

Dì la verità: hai voglia di salire sugli iconici taxi gialli visti in tanti film americani e di chiamarli con il cenno del braccio, come fanno i veri americani.

Infatti, non c’è un numero di telefono per prenotare i taxi a New York: bisogna contattarli richiamando la loro attenzione per strada.

Istruzioni per l’uso:

  • Scendi dal marciapiede e avanza un pochino verso la strada, nel piccolo spazio che separa il marciapiede dalle macchine che sfrecciano
  • Solleva il braccio!

Se il taxi è libero (lo è se soltanto la scritta centrale dell’insegna, quella con il numero del taxi, è accesa) si fermerà e ti farà salire. Buon viaggio!

Per maggiori informazioni su aspetti quali

  • I taxi in circolazione a New York (ci sono anche quelli verdi, i cosiddetti Boro Taxi che circolano nelle zone dove i gialli non arrivano)
  • Le tariffe (ci sono quelle standard, e quelle maggiorate tra le 20.00 e le 6.00)
  • La mancia da lasciare all’autista
  • I taxi dall’aeroporto

leggi il mio approfondimento.

Con mezzi alternativi: Uber, Limousine!

Uber e i servizi simili, come Lyft, sono delle alternative al taxi che offrono il vantaggio di farti sapere in anticipo il prezzo della corsa. Funzionano tramite app e possono risultare più convenienti del taxi.

Se invece, prenderai una Limousine, non lo farai per risparmiare, ma probabilmente per toglierti uno sfizio e per vedere l’effetto che fa!

In bicicletta

Ottimo mezzo alternativo se volessi vivere una vacanza a New York dai ritmi più lenti e rilassati!

Certo, le due ruote non si possono usare dappertutto, ma ci sono dei punti della città in cui girare in bici è fantastico. In particolare:

  • Il ponte di Brooklyn
  • Central Park
  • Il lungofiume dell’Hudson
  • Governors Island

vuoi saperne di più sull’argomento?

Nell’approfondimento ti parlerò di percorsi, di piste ciclabili, di come noleggiare e parcheggiare una bici a New York.

In bicicletta a New York Vai all’approfondimento

In funivia

Un’esperienza da fare a New York: prendere la funivia che porta fino all’isoletta Roosevelt Island!

Poi mi farai sapere cosa ne pensi del panorama che si vede dalla cabina. Io un’idea ce l’ho già.

In elicottero

Tour in elicottero di New York: i migliori giri
Tour in elicottero di New York: i migliori giri

Più che un mezzo di trasporto per attraversare (o meglio, sorvolare su) New York, prendere un elicottero è un “capriccio” che si trasformerà in un’esperienza indimenticabile.

La città merita davvero di essere vista dall’alto!

Ci sono diverse proposte per i tour in elicottero, che trovi riepilogate in questa pagina.

Tour in elicotteroTutte le info

In auto a noleggio? Non proprio

Il noleggio di un’auto per una vacanza a New York è sconsigliato. Tanti sono i motivi:

  • Noleggiare un’auto nella città di New York è costoso
  • Trovare parcheggio è difficile, e i prezzi sono alti
  • Il traffico della Grande Mela è congestionato. Chi mai vorrebbe fare una vacanza snervante?

Dove dormire a New York?

Booking.com

Se è vero che gli alloggi nella Grande Mela non mancano, sarebbe un grave errore rimandare il momento della prenotazione pensando “Vuoi che non trovi un hotel a New York? Mica dovrò dormire sotto un ponte!“.

Dico questo perché gli alloggi a New York sono tendenzialmente costosi, quindi è bene prenotarli per tempo, dato che le sistemazioni con i prezzi migliori sono le prime ad andare via.

Dove alloggiare?

Naturalmente ci sono zone più comode di altre per via della loro posizione strategica.

Sono, però, anche le più costose, quindi molti turisti vanno a caccia di alternative con un buon rapporto comodità-prezzo.

Vediamo quindi dove si può dormire a New York.

Dormire a Manhattan

Il top? Scegliere un hotel nel centro di Manhattan, il distretto dove si concentra la maggior parte delle attrazioni.

Specialmente se vai a New York per la prima volta, alloggiare a Manhattan è quanto di più confortevole si possa chiedere, anche se da queste parti gli alloggi non sono propriamente low cost.

Ti piacerebbe dormire ad Uptown Manhattan? Date un’occhiata a queste strutture.

Se preferite Midtown Manhattan cliccate qui, e per Lower Manhattan qui.

E se avessi intenzione di dormire proprio nel cuore di New York City, cioè a Times Square, dai un’occhiata alle strutture consigliate in questa pagina.

Dormire a Brooklyn

Può essere una buona idea!

Qui si trovano tanti alloggi più economici rispetto alle sistemazioni di Manhattan, e la distanza con i principali punti di interesse di New York è comunque ragionevole, a patto che si scelga la zona giusta (ben collegata e non troppo lontana dalle attrazioni).

Quartieri consigliati sono, per esempio, Downtown Brooklyn, Williamsburg, DUMBO, Brooklyn Heights (quest’ultimo, però, non è economico).

Ti suggerisco questi hotel.

Dormire nel Queens a Long Island City

In caso di budget ridotto per l’alloggio potresti dormire nel Queens, dove gli hotel hanno prezzi ragionevoli.

La zona migliore è sicuramente quella di Long Island City, dato che questo è il quartiere più vicino a Manhattan.

In questa pagina ti suggerisco alcuni hotel.

Dormire nel Bronx

Si può dormire nel famigerato Bronx?

In qualche zona sì, mentre altre località sono da evitare.

Sconsigliate le zone ad elevato tasso di criminalità (il sud e il centro del distretto).

Si possono invece trovare alcuni validi alberghi (vicini alle stazioni della metro) a Mott Haven, il quartiere vicino allo Yankee Stadium.

Qui puoi soggiornare in relativa tranquillità, ma tenere sempre gli occhi ben aperti e non dimenticare mai in albergo la prudenza.

Altre strutture ricettive si trovano poi a West Farms (quartiere nelle vicinanze dello Zoo), a Baichester e Mount Hope.

Qui trovi un elenco di hotel nel Bronx.

Dormire nel New Jersey

Il New Jersey è lo Stato di fronte a New York, dall’altra parte dell’Hudson River (uno dei famosi fiumi di New York).

Qualche turista sceglie di alloggiare qui per questioni di budget: se anche tu stai pensando di dormire nel New Jersey per risparmiare, ti consiglio di considerare prima gli hotel di Long Island City, nel Queens.

Potresti trovare offerte in linea con la cifra che hai immaginato, e sarebbe per te più facile arrivare a Manhattan! Tra l’altro, ti troveresti sempre a New York City, e non in uno Stato diverso.

Se invece confermi l’intenzione di dormire nel New Jersey, dai un’occhiata a questa pagina dove ti raccomando alcune strutture.

E Staten Island?

Purtroppo in questo distretto non c’è la metropolitana.

Se è vero che nel distretto circolano la linea ferroviaria extraurbana SIR (Staten Island Railway) e gli autobus, considera che gli spostamenti da Staten Island verso le attrazioni principali di New York richiederebbero tantissimo tempo.

Per questo motivo, non ti consiglio di dormire in questo distretto.

Se intendi comunque farlo dai un’occhiata a questo elenco di strutture e possibilmente orientati su quelle più vicine al terminal dei traghetti.

Dove dormire a New York Vai all’approfondimento

Hotel con caratteristiche particolari: con colazione, economici, ecc.

Clicca sulla tipologia che fa per te per tutti gli approfondimenti del caso!

Dove mangiare

Per la strada, o in un ristorante multi-stellato. In poche parole, dove vuoi tu!

New York City è generosa anche in questo. Ti può deliziare con piatti ricercati delle cucine tutto il mondo – attenzione, però, ai prezzi! – o farti sentire come un vero americano quando gusterai, per esempio, i suoi hot-dog in vendita nei classici carretti, a prezzi decisamente più abbordabili.

In tutti i distretti della città non si rischia di rimanere a bocca asciutta!

Cominciamo elencando che cosa si può mangiare di tipico a New York:

  • Hamburger. I migliori si trovano… in questa pagina: clicca e ti colpirà una pioggia di panini (un po’ come nel film di animazione “Piovono polpette”). Ho mentito: troverai solo l’indicazione dei luoghi dove gustare i migliori hamburger
  • Hot dog. In realtà sono nati in Germania, ma a New York sono un classico. Ecco dove trovare i più buoni della città
  • Bagel. Per sentirsi un po’ Homer Simpson bisogna assaggiare (qui, per esempio) i celebri panini di pasta lievitata originari della cucina polacca ed ebraica
  • Cheesecake. La golosa torta al formaggio è da provare nella Grande Mela, per scoprire che è diversa dalla nostra, ma sempre ottima. Io ti suggerisco di assaggiarla in uno di questi locali
  • Pastrami. Il panino portato in America dagli emigranti ebrei romeni intorno al 1800 è a base di carne di manzo sotto sale, marinato con spezie e affumicato. Ti indico cinque posti che servono il vero pastrami
  • Uova alla Benedict – Eggs Benedict. Un classico del brunch americano (e qui ti consiglio dove fare questo pasto della domenica)! Si tratta di un panino aperto formato da due metà di un muffin inglese (una specie di pane in cassetta) su cui vengono adagiati un uovo in camicia, lonza di suino oppure prosciutto e salsa olandese.

Proseguiamo con consigli su dove fare colazione, pranzo e cena!

Dove fare colazione

In pochi scelgono di farla in hotel: tra l’altro, quando viene proposta dall’albergo la colazione spesso si paga a parte ed è costosa (a meno che non sia già inclusa nel prezzo).

Ecco perché di solito i viaggiatori preferiscono scegliere ogni giorno un posto diverso per il primo pasto della giornata.

La colazione americana è a base di pancake, uova, bacon; saziante al punto che dopo un simile pasto, a pranzo si ha meno appetito.

Clicca sul pulsante di approfondimento: ti consiglio 10 luoghi in cui gustare la tua colazione a New York, e ti do anche alcune informazioni sulla colazione nei simpatici carretti alimentari, i Coffee Carts.

Dove fare colazione a New York Vai all’approfondimento

Dove pranzare e cenare

New York è una città multietnica e variegata, e lo stesso vale per le sue proposte gastronomiche!

Potresti quindi provare ogni giorno qualcosa di diverso, alternando ristoranti, fast-food (e carretti!) con caratteristiche e fasce di prezzo variabili.

Qualche suggerimento:

Se tutti questi suggerimenti non fossero sufficienti, ne aggiungo uno un po’ bizzarro: potresti andare in uno dei ristoranti pazzi di New York.

E se non sapessi come ordinare da mangiare nella Grande Mela, leggi qui.

Sicurezza della città

New York è una città pericolosa? Solitamente per un turista non lo è.

Infatti, le zone con un certo tasso di criminalità nella Grande Mela sono soprattutto quelle non turistiche, che si trovano in alcuni quartieri specifici dei vari distretti.

Nella zona più turistica di Manhattan, invece, in linea di massima si può circolare in sicurezza.

Ovviamente, la prudenza non è mai troppa, e valgono sempre le regole di buon senso, a New York come in qualsiasi altra città del mondo.

Quindi:

  • Comportati sempre in modo discreto, senza fissare le persone e senza attaccare briga
  • Fai attenzione nei luoghi meno frequentati, ma anche in quelli più affollati (quindi, anche a Times Square)
  • non comportarti da ingenuo turista appoggiando – per esempio – la tua macchina fotografica in un punto molto esposto, e perdendola di vista
  • non circolare con molti gioielli
  • possibilmente non circolare da soli in metro la sera tardi (specialmente nelle stazioni periferiche) e non addentrarti in zone buie e poco frequentate come se niente fosse! Evita i parchi e le spiagge nelle ultime ore della giornata

Zone dove prestare particolare attenzione:

A Manhattan: Grand Central Terminal, Times Square, Port Authority (dove si segnalano scippi), Central Park dopo il tramonto (soprattutto la parte nord). Il quartiere di Harlem è tranquillo ma sembra fare eccezione East Harlem, che però di solito i turisti non visitano.

A Brooklyn: occhi aperti nella zona di Flatbush, di Brighton Beach (“Little Odessa”) e dintorni, e nella parte da Bedford-Stuyvesant a Brownsville e verso est

Nel Bronx: le zone vicine alle principali attrazioni, come lo Yankee Stadium e lo Zoo sono abbastanza sicure. Da evitare sicuramente il South Bronx e il centro del distretto.

Cosa vedere a New York

Quanto tempo hai per leggere le cose da vedere a New York? Servono almeno tre giorni di ferie!

Scherzi a parte, le attrazioni di New York degne di nota sono tantissime, quindi ho deciso di selezionare per te solo le principali.

Ti propongo quindi una Top 25 delle cose da vedere: l’elenco naturalmente non è esaustivo e l’ordine di presentazione è casuale.

Consideriamo, quindi, i 25 punti di interesse belli a pari merito: poi ognuno stilerà la sua personale classifica di gradimento.

1. Statua della Libertà

Lady Liberty, la grande signora di New York! La grande Statua della Libertà si trova sull’isoletta Liberty Island (che da lei ha preso il nome), alla foce del fiume Hudson.

Andando a vederla si ha anche l’occasione di visitare un’altra famosa piccola isola, Ellis Island, e il suo Museo dell’Immigrazione.

Statua della Libertà Vai all’approfondimento

2. Empire State Building

Chi non lo conosce? Il famosissimo grattacielo e osservatorio è una vera e propria icona di New York e ti stupirà anche la sera, con le sue luci colorate (sono quasi 70.000!).

Empire State Building Vai all’approfondimento

3. Central Park

Il “Polmone Verde di New York”: il grande parco (che – sorpresa – non è il più grande della Big Apple) è costellato di punti di interesse: fontane, ponti, aree per pic-nic, impianti sportivi, caroselli, castelli… Da percorrere a piedi, in bici, in carrozza, in risciò.

Central Park Vai all’approfondimento

4. Ground Zero – One World Trade Center

Un luogo che, con i suoi 9/11 Museum e 9/11 Memorial, ricorda gli attentati dell’11 settembre 2001. Tutti dovrebbero visitarlo, per non dimenticare l’accaduto e continuare a riflettere.

World Trade Center Vai all’approfondimento

5. Ponte di Brooklyn

Camminare per il ponte di Brooklyn è bellissimo ed è completamente gratis
Camminare per il ponte di Brooklyn è bellissimo ed è completamente gratis

Eccoci arrivati a lui: uno dei “pezzi forti” del panorama di New York City.

Il ponte più iconico della città – e, probabilmente, del mondo – attraversa l’East River collegando i distretti di Manhattan e Brooklyn.

Il Brooklyn Bridge non scherza: è stato il primo ponte costruito in acciaio e per anni ha conservato il primato di “ponte sospeso più grande al mondo”.

Dal 1883, anno della sua inaugurazione, ha conosciuto… molti piedi: non vorrai fargli mancare i tuoi!

Puoi percorrerlo con una bella passeggiata (volendo, anche in bicicletta), e sarà un’esperienza indimenticabile.

Ponte di Brooklyn Vai all’approfondimento

6. Coney Island

Cosa vedere a Coney Island, New York
Cosa vedere a Coney Island, New York

Questo quartiere di Brooklyn (che a dispetto del suo nome oggi è una penisola), si può raggiungere facilmente in metropolitana e sembra un altro mondo rispetto a Manhattan.

Nella bella stagione è, allo stesso tempo

  • un apprezzato luogo di svago con il suo famoso “Luna Park“, il primo al mondo a chiamarsi così, e i fuochi d’artificio che rallegrano l’estate
  • una località di mare, con la sua spiaggia molto frequentata (ed è solo una delle spiagge di New York!)
  • un luogo amato dai golosi (imperdibile, l’hot dog di Nathan)

Pensa un po’: Coney Island ha un suo fascino tutto particolare anche quando fa freddo e tutto sembra fermarsi. Si possono fare bellissime fotografie dal sapore introspettivo, in compagnia di te stesso e di qualche gabbiano.

Coney Island Vai all’approfondimento

7. Times Square

L’intersezione più famosa della Grande Mela. Caos, luci, artisti di strada, insegne pubblicitarie grandissime, la scalinata rossa. Tutto a Times Square è invitante!

Non puoi dire di essere a New York se non vai a Times Square, almeno una volta.

Times Square Vai all’approfondimento

8. Harlem

La cattiva fama di questo quartiere di Manhattan è ormai un lontano ricordo.

Harlem, infatti, non è più il ghetto americano di un tempo, ma un luogo sicuro, accogliente, multietnico che merita sicuramente una visita.

Nel quartiere ci sono, per esempio, diversi musei interessanti, come El Museo del Barrio e il National Jazz Museum, e il leggendario Apollo Theatre!

Che ne diresti, poi, di assistere ad una messa Gospel ad Harlem?

Il quartiere di Harlem Vai all’approfondimento

9. Rockefeller Center

Un complesso di 19 edifici commerciali sulla 5th Avenue a Manhattan, che conquista visitatori e newyorkesi con le sue piazze, i negozi, le aree verdi, i ristoranti, l’osservatorio Top of the Rock (e, a Natale, con il grande albero).

Ecco perché si è meritato l’appellativo di “più grande città grattacielo del mondo”.

Rockefeller Center Vai all’approfondimento

10. Palazzo dell’ONU

Un’altra attrazione da non perdere.

New York ospita la sede della Nazioni Unite all’interno del famoso “Palazzo di vetro”, dove è possibile entrare! In alcuni giorni specifici, sono disponibili anche visite guidate in lingua italiana.

Entrando nel palazzo dell’ONU si può provare anche l’emozione di trovarsi… “fuori da New York” a New York!

Infatti, una volta solcato il cancello del palazzo di vetro, ci si ritrova in territorio internazionale.

Palazzo dell’ONU Vai all’approfondimento

11. Hudson Yards

The Edge è uno degli osservatori da non perdere in un viaggio di 4 giorni a New York
The Edge è uno degli osservatori da non perdere in un viaggio di 4 giorni a New York

Un nuovo punto di interesse di New York. Si tratta di un grandioso progetto di sviluppo immobiliare che ha interessato il West Side di Manhattan e favorito lo sviluppo urbano lungo l’Hudson.

Comprende spazi residenziali e commerciali, parchi, centri d’arte, installazioni, piazze.

I suoi fiori all’occhiello sono “The Vessel”, una struttura di design all’aperto dalla forma insolita (qualcuno ci vede un kebab!), con 154 rampe di scale collegate tra loro, e l’osservatorio “Edge”, il più alto dell’emisfero occidentale.

Hudson Yards e The Vessel Vai all’approfondimento

12. Grand Central Terminal

Classe 1913, la stazione Grand Central Terminal di Midtown Manhattan è la più famosa di New York (l’abbiamo vista in tanti film!), complice la bellezza dell’edificio in stile Beaux-Art che la ospita e sue attrazioni.

Per esempio, il prezioso orologio nel Main Concourse, la costellazione sul soffitto dipinta al rovescio, e la Vanderbilt Hall.

Dalla Grand Central Terminal si può entrare anche al bellissimo osservatorio Summit One Vanderbilt, uno dei più belli in assoluto.

Grand Central Terminal Vai all’approfondimento

13. New York Public Library

Ti piace leggere?

Allora apprezzerai la New York Pubilc Library (NYPL), il più grande sistema bibliotecario pubblico degli Stati Uniti: 52 milioni di volumi (tra classici libri cartacei, e-book e DVD), dovrebbero bastarti!

La NYPL comprende 88 sedi distaccate e 4 centri di ricerca: consigliatissima, una visita alla sua sede principale (tra l’altro si entra gratis!) sulla Fifth Avenue.

Riconoscerai facilmente il suo maestoso edificio, lo Stephen A. Schwarzman Building.

Entrando fermati un attimo a fare un saluto ai due leoni di marmo rosa del Tennessee, chiamati “Patience” e “Fortitude”, che fanno la guardia all’ingresso e sono le mascotte della NYPL.

New York Public Library Vai all’approfondimento

14. Metropolitan Museum (The Met)

Che dire di lui, se non che è il museo più importante di New York e tra i più importanti del mondo?

Bisogna quindi dedicargli il tempo necessario: considera che la sua collezione permanente comprende più di due milioni di opere d’arte, suddivise in ben diciannove sezioni.

Si va dai reperti dell’antico Egitto ai dipinti e sculture dei maestri europei, e le opere d’arte moderna sono numerosissime.

Individua le sezioni che ti attirano di più, e preparati ad ammirare i capolavori del Met.

Metropolitan Museum Vai all’approfondimento

15. MoMA (Museum of Modern Art)

Opere al museo di Arte Moderna di New York
Opere al museo di Arte Moderna di New York

Per l’arte moderna, il museo MoMA non teme rivali.

Questo museo davvero cool espone opere di artisti come Monet, Picasso, Van Gogh, Dalì, Warhol, Boccioni.

A seguito dell’ultimo restyling (effettuato da giugno ad ottobre 2019), il museo è diventato ancora più contemporaneo e attraente.

Oggi ha una visione maggiormente inclusiva, comprende più opere realizzate da donne, asiatici, afroamericani, ispanici, e si è dotato di maggiori spazi artistici dedicati alla performance.

Quindi è da vedere o da rivedere!

Museo MoMA Vai all’approfondimento

16. Guggenheim

Un altro museo speciale di New York.

Il suo edificio bianco a forma di spirale, ben riconoscibile, custodisce opere d’arte moderna e contemporanea, che i visitatori osserveranno seguendo un percorso in leggera pendenza!

Al Guggenheim potrai ammirare opere di Cezanne, Degas, Gauguin, Manet, Monet, Pablo Picasso, Renoir, Van Gogh, Kandinskij, Klee e Chagall. Ed è solo una parte dei nomi.

Per questioni di spazio, le opere sono esposte a rotazione: non sarebbe possibile presentarle tutte contemporaneamente.

Il museo, inoltre, organizza prestigiose mostre temporanee: se intendi visitarlo, controlla qual è l’esposizione del periodo. Probabilmente, sarà qualcosa di interessante.

Guggenheim Museum Vai all’approfondimento

17. Museo di Storia Naturale

Tyrannosaurus Rex presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York City
Tyrannosaurus Rex presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York City

Il più amato dai bambini!

Sì, è quello del film “Una notte al museo” ma è anche, soprattutto, una delle istituzioni principali per la scienza e la ricerca in America.

Dinosauri, mummie, maschere cerimoniali, repliche fedeli di animali, pietre preziose, planetari… Da questo grande museo non si vorrebbe uscire mai.

E, quando uscirai, probabilmente lo farai tenendo tra le mani dei sacchetti pieni di souvenir acquistati al museo.

Museo di Storia Naturale Vai all’approfondimento

18. Intrepid: Sea, Air and Space Museum

Lo Space Shuttle all'interno del museo USS Intrepid
Lo Space Shuttle all’interno del museo USS Intrepid

Il “premio per l’originalità” spetta a lui: il più importante museo di storia marittima degli Stati Uniti, fondato nel 1982, è infatti ospitato su una nave portaerei, la USS Intrepid CV-11, in servizio durante la seconda guerra mondiale e la guerra del Vietnam.

Qui potrai vedere anche:

  • il primo prototipo orbitale realizzato dalla NASA, la navetta spaziale Enterprise Space Shuttle
  • il sottomarino USS Growler SSG-577
  • alcuni degli aerei civili e militari più veloci del mondo (Concorde incluso!), esposti sul ponte della nave.

Museo Intrepid Vai all’approfondimento

19. Flatiron Building

Il Ferro da Stiro di New York! Il grattacielo a pianta triangolare che piace a tutti va visto e fotografato assolutamente durante un viaggio nella Grande Mela.

Quando andrai a vederlo, trattieniti un po’ nel vicino Madison Square Park e ti affezionerai immediatamente a questa zona di New York, che non a caso si chiama Flatiron District, in onore del curioso edificio.

Flatiron Building Vai all’approfondimento

20. The Bronx

Brr! Paura? Il distretto più malfamato di New York attira e respinge allo stesso tempo.

Buone notizie: oggi molte zone del Bronx non sono più off-limits e si possono visitare con relativa tranquillità.

Le attrazioni più gettonate sono il Bronx Zoo, lo Yankee Stadium, il New York Botanical Garden e Arthur Avenue (una “Little Italy” che conserva, più di quella di Manhattan, una vera atmosfera italo-americana).

Il distretto del Bronx Vai all’approfondimento

21. High Line

La High Line è una delle cose imperdibili da vedere a New York
La High Line è una delle cose imperdibili da vedere a New York

Certe cose si possono trovare solo a New York. 🙂

Una di queste è la High Line, un parco urbano sopraelevato costruito su una ferrovia in disuso.

Questo parco lineare è un felice esempio di riqualificazione di una zona nel rispetto del suo passato, che altre città del mondo guardano come esempio.

Durante una passeggiata sulla High Line si possono vedere murales, installazioni artistiche, e scorgere numerosi punti di interesse newyorkesi come il Manhattan Refrigeration Building, lo Standard Hotel, il Whitney Museum (progettato dall’architetto Renzo Piano) e il molo Pier 54, dove avrebbe dovuto attraccare il Titanic.

High Line – Il parco sopraelevato Vai all’approfondimento

22. SoHo

SoHo è uno dei miei quartieri preferiti. Vista tra Broome e Wooster Street
SoHo è uno dei miei quartieri preferiti. Vista tra Broome e Wooster Street

SoHo (da “South of Houston”, cioè “A sud di Huston Street”) è un quartiere di tendenza di Manhattan, nel quale si respira un’atmosfera particolare.

Il consiglio è di andarci, per scoprire di persona qual è questa atmosfera!

Tra palazzi di ghisa sorti alla fine dell’Ottocento, gallerie d’arte e… loro, le inconfondibili scale antincendio esterne tipiche di New York, ti convincerai che quella di SoHo è una zona bellissima da esplorare, e – perché no – anche da “svaligiare” con lo shopping.

Il quartiere di SoHo Vai all’approfondimento

23. Wall Street e il Financial District

Charging bull, il toro di Wall Street
Charging bull, il toro di Wall Street

Per respirare l’atmosfera degli affari della Big Apple non c’è niente di meglio di una passeggiata nella zona di Wall Street e del Financial District di Manhattan, durante una giornata lavorativa (per gli altri. 🙂 Non per te, che sarai in vacanza).

Vedrai grattacieli, uomini e donne d’affari vestiti elegantemente che camminano in fretta per le strade del quartiere (non dimentichiamo che “il tempo è denaro”), e non potrai fare a meno di andare al Bowling Green Park per vedere la statua del Charging Bull, il toro portafortuna di New York.

Wall Street e il Financial District Vai all’approfondimento

24. St Patrick’s Cathedral

Sant Patrick's Cathedral New York
La bellissima St. Patrick’s Cathedral

La cattedrale dedicata a San Patrizio, St. Patrick’s Cathedral, è la più grande cattedrale cattolica in stile neogotico degli Stati Uniti e si trova, apparentemente, fuori contesto.

Infatti, fa capolino sulla Fifth Avenue tra gli altri edifici dall’aspetto ben diverso dal suo: moderni grattacieli, centri commerciali e il complesso del Rockefeller Center.

Potrebbe essere anche questo il segreto del suo fascino!

Realizzata di mattoni rivestiti di marmo, la cattedrale neogotica con il suo aspetto regale non somiglia a nessun altro e colpisce inevitabilmente l’attenzione. Merito anche delle due guglie che si stagliano a più di 100 metri dal suolo.

Gli ampi interni sono altrettanto suggestivi, e possono accogliere fino a 2.400 persone. Entrate, c’è posto.

St. Patrick’s Cathedral Vai all’approfondimento

25. Roosevelt Island

La conosci? Si tratta di una piccola e stretta isola immersa nell’East River, tra Manhattan (il distretto al quale appartiene) e il Queens.

Un luogo tranquillo che, nonostante la sua dimensione ridotta (è lunga solo 3,2 chilometri e con una larghezza massima di 240 metri) vanta la presenza di svariati punti di interesse.

Per esempio, il Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park, le rovine del Smallpox Hospital e Il faro e Lighthouse Park.

L’attrazione migliore dell’isola è, probabilmente, il panorama che si può ammirare dalla funivia che si prende per arrivare alla Roosevelt Island.

Durante i 6/8 minuti di percorrenza aerea, infatti, dalla cabina della funivia vedrai l’East River, il Queensboro Bridge, Manhattan e Long Island City. Niente male!

Roosevelt Island Vai all’approfondimento

Cosa vedere, per zona

Preferisci sapere quali sono le migliori attrazioni da vedere zona per zona?

Bene, allora clicca sui nomi dei luoghi per visualizzare i loro punti di interesse.

Itinerari di New York

Ora che hai un’idea più precisa delle cose da vedere, è tempo di pensare ad un itinerario.

Se sei a caccia di spunti, leggi le mie proposte per itinerari da 1 a 10 giorni!

Itinerari di New YorkTutte le info

Itinerario da 1 giorno

  • Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center

Itinerario da 2 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum

Itinerario da 3 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum
  • Giorno 3: Chinatown e Little Italy → Chinatown e Little Italy → Greenwich Village → Meatpacking District, Chelsea Market e High Line

Itinerario da 4 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum
  • Giorno 3: Chinatown e Little Italy → Chinatown e Little Italy → Greenwich Village → Meatpacking District, Chelsea Market e High Line
  • Giorno 4: Harlem → Un museo → Crociera con cena

Itinerario da 5 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum
  • Giorno 3: Chinatown e Little Italy → Chinatown e Little Italy → Greenwich Village → Meatpacking District, Chelsea Market e High Line
  • Giorno 4: Harlem → Un museo → Crociera con cena
  • Giorno 5: Palazzo dell’Onu → Grand Central Terminal → 5th Avenue: New York Public Library e Bryant Park

Itinerario da 6 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum
  • Giorno 3: Chinatown e Little Italy → Chinatown e Little Italy → Greenwich Village → Meatpacking District, Chelsea Market e High Line
  • Giorno 4: Harlem → Un museo → Crociera con cena
  • Giorno 5: Palazzo dell’Onu → Grand Central Terminal → 5th Avenue: New York Public Library e Bryant Park
  • Giorno 6: Escursione fuori città

Itinerario da 7 giorni

  • Giorno 1: Top of the Rock → Central Park → Ponte di Brooklyn → Ground Zero – World Trade Center
  • Giorno 2: Statua della Libertà e Ellis Island → Wall Street → 9/11 Museum
  • Giorno 3: Chinatown e Little Italy → Chinatown e Little Italy → Greenwich Village → Meatpacking District, Chelsea Market e High Line
  • Giorno 4: Harlem → Un museo → Crociera con cena
  • Giorno 5: Palazzo dell’Onu → Grand Central Terminal → 5th Avenue: New York Public Library e Bryant Park
  • Giorno 6: Escursione fuori città
  • Giorno 7: Shopping!
Itinerari di New YorkTutte le info

Tour guidati in italiano

Grazie alla tua abilità di organizzatore (e, speriamo, con lo zampino dei miei suggerimenti), sarai in grado di organizzare un magnifico viaggio nella Grande Mela.

Se però cerchi il meglio del meglio, e durante la tua vacanza vuoi conoscere i segreti di ogni angolo di New York, allora dovresti partecipare ai tour in italiano in compagnia di una guida esperta!

Io ti consiglio Frank De Falco.

Guida apprezzatissima (guardate le sue recensioni su Trip Advisor), offre il pagamento alla fine della gita (esatto, non si paga in anticipo e non si versano cauzioni), la cancellazione gratuita, e non chiede la mancia!

Frank propone:

  • Tour di Downtown Manhattan
  • Tour di Harlem e Messa Gospel
  • Tour di Brooklyn
  • Tour di Uptown Manhattan

Per tutte le informazioni sui tour in italiano, clicca sul pulsante di approfondimento.

Tour di New York in italiano Vai all’approfondimento

Come risparmiare: i pass per le attrazioni

Ne sono certo: a New York vorrai fare e vedere tutto, grazie a un entusiasmo che ti auguro di conservare per tutta la vita!

Per ottimizzare il tempo e il tuo budget per vedere le attrazioni, potresti acquistare un pass che, in molti casi, ti farà anche saltare le file all’ingresso!

I pass sono “pacchetti” che si acquistano in anticipo e comprendono i biglietti di ingresso alle attrazioni e i tour, già pagati nel prezzo del pass.

Rispetto al prezzo di acquisto dei biglietti singoli, con il tuo pass otterrai un sicuro risparmio.

Quale pass per New York?Tutte le info

Sono disponibili pass per New York per ogni esigenza, strutturati in vari modi:

Pass tutto incluso (all inclusive)

Questi sono indubbiamente i pass più completi.

Acquistando questa tipologia dovrai scegliere la durata del pass in giorni, tra i tanti “tagli” disponibili (si va da 1 a 10 giorni).

Nei giorni di validità del pass potrai vedere tutte le attrazioni che vuoi tra quelle incluse, che sono circa 100.

Fanno parte di questa categoria:

Pass componibili con scelta del numero di attrazioni

In questo caso potrai comporre i pass con il numero di attrazioni che vuoi vedere, tra quelle disponibili.

Sono inclusi in questa tipologia:

Pass preconfezionati

Lo è solo il

Comprende 2 attrazioni fisse, e altre 3 attrazioni a scelta.

Oltre ai pass ci sono tanti altri accorgimenti che si possono prendere per risparmiare, sia nell’organizzazione di un viaggio a New York, sia quando sarai lì. Leggi la mia guida con 10 consigli su come risparmiare.

Cosa fare a New York

Ecco un elenco di cose da fare assolutamente a New York:

  • Visitare le attrazioni. Quali, e come organizzarsi? Trovai utili spunti nei paragrafi ”Cosa vedere” e ”Itinerari”;
  • Andare alla scoperta della città a piedi. Non usare sempre i mezzi! Dove è possibile, cammina per le strade di New York (scopri quali sono le più belle), nei suoi favolosi parchi e possibilmente sul Ponte di Brooklyn;
  • Ammira il panorama dall’alto. Puoi farlo a pagamento (da qualche osservatorio, e qui trovi suggerimenti) oppure gratis;
  • Acquisti! Non conosco nessuno che sia ritornato da New York senza aver comprato neanche uno spillo! Per approfondimenti su questo stuzzicante argomento ti do appuntamento al prossimo paragrafo;
  • Mangiare cibo americano: hamburger, hot dog, lobster (i famosi astici americani), piatti delle cucine di tutto il mondo. Per riassaporare questo argomento torna al paragrafo “Dove Mangiare“.
  • Prendere un taxi, almeno una volta, per provare come si si sente a chiamarlo sollevando il braccio, come i veri newyorkesi
  • Un giro in elicottero. L’esperienza dura dai 12 minuti in su. Ne vale la pena? Secondo me, sì.
  • Assistere ad una funzione Gospel
  • Ammirare le luci della città. Fai una bella scorpacciata di luci e catturale con tante foto. Ti serviranno al ritorno, per coltivare la nostalgia di New York che molto probabilmente ti coglierà
  • Fare un giro in battello o in crociera. Non dimenticare che New York è una città d’acqua, quindi bisogna cogliere al meglio anche questa sua caratteristica.

Shopping a New York

Acquisti a New York: un argomento che non può mancare nella mia Guida!

La città è così ricca di proposte commerciali che si rischia di rimanere smarriti davanti al famoso “imbarazzo della scelta”.

Provo quindi ad aiutarti con informazioni utili e consigli per lo shopping.

Probabilmente gli shopping-addicted scorreranno questa parte con “un occhio aperto e un occhio chiuso”, nel senso che avranno già le idee abbastanza chiare.

Sei tu? Allora quasi certamente saprai già in quali negozi andare a fare acquisti, e hai già deciso che nella Grande Mela comprerai… dei jeans, delle sneakers, un dispositivo Apple, un maxi pupazzo Disney, un gioiello da Tiffany & Co. (d’oro o, per spendere meno, d’argento), e cosa altro?

Qualche altro spunto puoi trovarlo continuando a leggere (per esempio, l’ultimo dei “Consigli utili”. Ci avevi già pensato?).

Dove andare?

Sono luoghi da shopping:

  • Il Rockefeller Center
  • La Fifth Avenue, per uno shopping di lusso
  • Times Square per i souvenir
  • Herald Square, dove si trova Macy’s
  • Madison Avenue, dove si trovano i negozi dei brand più chic
  • SoHo, quartiere dove fare acquisti (non economici, in effetti)
  • Il quartiere di NoLita, per acquisti originali e all’insegna della creatività
  • La Broadway, zona di grandi firme ma che nelle strade laterali ti alletterà con negozi dai prezzi più interessanti

Che tipo di negozi si trovano a New York?

Ci sono:

Inoltre, molto famosi sono i negozi di:

  • abbigliamento, scarpe e abbigliamento sportivo (da Nike a Puma, da Adidas Sport a Paragon Sport, da Foot Locker allo store NBA)
  • elettronica: Apple Store e non solo!
  • giocattoli: Fao Schwarz, The LEGO Store, Disney Store
  • musica, libri e fumetti
  • cibo (da quello gourmet alle caramelle!)

Per non parlare dei negozi di souvenir, in cui è facile perdersi rapiti dai simpatici gadget in tema newyorkese. Qui te ne consiglio 5.

Consigli utili

→ Presta attenzione alla conversione delle misure: una volta a casa, richiedere un cambio-taglia a migliaia di chilometri di distanza non sarebbe semplice. Qui trovi le tabelle delle taglie americane

→ Hai davvero “intenzioni bellicose”? Valuta l’opportunità di partecipare ad un tour dello shopping

Vai a fare acquisti con scarpe comode (e se avessi sbagliato scarpe, comprati subito un altro paio, morbide morbide)

→ Cerchi oggetti o souvenir davvero particolari, all’insegna del design o che catturino davvero l’essenza di New York? Fai una capatina in uno dei negozi del museo MoMA (ce ne sono alcuni accessibili anche a chi non sta visitando il museo) o nello shop della New York Public Library sulla Fifth Avenue. Non avrai una delusione.

Come divertirsi

Ho il fondato sospetto che a New York la noia non esista!

Leggendo il paragrafo “Cosa fare” avrai già capito che non ci sarà da annoiarsi, ma entriamo più nello specifico elencandoti, in particolare, le attività più divertenti e quelle della New York by night.

Ecco, allora, qualche idea per voi. Potete:

  • Partecipare agli eventi Newyorkesi. Per esempio, le parate o gli incontri sportivi, a dir poco coinvolgenti. Preferisci il basket dei Knicks o dei Nets, il baseball dei New York Yankees o dei Mets, il football dei Giants o dei Jets oppure l’hockey sul ghiaccio dei New York Rangers?
  • Tra le cose divertenti da vedere a New York non posso non citare il bagno di Capodanno a Coney Island o il No Pants Subway Ride
  • Andare nei musei più spassosi di New York: per esempio, il museo delle cere, che propone interessanti esperienze interattive, o il museo delle stranezze Ripley’s Believe It or Not! a Times Square
  • Prendere parte ad un tour notturno: per spunti interessanti, clicca qui
  • Andare per locali: qui ti consiglio 8 locali in cui troverai musica, giochi, e persino la manicure
  • Ammirare New York da uno dei suoi migliori rooftop bar. Ti sentirai molto trendy!
  • Scatenarti in discoteca! In questa pagina ti parlo dei 5 club più gettonati della Grande Mela (e fornisco anche informazioni su prezzi, orari e abbigliamento richiesto; il dress code 🙂 è importante)
  • Andare a vedere un musical di Broadway. Un’esperienza imperdibile: guarda qui quanti spettacoli propone la Grande Mela!

Navigare e telefonare

In vacanza hai intenzione di “dimenticare il cellulare e il tablet” per dedicare occhi e attenzioni soltanto a ciò che ti circonda, oppure vorresti avere i dispositivi sempre con te, attivi e perfettamente funzionanti come al solito?

Qualunque sia la tua scelta, consiglio di organizzarti al meglio e di non rinunciare alla possibilità di navigare o telefonare senza difficoltà, che sia per un solo minuto o per un tempo decisamente superiore!

Se, infatti, è vero che a New York ci sono tanti hotspot Wi-Fi gratuiti, potresti avere l’esigenza di consultare qualcuna delle tue app (in particolare, le app utili per un viaggio nella Grande Mela come queste) trovandoti in un luogo specifico in cui non c’è il Free Wi-Fi. Quindi, potersi connettere in qualunque momento ha la sua importanza.

E per le telefonate, considera che se partiamo “senza fare niente” (cioè con il nostro solito piano tariffario) i prezzi per le chiamate applicati a New York non saranno certo i soliti!

Bisogna quindi informarsi e preparasi, per evitare possibili addebiti esagerati.

Come navigare

Per la navigazione dati negli States puoi scegliere tra due opzioni:

  1. usare il roaming del tuo gestore italiano
  2. acquistare una SIM card americana

Se sei orientato/a verso l’utilizzo del roaming del tuo gestore, ricorda di sottoscrivere un’offerta ad hoc per l’estero tra quelle disponibili, che solitamente includono sia la navigazione Internet, sia le telefonate e gli SMS. Diversamente, il roaming sarebbe eccessivamente costoso!

Preferisci acquistare un SIM americana? Potrebbe essere una giusta decisione nel caso in cui il tuo operatore non proponga valide offerte per l’estero, o qualora ti occorresse una quantità di dati superiore rispetto a quella inclusa nei piani del tuo gestore.

In questo caso, puoi acquistare la Sim già prima di partire, per esempio su Amazon o comprare una e-sim (una sim virtuale se il tuo telefono è compatibile) così avrai tutto preorganizzato ed eviterai di dover di comunicare in inglese (aspetto non banale per chi non conosce bene la lingua).

Se preferisci, puoi acquistare la Sim quando arriverai in America in un punto vendita, scegliendo tre le offerte di diverse compagnie telefoniche come At&t, Verizon Wireless e T-MOBILE.

Come telefonare

Piano tariffario per l’estero attivato? Bene! Per chiamare da New York verso l’Italia con il tuo telefono dovrai anteporre:

+ 39 oppure 0039

al numero che vuoi chiamare. Se il numero è già memorizzato nella tua rubrica, considera che il + 39 è già incluso.

Se, invece, devi chiamare dai telefoni locali USA verso l’Italia, dovrai digitare

011 + 39 + prefisso della città italiana + numero di telefono

Un esempio: per chiamare da New York a Roma il numero sarà 0113906123456.

Da New York a Milano, quindi, 0113902123456.

Tutto chiaro? Nell’approfondimento trovi maggiori informazioni e l’indicazione dei piani tariffari dei gestori italiani e americani.

Navigare e telefonare da NY in ItaliaTutte le info

New York con i bambini

Bisogna riconoscerlo: i “turisti in miniatura” che arrivano Grande Mela sono bambini fortunati, per due motivi:

  1. possono visitare già dalla tenera età la città che in tanti sognano di vedere per una vita intera
  2. si ritrovano in un luogo che è come il Paese dei Balocchi, ricco di stimoli e occasioni di svago per loro

Ecco, quindi, una lista non esaustiva di ciò che i tuoi bambini ameranno fare e vedere a New York:

  • Andare al parco. Non c’è che l’imbarazzo della scelta, dato che in città ci sono tantissimi parchi dove correre, noleggiare biciclette, fare pic-nic, divertirsi nelle aree giochi e inseguire scoiattoli correndo a perdifiato
  • Salire su un “Carosello”, le giostre dal sapore antico, con i cavalli che girano a suon di musica! Si trovano in diversi parchi
  • Visitare un museo: tra i tanti adatti ai più piccoli suggerisco il Museo di Storia Naturale (quello con i dinosauri!) l’Intrepid Sea, Air & Space Museum (ospitato su una nave portaerei), il Museo dei Grattacieli, il Children’s Museum e il Museo delle Cere Madame Tussauds
  • Nella bella stagione, trascorrere la giornata al Luna Park di Coney Island
  • Quando fa freddo, pattinare sul ghiaccio
  • Andare allo Zoo (quello del Bronx, per esempio, è bellissimo)
  • Fare acquisti nei negozi di dolci (immancabile la tappa da M&M’s) e giocattoli. Tappe sempre gradite sono quelle nei negozi LEGO, Disney e Fao Fao Schwarz

Per altre idee su una vacanza a New York con i bambini, cliccate su questo pulsante:

Cosa fare con i bambini a NY Vai all’approfondimento

E se un po’ ti preoccupa l’idea di affrontare il volo per New York con bambini piccoli, qui troverai informazioni e consigli utili.

Escursioni fuori New York

Le Horseshoe Fall, Cascate del Niagara
Le Horseshoe Fall, Cascate del Niagara

New York è ricchissima di cose da fare e da vedere, e allontanarsi da “lei” senza lasciarci il cuore è difficile ma, visto che sei in zona, non vorresti dare una sbirciatina anche nei dintorni?

Ci sono tour, anche in giornata, per altre destinazioni incantevoli, più o meno vicine alla Grande Mela.

→ Da New York a Hoboken (a soli 15 minuti da Manhattan)

Questa piccola città nel vicino stato del New Jersey ha vari assi nella manica.

È il luogo di nascita di Frank Sinatra, vanta la presenza di un meraviglioso lungofiume ed è anche la città del “Boss delle torte”, che conoscerai sicuramente per averlo visto in TV.

Da NY a Hoboken Vai all’approfondimento

→ Da New York ad Atlantic City (in 2h30m in bus o auto)

Una meta ideale per chi desidera ammirare l’oceano, trascorrere una giornata in spiaggia, fare acquisti (c’è un interessante outlet) ed eventualmente andare a caccia della buona sorte al casinò.

Da NY a Atlantic City Vai all’approfondimento

→ Da New York agli Hamptons (in giornata)

Per vedere il “mare chic” di New York e per sfuggire all’afa di Manhattan, durante la bella stagione si può fare una gita agli Hamptons, una zona decisamente esclusiva nell’estremità orientale di Long Island.

Preparati ad ammirare case lussuose, giardini curati, spiagge candide, e a respirare un’atmosfera di grande tranquillità.

Da NY agli Hamptons Vai all’approfondimento

→ Da New York alle Cascate del Niagara (anche in giornata)

Le Niagara Falls sono un prodigio della natura che si trovano un po’ in America e un po’ in Canada!

Le tre cascate – due delle quali si trovano in territorio americano, e una in territorio canadese – non hanno bisogno di tante presentazioni!

Sono tra i salti d’acqua più famosi del mondo, di indiscussa bellezza.

Di certo, ambientare alle cascate il film “Niagara” del 1953 con Marilyn Monroe è stata una scelta vincente, che ha accresciuto la fama delle Niagara Falls.

Per te una scelta vincente potrebbe essere quella di andare a vedere le Cascate. 🙂

da New York alle Cascate del Niagara  Vai all’approfondimento

→ Da New York a Washington (anche in giornata)

Aggiungere ad una vacanza nella Grande Mela una visita alla capitale degli USA è un’idea intrigante!

Le attrazioni di Washington D.C., sede delle principali istituzioni di governo degli Stati Uniti, sono ben note: la Casa Bianca, il Campidoglio, il Cimitero militare di Arlington, i memoriali, lo Smithsonian’s National Museum, solo per citarne alcune.

Allora, si va?

da New York a Washington  Vai all’approfondimento

→ Da New York a Philadelphia (anche in giornata)

Philly (questo il suo soprannome) è una città antica e importante, dove poter ammirare, per esempio, la famosa campana della Libertà (Liberty Bell) e salire con passo svelto sulla scalinata del Philadelphia Museum Of Art proprio come faceva Rocky Balboa.

da New York a Philadelphia Vai all’approfondimento

→ Da New York a Boston (anche in giornata)

Boston ti piacerà: non solo è la città custode dell’eredità storica americana, ma è anche un posto di mare, ricco di zone verdi e dallo stile un europeo. Attenzione: potrebbe anche prenderti per la gola con astici e birra.

da New York a Boston Vai all’approfondimento

Viaggi combinati: New York più…

Vuoi esagerare?

Ecco alcuni itinerari consigliati a chi vuole partire per un lungo viaggio che includa New York City e tante altre tappe indimenticabili.

→ New York – Boston, Cascate del Niagara e Toronto

Questo itinerario prevede 5 giorni a New York, per poi andare fino a Boston, alle Cascate del Niagara e a Toronto. Ti piace l’idea?

Allora, che sia solo per sognare, o per organizzare davvero un viaggio così, fai click sul pulsante.

New York – Boston – Cascate del Niagara e Toronto Vai all’approfondimento

→ Da New York a Miami + Bahamas

Itinerario fantastico per chi vuole mordere la mela e poi proseguire la vacanza all’insegna del mare nell’assolata Miami.

Non ti basta? In questo caso, per i più “ingordi” di vacanze, o per gli sposi in luna di miele (che possono permettersi un lungo viaggio), un’estensione alla Bahamas è da prendere in attenta considerazione.

New York – Miami – Bahamas Vai all’approfondimento

Serve aiuto? Scarica la Guida “New York con Carlo” e chiedi a me!

Se avessi ancora qualche curiosità, scarica e leggi anche la Guida New York con Carlo in pdf!

E se ti serve supporto per organizzare il tuo viaggio a New York, non essere timido/a e chiedi a me: sarò felice di aiutarti!

Puoi contattarmi scrivendo nello spazio per i commenti o su WhatsApp.

New York con Carlo Acquista l’ebook

E i consigli dalla A alla Z? 🙂

Ogni promessa è debito!

All’inizio della guida ti avevo parlato di consigli dalla A alla Z.

Eccoli: si tratta di suggerimenti in ordine alfabetico sulle cose da fare, vedere, portare con te, per un indimenticabile viaggio a New York.

  • A Assicurazione di viaggio. Da fare! Non è troppo costosa e, come sottolineato nel paragrafo dedicato, rinunciarci sarebbe un’imprudenza.
  • B Bagaglio a mano. Preparalo mettendoci dentro tutto quello che ti può servire durante le lunghe ore del volo che ti porterà a New York, ma anche un “Kit di sopravvivenza” (biancheria di ricambio, medicinali, ecc.) utile in caso di smarrimento del bagaglio da stiva. Non si sa mai.
  • CCambio dollari, convertitore e Carta di Credito. Non cambiare troppi $ prima della partenza! A New York si può pagare quasi tutto con la carta. In questa pagina trovi un utile convertitore euro-dollaro e tanti suggerimenti su dove cambiare o prelevare i dollari. Per quanto riguarda la tua Carta, prima di partire, verifica che non ci siano preclusioni al suo utilizzo negli USA e avvisa la banca del tuo viaggio, per scongiurare eventuali blocchi a scopo cautelativo. Sarebbe a dir poco spiacevole non poter proseguire il tuo shopping a New York
  • D DUMBO. Questo è il nome di un quartiere di Brooklyn, che meriterebbe una visita. L’ho inserito a titolo di esempio, per ricordarti che New York non è solo Manhattan! I distretti della città sono 5, e per cogliere l’essenza di tutta la Grande Mela, consiglio di “morderne” il più possibile
  • EEmpire State Building & C! Gli osservatori di New York sono attrazioni alle quali è difficile resistere. Empire State Building, Top of the Rock, One World Observatory, Edge e Summit One Vanderbilt. Secondo me, dovresti vederne almeno due (e, per risparmiare, verifica se l’ingresso è incluso in un pass). Sennò, che viaggio a New York è?
  • FFotografare. A New York si vince facile per quanto riguarda questo argomento: anche i meno esperti possono tornare a casa con scatti eccezionali. Se cercassi idee sugli scorci migliori da immortalare, leggi qui
  • GGratis. Parola sempre interessante! In questa pagina ti suggerisco 10 cose da fare a New York senza spendere niente (o quasi)
  • HHot dog. Certo che li assaggerai! Dove gustarli? Nei carretti sparsi qua e là per la città, oppure in questi 10 posti
  • IInternet e telefonia. Vietato improvvisare! Come indicato nel paragrafo “Navigare e telefonare“, ricorda di organizzarti prima della partenza per evitare addebiti eccessivi e inattesi.
  • JJane’s Carousel. Si tratta di una stupenda giostra con i cavalli dall’aspetto vintage (ce ne sono diverse a New York), si trova a Brooklyn e puoi salirci anche se hai superato i 5 anni! Lo farai? Questo è solo un pretesto per suggerirti di vivere la tua vacanza con un approccio allegro e spensierato
  • KKing Kong del 1933. Solo uno dei tantissimi film ambientati a New York! Ricordi Kong sull’Empire State Building? Se hai la passione per cinema e serie TV, durante la tua vacanza ricorda di andare a vedere le location dei film e telefilm del cuore. Per esempio, la casa di Carrie Bradshaw in Perry Street, la caserma di Ghostbusters nel quartiere di TriBeCa, il palazzo di Friends in Bedford Street…
  • LLady Liberty. La Statua della Libertà è un’attrazione da non perdere, ma se per caso non dovessi riuscire ad inserirla nel tuo itinerario, tieni a mente che puoi passare a farle un saluto ravvicinato con il traghetto gratuito Staten Island Ferry.
  • MMancia. Nella Grande Mela lasciare la mancia è una prassi consolidata, ma… dato che dalle nostre parti lo è meno, qualche viaggiatore nostrano si adegua malvolentieri a questa consuetudine. Come convincersi che la mancia non è un “supplemento forzato”? Considerando che, a New York, tanti lavoratori impiegati nel settore dei servizi sono pagati pochissimo, e l’unica loro possibilità di rendere redditizio il loro lavoro è quella di ricevere una mancia adeguata.
  • NNew York Stock Exchange e il toro di Wall Street! Una passeggiata nella zona di Wall Street, per vedere l’ingresso della famosa Borsa di New York, probabilmente è già nella lista delle tue cose da fare. Non c’è? Aggiungi questa tappa anche per andare a vedere – poco più in là – il Charging Bull, il toro di bronzo “figlio” di uno scultore italiano. Toccalo (non ti dico dove): sembra proprio che porti fortuna!
  • OOmbrello e/o impermeabile. Non si ha mai voglia di portarli quando si viaggia (un po’ per scaramanzia), ma a New York ti potrebbero servire, quindi è bene trovargli un posticino nello zainetto.
  • P Ponte di Brooklyn. Bellissimo da attraversare a piedi (o in bicicletta), possibilmente percorrendolo due volte, all’andata e al ritorno. Preferisci fare il tragitto in uno solo dei due versi? In questo caso ti suggerisco di percorrere il ponte da Brooklyn verso Manhattan, per ammirare lo skyline con i grattacieli! Il momento migliore? L’avrai già capito: quello del tramonto.
  • Q Quale mezzo di trasporto usare a New York? Oltre ai piedi (!) un mezzo con un ottimo rapporto qualità prezzo è la metropolitana.
  • RRientro dalle vacanze (di già?!): bisogna dichiarare gli acquisti effettuati? Per chi arriva in aereo, c’è una franchigia di €430 al di sotto della quale non occorre dichiarare alla dogana. Per i minori di 15 anni la franchigia è ridotta €150. Al superamento di questi limiti, si paga l’IVA ed eventuali dazi.
  • S Spina A e Spina B (Plug Type A, Plug Type B). Sono le prese di corrente americane, diverse da quelle italiane. Parti dall’Italia avendo con te l’adattatore per le prese di corrente (ed eventualmente anche il trasformatore). A New York lo pagheresti molto di più. Per altre informazioni sulle prese americane, leggi qui.
  • TTeatro! Un must per chi va a New York è andare a vedere un musical di Broadway. I biglietti ti sembrano troppo costosi? Si può tentare la carta dei chioschi TKTS: dovrai metterti in fila il giorno stesso dello spettacolo, e con un pizzico di fortuna potresti accaparrarti i biglietti a prezzi scontati. Qui trovi maggiori informazioni.
  • UUna settimana a New York basta? In realtà non basterebbe neanche un mese, tante sono le cose da fare e da vedere, ma per una visita soddisfacente una settimana può bastare. Tanto, probabilmente, poi vorrai ritornare a New York. E andare per 4/5 giorni “stiracchiati” avrebbe senso? Se non hai modo di allungare il viaggio, sì. Meglio vedere un pezzettino della Grande mela che non vederla affatto.
  • VValigia con chiusura TSA o lucchetto TSA. Attenzione! Le autorità locali potrebbero controllare il tuo bagaglio: le verifiche approfondite da parte della TSA, “Transportation Security Administration”, sono piuttosto frequenti. La TSA deve esaminare le valigie in transito negli USA anche a costo di forzarle. Per evitare di ritrovarsi con una valigia rovinata, occorre munirsi di lucchetti TSA e valigie con chiusura TSA. Il bagaglio potrà quindi essere aperto dall’autorità competente senza forzature, con una apposita chiave universale.
  • WWhispering Gallery. La “Galleria dei sussurri” si trova nella stazione Grand Central Terminal ed è entusiasmante: per una particolare proprietà acustica, due persone che si posizionano negli angoli apposti della galleria possono parlarsi e sentirsi nitidamente, anche con un semplice sussurro. Qualcosa di insolito da provare a New York!
  • X → X sulla lista delle cose da non dimenticare! Preso tutto? Assicurati di partire avendo con te tutto il necessario e segnare con una “X” le voci dell’elenco già verificate. Copia delle conferme di prenotazione, voucher, pass (siano essi in formato cartaceo o elettronico), documenti ecc. L’emozione per l’imminente viaggio potrebbe far dimenticare qualcosa… quindi ho preparato per te il memorandum “Cosa non dimenticare prima di partire per New York“.
  • YYankees! Andare a vedere una partita di baseball dei New York Yankees allo Yankee Stadium del Bronx, o un altro incontro sportivo a New York, è un’esperienza assolutamente consigliata. Consultando il calendario degli eventi puoi facilmente individuare quelli che si terranno durante il tuo “periodo newyorkese”.
  • ZZoo del Bronx. New York non è solo grattacieli e cemento. La città ha da offrire tanti posti naturali, pensiamo ad es. a Central Park. Se ti piacciono gli animali a New York c’è lo zoo del Bronx, uno dei più belli e più grandi di tutti gli Stati Uniti.
 

Non dimenticare l'assicurazione viaggio: sconto del 15%, fino al 30/06!

Sei in partenza per New York?

Non dimenticare la cosa più importante, l'assicurazione viaggio! Carlo ti consiglia Heymondo, che ti copre fino a 10 milioni per le spese mediche.

Scontata del 15% solo per gli amici di ViaggiNewYork.it!

Fai subito un preventivo

Carlo ti consiglia di leggere anche:

Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti